BSB Luke Mossey costretto ad un prolungato stop

BSB Luke Mossey costretto ad un prolungato stop

Frattura della seconda vertebra lombare, Luke Mossey costretto al forfait per Cadwell Park. La speranza è di esserci per lo Showdown…

Un grande protagonista della stagione 2017 del British Superbike rischia di mancare l’approdo allo Showdown, play-off dei conclusivi 3 eventi che eleggeranno vincitori e vinti tra i 6 migliori piloti classificatisi nella Main Season (primi 9 round). Questo il caso di Luke Mossey, portacolori JG Speedfit Bournemouth Kawasaki, costretto alla resa a Thruxton e per il prossimo appuntamento di Cadwell Park in seguito alla frattura della seconda vertebra lombare (L2).

Vincitore quest’anno a Brands Hatch Indy, rimasto per diversi round in testa alla classifica di campionato, il 24enne originario di Cambridge a Thruxton è incappato in una rovinosa caduta nel corso della terza sessione di prove libere. Un volo dalla dinamica particolare: nel tentativo di ritoccare i suoi tempi, Mossey ha perso il controllo della sua Kawasaki Ninja ZX-10RR nella veloce piega in uscita dalla chicane Club con la posteriore che ha toccato l’erba oltre la linea bianca. Successivamente Luke è stato sbalzato in aria e contro le barriere di protezione, con la propria moto che gli è finita addosso.

In seguito a questo schianto Mossey è stato trasportato all’Ospedale di Southampton dove gli è stata accertata la frattura della vertebra L2 oltre che una forte contusione alla caviglia destra. Il giovane pilota britannico, il quale proprio a Thruxton nel 2015 aveva conquistato il suo primo podio in carriera nel BSB, salterà sicuramente la prossima tappa di Cadwell Park nella speranza di esserci a Silverstone, atto conclusivo (e decisivo) della Main Season prima dello Showdown.

Sfortunatamente per lui la rincorsa alla top-6 si complica non poco: Jake Dixon, settimo classificato in questo momento, sconta più soltanto 25 punti…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy