BSB Brands Hatch Gara 1: Byrne rispetta i pronostici

BSB Brands Hatch Gara 1: Byrne rispetta i pronostici

42° vittoria in carriera, 2° Lowes, botto nel finale

Commenta per primo!

A -1 dal record. Shane Byrne inizia la stagione 2013 del British Superbike facendo valere la sua legge in Gara 1 a Brands Hatch Indy. Nei 30, interminabili giri di una prima manche conclusasi con la bandiera rossa per lo spaventoso botto che ha visto sfortunati protagonisti in uscita dalla “Druids” Dan Linfoot e James Westmoreland (frattura del bacino per il primo, OK il secondo), il Campione in carica ha gestito al meglio gli pneumatici adottando una strategia funzionale per celebrare la 42esima affermazione in carriera nella categoria, a -1 dal primato tuttora detenuto dal rientrante Ryuichi Kiyonari, soltanto decimo scontando una partenza da dimenticare (19° al termine del primo giro). Nuovamente al via del BSB con la Kawasaki Ninja ZX-10R preparata dal Paul Bird Motorsport, il tri-Campione della categoria è balzato al comando al 15° giro facendo “sfogare” nei primi passaggi un agguerrito Joshua Brookes. Una volta conquistata la leadership l’ex pilota di MotoGP e World Superbike ha fatto sua la prima vittoria stagionale (oggettivamente mai messa in discussione), in trionfo con poco più di 1″ di vantaggio rispetto ad Alex Lowes, 2° all’esordio da pilota “ufficiale” Honda Racing UK schierato dal team Samsung Honda di Neil Tuxworth, mentre completa un podio multi-colore multi-marca la TAS Suzuki di Joshua Brookes, terzo ed in crisi di gomme nella fase decisiva della contesa. Secondo posto per Alex Lowes Giù dal podio, ma autore di una gara prodigiosa, termina quarto alla sua prima presenza con la BMW S1000RR di Hawk/Buildbase Jon Kirkham, bravo a “beffare” Tommy Bridewell (5° in rimonta), mentre lo sfortunatissimo Dan Linfoot complice la bandiera rossa e la classifica riportata al giro precedente conclude 6° seguito da Keith Farmer (protagonista nei primi giri, in crisi nel finale cercando di far esperienza nel gestire una Superbike sulla distanza di gara), l’altro pilota a terra James Westmoreland, Chris Walker e Ryuichi Kiyonari, soltanto 10° al rientro nel BSB. In zona punti anche Jakub Smrz, 15°, non il nostro Matteo Baiocco che dopo il volo di ieri porta la Ducati 1199 Panigale R di Rapido Sport Racing in sedicesima posizione. Cronaca di Gara Condizioni climatiche ottimali per la gara inaugurale della stagione 2013, Shane Byrne scatta dalla pole affiancato in prima fila da Alex Lowes, James Ellison e Jon Kirkham (vincitore lo scorso anno di Gara 1 sotto il diluvio), settimo al rientro Ryuichi Kiyonari, quindicesimo il nostro Matteo Baiocco unico pilota italiano al via. Non si schiera in griglia di partenza invece Jenny Tinmouth, leader venerdì delle prime prove libere, momentaneamente costretta alla resa per persistenti problemi al cambio della propria Honda Fireblade. Alle 12:45 locali viene dato il via libera per i due giri di ricognizione, ma c’è un problema: la Yamaha R1 di James Ellison non dà segnali di vita ritrovandosi costretto a rientrare in pit-lane e prender il via dal fondo dello schieramento in 26esima ed ultima posizione. Il vice-Campione BSB 2009 non rispetta i termini del regolamento ripresentandosi come nulla fosse successo in griglia dalla terza casella e, pertanto, sarà costretto a scontare un “ride-through” in corso d’opera. Allo spegnimento del semaforo non si fa trovare impreparato invece Byrne, leader alla prima staccata della “Paddock Hill Bend” su Lowes, Brookes, Linfoot (che spunto al via!), Farmer, Ellison, via via tutti gli altri con il primo giro che in un lampo va in archivio e con posizioni invariate. Viene intanto ratificata la penalizzazione in un “ride through” imposta ad Ellison, un protagonista in meno per la contesa che presenta un quintetto di piloti al comando formato nell’ordine da Byrne, Lowes, Brookes, Farmer e Linfoot, con quest’ultimi che sembrano i più determinati in questa fase iniziale della corsa. Lo sono entrambi, lo è soprattutto Joshua Brookes che al quarto giro sfila Lowes per il secondo posto e, una tornata più tardi, fa lo stesso su Byrne alla “Druids” facendo sua la prima posizione. Questa lotta al vertice consente a Tommy Bridewell, autore di una bella partenza dalla quinta fila, di rifarsi sotto, l’esatto opposto per Ryuichi Kiyonari soltanto 15° (partito malissimo) ed il nostro Matteo Baiocco (19°). Joshua Brookes completa il podio Ad 1/3 di gara si viaggia sul passo del 46″ ed il poker di testa formato da Brookes, Byrne, Lowes e Farmer riesce a staccarsi dalle Honda di Linfoot e Bridewell. E’ il momento di azzardare i primi tentativi di sorpasso, iniziano questo spettacolare valzer Farmer e Lowes che si scambiano la terza piazza in due distinte occasioni. Mentre Karl Harris, a tratti il pilota più veloce in pista, conferma il proprio “vizio” di cadere spesso e malvolentieri, esattamente al giro di boa della contesa Shane Byrne con una decisa staccata alla “Paddock Hill” attacca-e-passa Brookes riconquistando il comando delle operazioni. Proprio in questo momento l’australiano accusa il colpo e si vede sfilare anche da un deciso Alex Lowes, in grado di colmare il gap con Byrne, ma non abbastanza per sferrare l’attacco decisivo nel finale con “Shakey” che ci mette poco a ristabilire le gerarchie guadagnando 1″ ed oltre di vantaggio. Se non vi sono particolari emozioni per il primato, dietro è confronto aperto per il sesto posto tra Farmer, Linfoot, Westmoreland, Walker ed un Kiyonari in rimonta. Proprio qui si registra, all’uscita della “Druids”, un spaventoso incidente che vede sfortunati protagonisti James Westmoreland e Dan Linfoot, con il secondo che sembra avere la peggio, evitato di un soffio da Keith Farmer che stava transitando in quel momento. Doverosa esposizione della bandiera rossa proprio quando Byrne transitava in trionfo sul traguardo, classifica riportata al giro precedente con “Shakey” vincitore su Lowes e Brookes, chiude quarto all’esordio con Buildbase BMW Jon Kirkham vincitore del confronto diretto con Bridewell (5°), riammesso in sesta posizione lo sfortunato Linfoot a precedere Farmer, Westmoreland, Walker e Kiyonari ed il nostro Matteo Baiocco 16°, di un soffio fuori dalla zona punti preceduto da Jakub Smrz. MCE Insurance British Superbike Championship 2013 Brands Hatch Indy, Classifica Gara 1 01- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 29 giri in 22’30.877 02- Alex Lowes – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 1.376 03- Joshua Brookes – Tyco Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 6.207 04- Jon Kirkham – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 9.009 05- Tommy Bridewell – Bathams Honda – Honda CBR 1000RR – + 9.326 06- Dan Linfoot – Lloyds British GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 13.281 07- Keith Farmer – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 13.351 08- James Westmoreland – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 13.413 09- Chris Walker – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 13.681 10- Ryuichi Kiyonari – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 13.814 11- PJ Jacobsen – Tyco Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 16.980 12- Josh Waters – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 20.505 13- Robbin Harms – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 21.341 14- Peter Hickman – Lloyds British GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 23.538 15- Jakub Smrz – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 24.301 16- Matteo Baiocco – Rapido Sport Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 27.616 17- Howie Mainwaring – MH Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 28.280 18- James Ellison – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 29.012 19- Martin Jessopp – Riders Motorcycles – BMW S1000RR – + 33.847 20- Luke Quigley – MH Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 35.014 21- Lee Costello – Halsall Racing – Kawasaki ZX-10R – + 44.107 Aggiornamento: successivamente Dan Linfoot e James Westmoreland sono stati estromessi dalla classifica finale, di seguito la definitiva di Gara 1 01- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 29 giri in 22’30.877 02- Alex Lowes – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 1.376 03- Joshua Brookes – Tyco Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 6.207 04- Jon Kirkham – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 9.009 05- Tommy Bridewell – Bathams Honda – Honda CBR 1000RR – + 9.326 06- Keith Farmer – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 13.351 07- Chris Walker – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 13.681 08- Ryuichi Kiyonari – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 13.814 09- PJ Jacobsen – Tyco Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 16.980 10- Josh Waters – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 20.505 11- Robbin Harms – Doodson Motorsport – Honda CBR 1000RR – + 21.341 12- Peter Hickman – Lloyds British GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 23.538 13- Jakub Smrz – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 24.301 14- Matteo Baiocco – Rapido Sport Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 27.616 15- Howie Mainwaring – MH Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 28.280 16- James Ellison – Milwaukee Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 29.012 17- Martin Jessopp – Riders Motorcycles – BMW S1000RR – + 33.847 18- Luke Quigley – MH Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 35.014 19- Lee Costello – Halsall Racing – Kawasaki ZX-10R – + 44.107

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy