British Talent Cup: Rory Skinner conquista Gara 1 a Donington

British Talent Cup: Rory Skinner conquista Gara 1 a Donington

La prima gara del secondo round della British Talent Cup va a Rory Skinner, vittorioso per poco davanti a Max Cook ed al leader in campionato Thomas Strudwick.

di Diana Tamantini, @dianatamantini

Nella giornata di sabato ha avuto luogo la prima gara del secondo round della British Talent Cup, in azione in contemporanea con il Mondiale Superbike. Lo scozzese Rory Skinner si è assicurato la vittoria tagliando il traguardo con un vantaggio di appena un decimo su Max Cook, a punti dopo la caduta nel primo round della stagione, e Thomas Strudwick, tutt’ora leader in campionato.

Quest’ultimo, scattato dalla pole position, aveva cercato di porre un margine fra sé ed i rivali, ma Skinner era rimasto da subito molto vicino. Da registrare qualche caduta fin dall’inizio, quelle di Cameron Horsman e Scott Swann, mentre in testa si forma un gruppo che inizia a scappare, con Skinner al comando seguito da Strudwick, Fenton Seabright e Max Cook.

Saranno questi i battaglieri piloti per le posizioni del podio fino all’ultima curva, quando però Seabright commette un errore e finisce nella ghiaia, a vantaggio dei tre rivali. Il maggior sangue freddo però ce l’ha Skinner, che per appena un decimo e mezzo riesce ad avere la meglio su Max Cook, mentre Thomas Strudwick chiude a circa sei decimi.

Quarta piazza per Scott Ogden, con Josh Whatley quinto e con appena un decimo di vantaggio su Storm Stacey. Dietro di loro è stata battaglia per il settimo posto tra Jack Nixon, Charlie Atkins e Brian Hart, arrivati rispettivamente in quest’ordine, mentre Franco Bourne chiude la top ten.

Grazie alla vittoria nel primo round ed al podio conquistato sabato, Thomas Strudwick si mantiene al comando della classifica generale davanti a Skinner e Whatley, staccati di una decina di punti. Ma non è finita: ci sarà oggi Gara 2, al via alle 16.15 .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy