BSB: Test a Silverstone nel segno di Leon Haslam

BSB: Test a Silverstone nel segno di Leon Haslam

Giornata di Test ufficiali MSVR a Silverstone per il BSB British Superbike: Leon Haslam il più veloce, ma non sono mancati i protagonisti ai vertici della graduatoria.

Bentornato ‘Pocket Rocket‘! Con questa esclamazione si può raccontare l’andamento della giornata di Test ufficiali del British Superbike vissuta sul tracciato Arena GP di Silverstone che ha visto Leon Haslam, al ritorno nel BSB a distanza di otto anni dall’ultima esperienza del 2008, staccare il miglior riferimento cronometrico in sella alla Ninja ZX-10R del team JG Speedfit GBmoto Kawasaki. Il progressivo miglioramento delle condizioni climatiche (pista umida nella primissima mattinata, sole per tutto l’arco delle prove in programma) ha reso possibile una costante crescita delle performance seppur senza intaccare la pole record 2015 di Joshua Brookes, Campione in carica migrato nel World Superbike. Perso il forte pilota australiano, il BSB ritrova un Leon Haslam in gran spolvero, leader della seconda e terza sessione in programma oggi riuscendo, proprio allo scadere ed all’ultimo giro disponibile, a fermare i cronometri sul 2’06″182 a scapito di Michael Laverty, secondo con la BMW S1000RR del TAS Racing e vicinissimo ad assicurarsi la ‘pole‘ di giornata.

PRIMEGGIA LEON HASLAM – Se nella mattinata, con tempi comprensibilmente lontani dal limite, con un guizzo il tri-Campione BSB Ryuichi Kiyonari (passato al team Halsall Bennetts Suzuki) era stato il più veloce, nei successivi due turni in programma è stata la volta di Leon Haslam. Non propriamente a suo agio nei primi test con la Ninja andati in archivio nei mesi scorsi in Spagna, il vice-Campione del Mondo Superbike 2010 ha dato prova di aver trovato il giusto affiatamento con l’elettronica (nei suoi trascorsi BSB non vigeva ancora la centralina unica MoTeC M170), specifiche Pirelli BSB e con le sospensioni Showa che equipaggiano la Ninja ZX-10R #91 ottimamente preparata da GBmoto Racing. Al 2’07″713 siglato nel primo pomeriggio Haslam ha poi fatto persino meglio nella conclusiva sessione con un pregevole 2’06″182, effettivo time attack che gli ha permesso di chiudere con un sorriso questa giornata di attività a Silverstone.

DIVERSE CADUTE – Per Leon non è stato facile arrivare a questa performance. Diverse cadute hanno infatti comportato una triplice bandiera rossa nel corso dell’ultimo turno, scombinando i piani delle squadre. Il primo a finire a terra senza conseguenze alla curva ‘The Village‘ è stato Jakub Smrz (ora in forze al team Smiths Racing BMW), seguito da Sam Hornsey (alla ‘Farm’) e, poco più tardi, in simultanea alla ‘Aintree’ da Jack Kennedy e Jenny Tinmouth. Quest’ultima, nuovamente al via del BSB con l’investitura di pilota ufficiale Honda Racing UK, ha fatto capolino al centro medico per tutti gli accertamenti del caso ed escludere fratture in vista dell’esordio stagionale in programma, sempre a Silverstone, dall’8 al 10 aprile prossimi.

Ryuichi Kiyonari e Shaun Winfield a stretto contatto (foto Official BSB)
Ryuichi Kiyonari e Shaun Winfield a stretto contatto (foto Official BSB)

HASLAM AL TOP, MA NON SOLO – Se Haslam, alla terza esperienza nel più competitivo campionato nazionale Superbike del pianeta dopo aver corso con GSE Ducati e HM Plant Honda, si merita la prima pagina di oggi, non sono mancati altri attesi protagonisti nelle posizioni che contano. Di passo e di performance sembra essere l’anno giusto per Michael Laverty, riconfermato in Tyco BMW by TAS e con una S 1000 RR oggi davvero all’altezza (frutto di un rinnovato impegno della casa madre) per puntare al massimo risultato come ribadito da Christian Iddon, quarto assoluto trovandosi a meraviglia con la 4 cilindri di Monaco. Tra di loro si è inserito il sorprendente Filip Backlund (Quattro Plant Kawasaki), meglio rispetto a Dan Linfoot (Honda) e ai due Ducatisti di punta: Danny Buchan (Moto Rapido Racing) ed il recordman della serie Shane Byrne, con i color Be Wiser Ducati (Paul Bird Motorsport) autore del settimo crono di giornata in 2’06″824. Sotto il muro del 2’07” complessivamente nove piloti compresi Richard Cooper (9° su Buildbase BMW) e John Hopkins, con la R1 dell’inedito team ePayMe Yamaha THM Motorsport di Tommy Hill (suo rivale nella corsa al titolo del BSB 2011) ottavo in graduatoria con un best lap di 2’06″944. Lo scoppiettante inizio di giornata non ha invece avuto un seguito per Ryuichi Kiyonari, sedicesimo e di poco preceduto dal suo nuovo teammate Tommy Bridewell. Unico nostro portabandiera del BSB, Vittorio Iannuzzo dopo test a Cadwell Park ha provato nuovamente la Ninja ZX-10R di Gearlink Kawasaki completando 45 tornate con un miglior crono personale di 2’10″860. Da segnalare infine la presenza al box Anvil Hire Yamaha del pilota MotoGP Bradley Smith, presente per sostenere l’amico James Rispoli all’esordio quest’anno tra le Superbike dopo successi maturati in Supersport.

ORA DONINGTON PARK – Archiviata la giornata di Test a Silverstone, i protagonisti del British Superbike si trasferiranno 106 chilometri più a Nord per affrontare giovedì la seconda sessione di prove ufficiali MSVR (acronimo MotorSportVision Racing, dal 2008 promoter del BSB) a Donington Park, ultima tappa della ‘Pre-Season‘ ad anticipare il primo round del calendario 2016 in agenda l’8-10 aprile prossimi a Silverstone.

MCE Insurance British Superbike Championship 2016
Official Test MSVR Silverstone
Classifica dei tempi

01- Leon Haslam – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 2’06.182
02- Michael Laverty – Tyco BMW by TAS – BMW S1000RR – + 0.122
03- Filip Backlund – Quattro Plant Cool Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 0.223
04- Christian Iddon – Tyco BMW by TAS – BMW S1000RR – + 0.233
05- Danny Buchan – Lloyds British Moto Rapido Racing – Ducati Panigale R – + 0.392
06- Dan Linfoot – Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – + 0.481
07- Shane Byrne – Be Wiser Ducati – Ducati Panigale R – + 0.642
08- John Hopkins – ePayMe Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 0.762
09- Richard Cooper – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 0.790
10- Jason O’Halloran – Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – + 0.844
11- Luke Mossey – Quattro Plant Tec-care – Kawasaki ZX-10R – + 1.024
12- Jakub Smrz – Smiths Racing – BMW S1000RR – + 1.111
13- Lee Jackson – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 1.337
14- Tommy Bridewell – Bennetts Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.337
15- Peter Hickman – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1.469
16- Ryuichi Kiyonari – Bennetts Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.669
17- James Ellison – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 1.799
18- Alastair Seeley – Royal Air Force BMW – BMW S1000RR – + 2.041
19- Martin Jessopp – Riders Motorcycles BMW – BMW S1000RR – + 2.043
20- Glenn Irwin – Be Wiser Ducati – Ducati Panigale R – + 2.087
21- James Rispoli – Anvil Hire Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 2.556
22- Stuart Easton – ePayMe Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 2.624
23- Aaron Zanotti – Platform Hire Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 3.431
24- Billy McConnell – Anvil Hire Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 3.532
25- Shaun Winfield – Anvil Hire Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 3.577
26- Luke Quigley – FS-3 Racing – Kawasaki ZX-10R – + 3.739
27- Jenny Tinmouth – Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – + 4.006
28- Howie Mainwaring – Smiths Racing – BMW S1000RR – + 4.020
29- Sam Hornsey – Team WD-40 – Kawasaki ZX-10R – + 4.587
30- Vittorio Iannuzzo – Gearlink Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – + 4.678
31- Michael Dunlop – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – + 5.198
32- Jack Kennedy – Team WD-40 – Kawasaki ZX-10R – + 7.203

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy