BSB: Taylor e Tarran Mackenzie, fratelli… birbantelli

BSB: Taylor e Tarran Mackenzie, fratelli… birbantelli

Al via del Bennetts BSB ci saranno i fratelli Taylor e Tarran Mackenzie: promettenti, ben sistemati in squadre di vertice, già fanno preoccupare papà Niall…

di Alessio Piana, @alessiopiana130
Taylor e Tarran Mackenzie in azione

Here we go“. Con questo tweet, comprensivo di una emoticon “preoccupata” e lo scatto che li ritrae a confronto diretto in pista, Niall Mackenzie ha ricordato a tutti che al via del British Superbike 2018 ci saranno contemporaneamente i suoi due prodigi: Taylor e Tarran. Giovanissimi (47 anni in due), talentuosi e agguerriti, i fratelli Mackenzie puntano a scalare le gerarchie in uno dei campionati più combattuti e spettacolari del pianeta. Una sfida non di poco conto per entrambi, ma nei loro percorsi di carriera ne hanno vissute di ogni: lottare l’uno contro l’altro sarà una pura e semplice formalità…

TAYLOR A CACCIA DEL RISCATTO – Se per Tarran sarà la stagione d’esordio con una Superbike, Taylor ormai con le 1000 ci ha preso gusto. Meteora del Motomondiale (stagione 2011 in 125cc con il team di Fiorenzo Caponera), successivamente ha fatto esperienza nel British Supersport con team di prim’ordine (TAS Racing compreso) prima dello sbarco nel BSB. Un 2015 difficile con WD-40 GR MotorSport Kawasaki, il riscatto nel 2016 sotto le insegne del team Buildbase Hawk BMW conquistando il titolo nazionale Superstock 1000. Un riconoscimento che gli ha permesso lo scorso anno di tornare nel BSB con l’investitura di portacolori Bennetts Suzuki, senza tuttavia incidere in termini di performance: con la nuova GSX-R 1000 ancora da svezzare tante battute d’arresto e persino un brutto infortunio a Silverstone, tanto da non trovar conferma nei piani 2018. Di fatto Taylor si è guadagnato un posto al via di questa stagione all’ultimo momento utile, ingaggiato da Moto Rapido Ducati per sostituire un John Hopkins costretto alla resa per la lunga trafila di infortuni che lo ha visto sfortunato protagonista. Con la Panigale R Tayor si è subito trovato bene nei primi test a Cartagena, spiccando anche riferimenti cronometrici degni di nota.

TARRAN ROOKIE D’ECCEZIONE – Strano da dirsi, ma per Tarran Mackenzie l’esordio nel BSB 2018 era stato programmato addirittura nella seconda metà del 2016. In una stagione magica per la famiglia Mackenzie con Taylor Campione STK1000 e Tarran in trionfo nel British Supersport, il contratto siglato con il team McAMS Yamaha prevedeva per Taz la riconferma tra le 600cc per poi, dal 2018, correre con una R1 Superbike. Tutto previsto nei piani, rivisti tuttavia in corso d’opera lo scorso anno. Dominate le prime 6 gare del British Supersport, per il più giovane dei fratelli Mackenzie arrivò l’irrinunciabile chiamata da parte del Kiefer Racing per sostituire nel Mondiale Moto2 Danny Kent. Grazie al via libera di McAMS Yamaha, Taz debuttò nel Motomondiale non senza qualche difficoltà e, soprattutto, senza pregiudicare la fiducia rimasta immutata da parte dei suoi estimatori d’oltremanica. Accanto a Joshua Brookes, con una R1 non così distante dalla moto del WSB, Tarran ha trovato posto nei piani 2018 con un obiettivo: vincere la graduatoria riservata ai Rookie e, perché no, guadagnarsi in prospettiva una nuova occasione nel Motomondiale…

Corsedimoto.com porta il British Superbike in diretta TV per la prima volta in Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy