Blog, Jorge Lorenzo ha sbriciolato il biscotto

Blog, Jorge Lorenzo ha sbriciolato il biscotto

Dal biscotto al dominio incontrastato, come cambiano in fretta le opinioni…

17 commenti

Dopo l’epilogo di Valencia la MotoGP è piombata direttamente ai test di Sepang. Niente sfide in mezzo, solo infinite polemiche e sguardi torvi. Nell’ultimo round della MotoGP Jorge Lorenzo avrebbe vinto il Mondiale grazie al “biscotto”, cioè all’accondiscendenza di Marc Marquez traditore dello sport a spese di Valentino Rossi. Nei primi test 2016  Lorenzo è stato definito “imbattibile”, “superveloce”, “esagerato”. Anche da chi (cioè: quasi tutti i commentatori italiani…) ha mangiato biscotti per mesi. Mah.

BISCOTTI – Quattro minuti dopo l’ultima bandiera a scacchi di Valencia io scrissi cosi: http://www.corsedimoto.com/paolo-gozzi-blog/lorenzo-il-piccolo-gigante-e-il-piu-forte-di-testa/ Cioè che Lorenzo aveva vinto non per chissà quale complotto, ma perchè – nell’arco della stagione – era stato complessivamente il migliore. Valentino Rossi se l’era giocata alla grande fin quasi alla fine, e per una serie di circostanze aveva avuto il decimo Mondiale in pugno. Ma aveva sprecato l’opportunità tra Australia (solo quarto), Sepang (il gioco al massacro con Marquez) e Valencia, dov’era partito ultimo in conseguenza della follia malese. Tutto qui. Lo sport è bello perchè  spietato, puoi comandare il campionato per diciassette GP e vederti beffato all’ultimo tuffo. C’è chi ha perso scudetti per un banale fuorigioco non sbandierato o per un canestro all’ultimo centesimo, da annullare. E’ sempre stato così,  bellezza. La sfida è spietata e meravigliosa,quando si vince e a volte anche  quando si perde. Basta saperlo accettare.  I biscotti lasciateli per colazione.

 EQUILIBRIO – E’ stato scritto che l’esaltante ritorno di Casey Stoner sulla Ducati è servito a dimenticare i veleni. Lasciatemi dubitare. Se Rossi fosse stato un secondo più veloce di Lorenzo, avrei voluto ascoltare e leggere.  Il vero problema è che l’amore per Valentino, il giustificato orgoglio per l’eroe nazionale di mille trionfi, c’entrano poco. Ormai le corse non si analizzano più in maniera oggettiva, ma solo sempre dalla prospettiva che più fa comodo. Per l’audience TV, le copie vendute  e i click se vince Rossi è assai meglio di Lorenzo. Tutto qui. Alla fine i meno peggio sono  i tifosi, che almeno vedono le cose a modo loro per passione, non per business.

17 commenti

17 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Spartakus - 1 anno fa

    Poi vedo che ancora non va giù la sconfitta del sig. Rossi,beh era normale aspettarsi che i tifosi che sanno solo dire “; vale c’è “siano così alterati dalla rabbia che hanno assimilato nelle ultime tre gare dell’anno scorso ,purtroppo per il sig. Rossi e per i suoi tifosi quest’anno la vedo molto dura ,anche perché non credo gli possano andare tutti dritte e a suo favore evinti e situazioni come l’anno passato ,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Spartakus - 1 anno fa

    Ancora c’è gente che crede al “biscotto”,ma smettetela il sig.Rossi ha uvuto una stagione 2015 di molti casi ed eventi fortunati , ma le ultime tre gare non ha avuto la forza di andare più forte di Lorenzo ,
    Tutto qua’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabriziogarut_344 - 1 anno fa

    Nessuno mette in discussione le doti di Lorenzo, un vero fuoriclasse che, da tifoso di Valentino, ritengo mediamente più veloce di Vale. Ma è innegabile che senza l’intervento, penso non richiesto, di Marquez, probabilmente Lorenzo non sarebbe campione del mondo.
    La scorrettezza e l’intrusione nella lotta per il titolo di Marquez è evidente, a tal punto che lo stesso Lorenzo ha, candidamente, ammesso subito dopo la gara di Valencia, che senza i due spagnoli Marquez e Pedrosa che non lo avevano attaccato, forse non avrebbe conquistato l’alloro, e per questo li ringraziava pubblicamente, per aver contribuito a mantenere il titolo in Spagna. Più lampante di così!
    Per il resto del suo articolo, Sig. Gozzi, condivido poco o nulla. Se Rossi è più seguito ed amato dei suoi colleghi, questo è dovuto anche al fatto che è un grande comunicatore, ma soprattutto al fatto che la sua carriera, ormai ventennale, parla più di ogni comunicato stampa. Venti anni, sempre al vertice, lottando con avversari sempre diversi e , soprattutto ora, sempre più forti e …..giovani. Se lei quattro minuti dopo Valencia scriveva ciò che ha scritto, ha espresso la sua opinione, rispettabile ma a mio parere sbagliata. Averla scritta quattro minuti dopo, non significa che lei abbia ragione, significa solo che ne era convinto. Come io sono convinto del contrario.
    Sinceramente non capisco ancora la ritrosia di certi detrattori, tra cui lei Sig. Gozzi(mi pare evidente leggendo il suo pezzo), che anche di fronte alla evidenza di una carriera straordinaria, hanno sempre qualcosa da obiettare. Si parla troppo di Rossi o troppi parlano di Rossi con toni trionfalistici? Beh per lei, mi sembra di capire, è quasi una colpa imputabile a Rossi, o a qualche individuo pronto a sfruttare l’occasione per fare business o a qualche pennivendolo da strapazzo.
    Provi a ricordare cosa era il motociclismo prima di Rossi : grandi campioni (alcuni veri fuoriclasse), di cui oggi, a parte gli appassionati, nessuno ricorda più nemmeno il nome!
    Per guardare una telecronaca motociclistica dovevi sperare nelle congiunzioni astrali, e pregare affinché la Rai non preferisse trasmettere qualche derby calcistico di serie D o qualche replica di spettacoli soporiferi. Lei Sig. Gozzi ha nostalgia di quel periodo? Io, francamente, no.
    Se poi tra i giornalisti c’è sempre quello che è pronto a saltare sul carro del vincitore, questo è un malcostume tutto italico, in cui siamo specialisti da sempre. Io tifo Valentino dal suo ingresso nel motomondiale e non ho mai avuto ripensamenti, neppure negli anni meno esaltanti.
    Il solo nome di Rossi è una garanzia, anche per chi scrive articoli non sempre amichevoli. Come il suo.
    Buon motomondiale a tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Salve, che Rossi si un Campione di enorme grandezza non ci piove. Ma il fatto di trovarsi al cospetto di un pilota cha ha segnato la storia non preclude che si debbano interpretare le gare per quello che sono: una sfida di tecnica, coraggio, abilità. La mia idea è che Valentino non abbia perso il decimo titolo per chissà quali complotti, ma “solo” perchè nelle ultime cinque gare non è stato veloce quando sarebbe servito. C’è mancato poco, quasi niente, ma è mancato. Valentino ha perso il campionato in Australia, la pista dove invece era convinto di poter dare la mazzata finale. E’ arrivato “solo” quarto, sarebbe bastato un terzo per cambiare completamente l’orizzonte delle due gare finali. Con un podio non ci sarebbero state la conferenza stampa di Sepang, l’animosità con Marquez nè l’ultima fila di Valencia. Io preferisco dare una spiegazione tecnica. E osservando i cambiamenti che Rossi sta operando, per esempio chiamando Luca Cadalora a suo fianco, sospetto di avere ragione…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabriziogarut_344 - 1 anno fa

        Ai complotti non penso nemmeno io, ma al fatto che Marquez abbia deliberatamente ostacolato Rossi nelle ultime gare, ed in particolar modo a Sepang, e non abbia fatto tutto quello che poteva per contrastare Lorenzo, a quello credo convintamente. In ogni caso, pur ritenendo Lorenzo un degno campione del mondo, sono convinto che Rossi, senza interventi esterni (vedasi sopra), avrebbe vinto il campionato del mondo. Ma non avremo mai la riprova….
        Grazie comunque della risposta.
        P.S. Ritiene un’eventuale coinvolgimento di Cadalora (altro grande del nostro motociclismo)utile sotto quale aspetto particolare?
        Grazie

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

          Salve Fabrizio, il coinvolgimento di Cadalora potrebbe essere assai importante. Qui in Australia li vediamo parlottare molto a lungo nel box, Luca va in pista e poi riferisce le sue impressioni a Valentino. Si, potrebbe essere un aiuto molto concreto. Tra l’altro Rossi pare entusiasta di questa collaborazione. Sicuramente vedere piloti di generazioni diverse uniti per un unico obbiettivo è affascinante! Saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. robertomessana1@gmail.com - 1 anno fa

        Sono d’accordo sul fatto che nelle ultime gare Valentino è un pò calato ma sono anche convinto che senza i comportamentidei due spagnoli e specialmente la assurda decisione della giuria (non mi si venga a dire che ha rallentato Marquez!) avrebbe vinto lo stesso, magari per due soli punti.
        Accettare tutto questo come ineluttabile e facente parte dello sport non mi piace anche se a farne le spese fosse stato un altro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. seralm_908 - 1 anno fa

    alla fine….non sapendo cos’altro dire contro il suo avversario…
    “Ho vendicato Biaggi”….mi fa tenerezza..:)) davvero!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. seralm_945 - 1 anno fa

    Ah…dimenticavo…
    Le dichiarazioni di Lorenzo post gara…ed il dito verso sul podio?
    Cosa da tutti i giorni vero?…cose che fa un uomo forte di testa…
    Vabbè….ognuno la vede come vuole….no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. seralm_65 - 1 anno fa

    Veramente un articolo strampalato, mi scusi, ma non riesco a capire cosa vorrebbe affermare..boh..

    Vorrebbe dire che, Lorenzo, essendo stato il più veloce i primi di febbraio, ha dimostrato che MM non ha ostacolato Valentino?
    Sono 2 concetti distinti…
    Lorenzo è molto veloce? SI. MM ha ostacolato Valentino? SI.
    Non mi sembra siano in contrasto.

    Poi altro accostamento strampalato…perché chi ha sostenuto Vale nel 2015, non dovrebbe avere la lucidità e la correttezza di dire che Lorenzo è stato formidabile in questi 3 gg?
    Tra l’altro nessuno ha mai detto che lorenzo non meritava il titolo…nessuno, non l’ho mai letto in nessun post.
    Le critiche sono piovute sul comportamento di MM….
    Comunque sono d’accordo con lei sulla frase “Ormai le corse non si analizzano più in maniera oggettiva, ma solo sempre dalla prospettiva che più fa comodo”
    questo articolo ne è la lampante conferma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabriziogarut_344 - 1 anno fa

      Seralm_65 : Condivido tutto quanto scritto. Un articolo incomprensibile, nel senso che non sono riuscito a cogliere, magari per mancanze mie, cosa voglia comunicare questo articolo. Di una cosa ho preso coscienza : non è un articolo pro Rossi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. canesciolto - 1 anno fa

    bell articolo paolo, molto di buon senso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Grazie!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. isiah72 - 1 anno fa

    Gran bell’ articolo…finalmente un po’ di stampa imparziale….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Sbulbor - 1 anno fa

    Lorenzo son parecchi mesi che guida in uno stato di grazia, non ci piove e nessuno dei commentatori italiani ha mai tolto merito al pilota, il biscotto l’ha voluto più Marquez perchè, per quanto imprendibile, non sappiamo come sarebbe andata con Philip Island, Sepang e Valencia corse alla pari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. nik-on - 1 anno fa

    Le propongo una battuta tesa a sminuire quanto accaduto:”ma con Galbusera in squadra un biscotto te lo devi aspettare”. É solo una freddura fanciullesca per lasciarci alle spalle il 2015. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo Gozzi - 1 anno fa

      Freddura che sono sicuro a Silvano, gran tecnico e uomo di spirito, piacerà molto :-)))

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy