BSB Shane Byrne vs Leon Haslam: sfida finale a Brands Hatch

BSB Shane Byrne vs Leon Haslam: sfida finale a Brands Hatch

Ultimo e decisivo round del British Superbike 2016: a Brands Hatch 3 gare per la sfida finale per il titolo tra Shane Byrne e Leon Haslam.

Soli 17 punti li separano dopo 23 gare, nel bel mezzo dello Showdown, con la prospettiva di dar vita nel decisivo ‘triple header‘ di Brands Hatch GP ad un confronto destinato a scrivere una memorabile pagina di storia della serie. Sul tracciato di Kent il British Superbike affronta il dodicesimo nonché conclusivo appuntamento stagionale nel segno del duello tra Shane Byrne e Leon Haslam, grandi (ed oggettivamente i migliori quest’anno) interpreti del campionato nazionale Superbike più competitivo del pianeta. Un duello che ha vivacizzato una stagione 2016 che ha elevato ulteriormente il BSB a standard d’eccellenza, attestandosi tra i campionati più in salute, di successo e spettacolari del globo, il miglior modo per celebrare il 20esimo anniversario di un British Superbike in costante ascesa.

SHANE BYRNE VS LEON HASLAM – Il duello tra ‘Shakey‘ e ‘Pocket Rocket‘ è il miglior biglietto da visita per il BSB. Due piloti amati dal pubblico, chiaramente di comprovata esperienza, con la loro manetta e ‘fame‘ di vittorie in grado di legittimare una stagione che ha proposto sei differenti vincitori, dodici distinti piloti saliti sul podio, il tutto riuscendo a promuovere ‘giovani leoni‘ (da Luke Mossey a Dan Linfoot passando per Jason O’Halloran, Jake Dixon, Richard Cooper e Peter Hickman) nel confronto con le ‘vecchie volpi‘ del motociclismo britannico (alla faccia di un BSB ritenuto impropriamente “cimitero degli elefanti“…). Byrne e Haslam si sono aggiudicati finora lo stesso numero di vittorie (9 a testa), scambiandosi a più riprese la leadership della generale fino al rimescolamento offerto dallo Showdown, play-off introdotto nel 2010 comprensivo dei conclusivi 3 eventi (Donington Park, Assen, Brands Hatch GP) della stagione con ammessi i 6 migliori piloti emersi dai primi 9 round, tutti promossi a quota 500 punti più gli addizionali Podium Credits conquistati nella Main Season. Il risultato è di tenere aperti i giochi-campionato fino all’ultimo round e di offrire uno scontro tra Byrne e Haslam distanziati da soli 17 punti con 75 ancora in palio nelle tre gare in programma a Brands Hatch GP.

Leon Haslam e Shane Byrne a confronto (foto MCN)
Leon Haslam e Shane Byrne a confronto (foto MCN)

DUELLO A PAROLE, CON RISPETTO RECIPROCO – Sulla carta i favori del pronostico sono chiaramente per Shane Byrne, artefice quest’anno delle prime vittorie della Ducati Panigale nel British Superbike, conseguenza del rinnovato (ritrovato) interesse di Bologna riposto nella serie (accordo triennale con il Paul Bird Motorsport, disponibilità di moto Factory e di un capo-tecnico del calibro di Giovanni Crupi). Brands Hatch d’altronde è a tutti gli effetti la pista di ‘Shakey‘, dove ha totalizzato complessivamente 24 vittorie in carriera: 22 nel BSB più la clamorosa doppietta da wild card nel Mondiale Superbike 2003, 17 delle quali (15 nel BSB) sul tracciato ‘Grand Prix‘. Un feeling con l’impianto di Kent ribadito lo scorso mese di agosto con una sensazionale doppietta nell’ambito del Big Brands Bash, alla quale Leon Haslam (3 vittorie a Brands Hatch tra circuito Indy e GP) dovrà rispondere cercando di conquistare la tripletta auspicando in un passo-falso del rivale. “Tutto è nelle mani di Shakey, io non ho nulla da perdere“, ha dichiarato proprio Haslam, tornato nel BSB quest’anno e confermato al via anche della prossima stagione, preferendo declinare diverse offerte per un rientro nel Mondiale. “Nelle tre gare correrò per vincere, non cambieranno i miei piani“, la risposta di Byrne, a quasi 40 anni (li compierà il prossimo mese di dicembre) deciso a conquistare il suo quinto titolo in carriera dopo le precedenti affermazioni del 2003 (proprio con PBM Ducati), 2008 (GSE Ducati), 2012 e 2014 (con Paul Bird Motorsport e Kawasaki). Il ‘Re‘ del BSB potrebbe inoltre riuscire nell’impresa di laurearsi Campione con tre differenti generazioni di Ducati, completando l’opera dopo le vittorie del 2003 e 2008 rispettivamente con le 998 e 1098.

LA LOTTA PER LA RIDERS’ CUP – Parallelamente alla sfida per il titolo, nelle tre gare di Brands Hatch si vivrà un avvincente confronto per la Riders’ Cup, premio ‘di consolazione’ istituito nel 2010 e riservato ai piloti non qualificatisi per lo Showdown. Nonostante una stagione altalenante pur comprensiva di 2 vittorie (le uniche per il team Tyco BMW, a caccia di un top rider per il 2017), Michael Laverty conduce questa speciale classifica con 5 punticini di vantaggio rispetto a Richard Cooper, con Buildbase BMW (squadra che dovrebbe passare a Suzuki l’anno venturo) tra le rivelazioni del 2016 tanto da vincere Gara 2 ad Oulton Park. L’ex collaudatore ufficiale BMW Motorrad Motorsport a Brands Hatch ha ottenuto quattro dei suoi cinque podi in carriera nel BSB, pronto a dare l’assalto alla Riders’ Cup così come il vincitore del Macau Grand Prix 2015 Peter Hickman (in trionfo quest’anno in Gara 2 a Silverstone) a Christian Iddon, distanziato di 29 lunghezze dal proprio compagno di squadra M-Lav.

Tre gare chiuderanno la stagione 2016 del British Superbike a Brands Hatch GP
Tre gare chiuderanno la stagione 2016 del British Superbike a Brands Hatch GP

IANNUZZO E POLITA DIFENDONO IL TRICOLORE – In un BSB che parla sempre più italiano, i nostri due portabandiera si stanno ritagliando uno spazio importante alla luce di quanto emerso nell’ultimo periodo. A punti in entrambe le gare a Donington Park, successivamente ad Assen Vittorio Iannuzzo con la (privatissima) Kawasaki del team Gearlink per la prima volta si è qualificato nel Q2 con un 14° crono assoluto di alto profilo (sarebbe stato 8° nella Superpole del Mondiale…), restando davanti ad una vasta schiera di abituali protagonisti della serie. Per il pilota irpino Brands Hatch rappresenterà una concreta chance di chiudere in bellezza la sua prima stagione completa nel BSB, affiancato nuovamente da Alex Polita, convocato dal team Moto Rapido Ducati a partire da Assen. Proprio sul tracciato di Kent (layout ‘Indy’) nel 2012 il ‘Pirata’ conquistò il suo miglior risultato in carriera nel British Superbike, 11° sul traguardo all’epoca in sella ad una Ducati Panigale non all’odierno livello di competitività.

IN TV SU EUROSPORT 2 – In esclusiva per l’Italia Eurosport 2 (canale 211 di Sky, 373 di Mediaset Premium) trasmetterà la super-finale del British Superbike 2016: domenica 16 ottobre alle 16:30 in (leggera) differita Gara 2, a seguire alle 17:00 la diretta della decisiva Gara 3.

MCE Insurance British Superbike Championship 2016
La Classifica dello Showdown

01- Shane Byrne – Be Wiser Ducati – Ducati Panigale R – 633
02- Leon Haslam – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 616
03- Dan Linfoot – Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – 566
04- James Ellison – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 560
05- Jason O’Halloran – Honda Racing – Honda CBR 1000RR SP – 556
06- Luke Mossey – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 534

La Classifica della Riders’ Cup

07- Michael Laverty – Tyco BMW – BMW S1000RR – 197
08- Richard Cooper – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – 192
09- Peter Hickman – JG Speedfit Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 188
10- Christian Iddon – Tyco BMW – BMW S1000RR – 168
11- Tommy Bridewell – Bennetts Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 145
12- Glenn Irwin – Be Wiser Ducati – Ducati Panigale R – 118
13- Lee Jackson – Buildbase BMW Motorrad – BMW S1000RR – 97
14- John Hopkins – ePayMe Yamaha – Yamaha YZF R1 – 56
15- Jake Dixon – Briggs Equipment BMW – BMW S1000RR – 50
16- Danny Buchan – Tsingtao MSS Performance – Kawasaki ZX-10R – 48
17- Billy McConnell – FS-3 Racing – Kawasaki ZX-10R – 45
18- Jakub Smrz – Smiths Racing – BMW S1000RR – 37
19- Broc Parkes – ePayMe Yamaha – Yamaha YZF R1 – 37
20- Ryuichi Kiyonari – Smiths Racing – BMW S1000RR – 30
21- Stuart Easton – Lloyds British Moto Rapido – Ducati Panigale R – 27
22- Alastair Seeley – Royal Air Force BMW – BMW S1000RR – 27
23- Jack Kennedy – Team WD-40 Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 16
24- Howie Mainwaring – Smiths Racing – BMW S1000RR – 15
25- Martin Jessopp – Riders Motorcycles BMW – BMW S1000RR – 7
26- Josh Hook – Team WD-40 Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 4
27- James Rispoli – Anvil Hire TAG Racing – Yamaha YZF R1 – 3
28- Filip Backlund – Quattro Plant Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 2
29- Luke Stapleford – Smiths Racing – BMW S1000RR – 2
30- Vittorio Iannuzzo – Gearlink Kawasaki – Kawasaki ZX-10R – 2

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy