Bol d’Or Qualifiche 1 GMT94 Yamaha in pole provvisoria

Bol d’Or Qualifiche 1 GMT94 Yamaha in pole provvisoria

GMT94 Yamaha con il nostro Niccolò Canepa, David Checa e Lucas Mahias in pole provvisoria al Bol d’Or 2016 davanti a Suzuki SERT, Kawasaki SRC e F.C.C. TSR Honda.

Mancato di 1 punticino la conquista del terzo titolo iridato tre settimane or sono alla 8 ore di Oschersleben, GMT94 Yamaha ha iniziato la ‘stagione della rivoluzione’ del Mondiale Endurance davanti a tutti. Questo il responso delle prime qualifiche ufficiali del Bol d’Or, grande classica di durata d’Oltralpe giunta alla sua 80esima edizione, tornata lo scorso anno a far capolino al Circuit Paul Ricard di Le Castellet con attesi più di 70.000 spettatori nel corso del weekend e 56 equipaggi al via pronti a darsi battaglia per conquistare i primi punti del FIM EWC 2016/2017 sin dal via previsto per sabato 17 settembre alle 15:00. Aspettando le decisive Qualifiche 2 di domani, grazie ad una rimarchevole media sul giro di 1’58″847 GMT94 Yamaha, frutto dei tempi di David Checa (1’59″442), del nostro Niccolò Canepa (1’58″844) e del Campione del Mondo Endurance piloti in carica Lucas Mahias (1’58″255, il più veloce oggi), si è assicurata la pole provvisoria a precedere i Campioni del Mondo in carica della Suzuki S.E.R.T. ed i detentori del trofeo del Team Kawasaki SRC (con l’innesto di Randy De Puniet), a seguire quarto posto per F.C.C. TSR Honda con il clamoroso ritorno alle corse del 49enne Shinichi Itoh.

GMT94 YAMAHA FA L’ANDATURA – Sul podio lo scorso anno al culmine di una sensazionale rimonta dopo la caduta al via di David Checa, GMT94 Yamaha ha iniziato la stagione 2016/2017 nel miglior modo possibile. Dopo il miglior tempo nei Pré-Test ufficiali a firma Niccolò Canepa, nella giornata odierna di qualifiche la R1 #94 Dunlop è stata il riferimento per competitività assoluta tanto da siglare la pole provvisoria in 1’58″847 con lo stesso Canepa e Mahias entrambi scesi sotto il muro dell’1’59”. Una performance di rilievo testimoniata dal distacco rifilato nella media sul giro (funzionale per determinare lo schieramento di partenza) alla concorrenza: 390 millesimi a scapito della Suzuki S.E.R.T., quasi 1/2 secondo sui vincitori dell’edizione 2015 del Team Kawasaki SRC. Un bel viaggiare nonostante le diretti inseguitrici preparano la riscossa per domani: i 15 volte Campioni del Mondo della S.E.R.T. chiudono il Day 1 al secondo posto in virtù dei tempi di Vincent Philippe (1’59″387), Anthony Delhalle (il più veloce del gruppo giallo in 1’58″512) ed Etienne Masson (1’59″812), seguiti a loro volta dal Team Kawasaki SRC con un velocissimo Fabien Foret (1’58″978), Gregory Leblanc (1’59″263) ed un Randy De Puniet che con l’1’59″782 deve ancora trovare il giusto feeling con la Kawasaki Ninja ZX-10R #11 gommata Pirelli.

Randy De Puniet doma la Kawasaki del Team SRC
Randy De Puniet doma la Kawasaki del Team SRC

I TOP TEAM – Alle spalle del trio di testa chiude a 1″ dalla pole provvisoria i pluri-vincitori della 8 ore di Suzuka di F.C.C. TSR Honda con i tempi di Damian Cudlin (2’00″508), Kazuma Watanabe (1’59″259) ed un esaltante Shinichi Itoh, autore di un apprezzabile 1’59″812 al suo ritorno alle corse dopo due anni d’assenza e a 49 anni (!) compiuti. Una brillante performance del leggendario pilota nipponico che a Le Castellet aveva già corso nel Mondiale 500cc, abbastanza per condurre F.C.C. TSR al 4° posto provvisorio davanti a Honda Endurance Racing (5°) e YART, soltanto 6° in virtù di qualche problematica incontrata dal 4 volte Campione AMA Superbike Josh Hayes che non è andato oltre un crono (alto) di 2’02″250 nella propria sessione. Nella top-10 c’è spazio anche per il Team Motors Events (10° con Matthieu Lagrive ingaggiato per dar manforte al funambolico Gregg Black, Alex Cudlin e Gregory Fastre), Penz13 BMW (8° con Kenny Foray, Lukas Pesek e Matthieu Lussiana). Conferma ad alti livelli dopo ottimi Pré-Test per il Trick Star Racing, 7° con la Kawasaki #10 arrivata direttamente dalla 8 ore di Suzuka grazie ad Erwan Nigon che si alternerà in sella per tutto l’arco della stagione 2016/2017 con il veterano Osamu Deguchi ed il conosciuto Hitoyasu Izutsu.

GLI ITALIANI – Se Niccolò Canepa con GMT94 Yamaha si assicura la pole provvisoria, figura attualmente 14° assoluto e 4° di classe Superstock Luca Marconi, convocato dal Team 3ART Yam’Avenue (Campione del Mondo in carica della categoria) per questa ‘prima’ del Mondiale 2016/2017. Debutto con i colori del Motobox Kremer Racing con la 35esima posizione per il coriaceo Emiliano Bellucci (Yamaha R1 #65), mentre è attualmente 34° assoluto e 17° di classe Superstock il No Limits Motor Team, unica compagine italiana al via della corsa con Giovanni Baggi, Federico Napoli, Christian Napoli e Federico Natali in sella alla Suzuki GSX-R 1000 #44. Nella classe Open/Experimental l’attesissima Metiss precede di un soffio l’originale Kawasaki ZX-Excentive (con forcella non convenzionale) del TTS-Excent mentre la graduatoria della SuperTwin premia chiaramente la Panigale del Ducati Esprit Racing Team, l’unica squadra al via di questa categoria.

In pista con No Limits Motor Team al Bol d’Or

VIDEO Endurance: Cosa succede nel box No Limits al Bol d’Or?

VIDEO Endurance: guidare di notte

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy