BSB Brands Hatch Gara 1: Byrne batte Brookes, Haga a terra

BSB Brands Hatch Gara 1: Byrne batte Brookes, Haga a terra

Errore di Haga all’ultimo giro, Scassa in zona punti

Commenta per primo!

Il record di Ryuichi Kiyonari non è più al sicuro. Shane Byrne, nella “sua” Brands Hatch dove ha già trionfato nel recente passato in 8 distinte occasioni tra BSB e mondiale, si è aggiudicato la vittoria nella prima gara del settimo appuntamento stagionale del British Superbike, la 34esima in carriera nella categoria a soli 9 successi dal primato detenuto da “King Kiyo”. Scattato dalla pole, “Shakey” con la Kawasaki Ninja ZX-10R preparata dal Paul Bird Motorsport è balzato al comando delle operazioni al termine del primo giro riuscendo a regolare due avversari nell’arco della contesa: nella prima metà uno scatenato Noriyuki Haga tornato ad essere “Nitronori”, nel finale un deciso Joshua Brookes in rimonta. Byrne ha chiuso tutte le porte guadagnando una preziosa vittoria a scapito dell’australiano di TAS Suzuki e del campione in carica Tommy Hill, terzo sfruttando il clamoroso errore all’ultimo giro da parte del proprio compagno di squadra Noriyuki Haga, scivolato alla “Graham Hill Bend” quando si ritrovava in solitaria in terza posizione. Podio dunque con Byrne, Brookes e Hill, terzetto che si è guadagnato la matematica certezza di rientrare tra i sei eletti per lo “Showdown” dei tre conclusivi eventi della stagione 2012 che eleggeranno il campione del BSB. Grazie al terzo posto Hill resiste al comando a quota 250 punti, 20 lunghezze su Byrne e 24 su Brookes, quarto in gara ed in classifica Michael Laverty (Samsung Honda) con i restanti due posti dello “Showdown” ancora da definire. Complici gli errori di Haga e di Lowry (caduto alla “Paddock Hill”), Tommy Bridewell rafforza la propria quinta piazza dando vita ad una spettacolare rimonta in sella alla BMW S1000RR del Supersonic Racing Team, centrando l’ennesimo piazzamento nella top-5 davanti al sempreverde Chris Walker e Alex Lowes. Chiude quattordicesimo invece Luca Scassa, i primi due punti da 9 gare a questa parte, nella speranza di migliorare questo risultato in Gara 2 in programma nel tardo pomeriggio di Brands Hatch. Cronaca di Gara Per la prima volta in questa stagione Shane Byrne scatta dalla pole, accanto a lui in prima fila il capo-classifica di campionato Tommy Hill e gli altri due piloti ad un soffio dall’aritmetico approdo allo Showdown, Michael Laverty e Joshua Brookes. Scatta dalla quinta posizione invece Noriyuki Haga, in sedicesima Luca Scassa, condizioni climatiche ottimali e pubblico (come sempre) delle grandi occasioni sugli spalti. Con leggero ritardo, alle 13:37 locali accensione e spegnimento del semaforo con Michael Laverty ad avere lo spunto migliore, conquista l’hole-shot alla “Paddock Hill Bend” davanti a Byrne, le Swan Yamaha di Hill e Haga, Brookes, Lowry, Lowes, Easton e Walker. Haga prova subito a farsi largo a scapito del proprio compagno di squadra Hill, ma è Byrne che in pieno “Hawthorn Hill” sfila la Fireblade di Laverty. Prima manovra offensiva della contesa, la corsa prosegue e nelle retrovie James Hillier vola a terra alla mitica “Dingle Dell” per un rovinoso highside: la regia inquadra questa caduta, si perde un doppio sorpasso di Haga su Hill e Laverty su Byrne. Si chiude così il primo giro con Laverty, Byrne, Haga, Brookes, Hill passato 5°, Lowes e Lowry, Scassa 15°, non Westmoreland che incappa in un’escursione fuori pista e conseguente caduta alla “Paddock Hill Bend”. Prevedibile risposta per il primato da parte di Byrne, passa Laverty e guadagna subito decimi preziosi rispetto ai duellanti Laverty e Haga ora avvicinati da un agguerrito Brookes. “Nitronori” decide così di rompere gli indugi nel corso del terzo giro in piena “Clearways”, M-Lav prova a rispondere, ma la R1 #41 tiene bene la linea alla “Paddock Hill” e si lancia all’inseguimento di Byrne. Al quinto dei 18 giri previsti Byrne comanda con 1″ su un rimontante Haga, Laverty 3° precede Brookes, a seguire Lowes, Hill (in difficoltà rispetto ai canoni abituali), Lowry, Walker, Easton, Gowland con Bridewell 11° e Scassa 16° passato d poco da Seeley, scattato dalla ventesima posizione dopo il problema tecnico subito ieri nel corso del Q2. Si arriva al sesto giro e Ian Lowry, nel tentativo di guadagnare un posto nella top-5, sbaglia tutto alla “Paddock Hill” compromettendo un potenziale buon risultato per sè ed il team Padgett’s. Visibilmente affranto il buon Ian segue i propri colleghi da bordo pista, uno in particolare: Noriyuki Haga, il più veloce in pista, l’unico sotto il muro dell’1’27” tanto da ridurre a soli 7/10 lo svantaggio dall’ormai ex-fuggitivo Byrne. Raggiunto il giro di boa della contesa Brookes alla “Druids” passa Laverty per la terza posizione, Hickman saluta la compagnia per una caduta, ma soprattutto Haga ha di fatto preso Byrne. Ci prova subito alla “Surtees”, ma non c’è spazio: questa manovra consente a Joshua Brookes, autore del miglior riferimento cronometrico in 1’26″795, di rifarsi sotto. L’australiano non ci pensa due volte e sferra l’attacco a Nori alla “Druids”, il suo punto forte dove riprova la stessa manovra su byrne al 15esimo giro, ma “Shakey” è bravo a chiudere la porta. Siamo già arrivata al penultimo giro, Haga ha perso contatto da Byrne e Brookes in pieno confronto per la vittoria. Terzo posto sicuro? Niente affatto: proprio all’ultimo giro, all’ingresso della “Graham Hill”, sbaglia-e-paga perdendo l’anteriore della sua R1. Clamoroso colpo di scena, Tommy Hill sale così sul podio, ma a vincere è Shane Byrne davanti a Joshua Brookes, chiude 4° Michael Laverty, strepitoso 5° in rimonta Tommy Bridewell con Luca Scassa che conclude in quattordicesima posizione, i primi 2 punticini da 9 gare a questa parte. MCE Insurance British Superbike Championship 2012 Brands Hatch GP, Classifica Gara 1 01- Shane Byrne – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 18 giri in 26’13.972 02- Joshua Brookes – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 0.469 03- Tommy Hill – Swan Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 6.434 04- Michael Laverty – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 7.197 05- Tommy Bridewell – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 9.172 06- Chris Walker – Pr1mo Bournemouth Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 9.738 07- Alex Lowes – Team WFR – Honda CBR 1000RR – + 11.024 08- Stuart Easton – Rapid Solicitors Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 12.056 09- Alastair Seeley – Tyco Suzuki by TAS – Suzuki GSX-R 1000 – + 14.335 10- Michael Rutter – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 20.182 11- Barry Burrell – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 20.312 12- Jon Kirkham – Samsung Honda – Honda CBR 1000RR – + 20.621 13- Karl Harris – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 24.838 14- Luca Scassa – Padgett’s Honda – Honda CBR 1000RR – + 25.723 15- Patric Muff – Supersonic Racing Team – BMW S1000RR – + 32.305 16- Mark Aitchison – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – + 35.740 17- Scott Smart – Moto Rapido Racing – Ducati 1199 Panigale – + 36.843 18- Danny Buchan – MSS Bathams Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 37.619 19- Tristan Palmer – GBmoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 46.636 20- Aaron Zanotti – A-Plant Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 47.407 21- John Laverty – Splitlath Redmond – Aprilia RSV4 – + 47.569 22- Jenny Tinmouth – Hardinge Sorrymate.com Honda – Honda CBR 1000RR – + 1’07.278 Alessio Piana (Twitter: @AlessioPiana130)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy