La Superbike diventa top class in Asia, sarà l’alternativa al Mondiale?

La Superbike diventa top class in Asia, sarà l’alternativa al Mondiale?

Asia Road Racing nel 2019 lancia ASB1000 con regolamento Stock e pieno appoggio (ufficiale) delle quattro sorelle giapponesi. L’annuncio a Suzuka

di Paolo Gozzi, @paologozzi1
Asia Road Racing Championship

E’ un momento di svolta per le competizioni riservate a maxi moto di derivazione stradale: dal 2019 la Superbike sarà la categoria di punta nell’Asia Road Racing Championship, il campionato più importante in un’area che sta diventando il principale mercato del globo. La categoria sarà denominata ASB1000 e avrà pieno appoggio dei quattro costruttori giapponesi, che saranno presenti in forma ufficiale.  Non è un caso che l’annuncio  verrà dato questo fine settimana a Suzuka (impianto di proprietà Honda…) nell’ambito del terzo round dell’ARRC. Nel medio termine ASB1000 è destinata a diventare l’alternativa al Mondiale gestito da Dorna? Per saperne di più abbiamo intervistato in esclusiva Ron Hogg, direttore di Two Wheels Motor Racing Sdn, la società malese che promuove l’Asia Road Racing Championship.

Perchè l’Asia Road Racing Championship nato nel 1996 sta diventando un format strategico per la diffusione del motociclismo in questa area del mondo?

“L’obiettivo per l’ARRC, sin dalla sua nascita nel 1996, è stato quello di creare personaggi nelle corse asiatiche. A quei tempi, il mercato non era adeguatamente sviluppato per raggiungere tutti gli obiettivi che volevamo. Con il senno di poi, possiamo affermare che ARRC è nato dieci anni troppo presto come campionato, ma anche ai primordi ha contribuito a creare le fondamenta di ciò che è ora. Adesso i tempi sono maturi. Tutte le entità coinvolte concordano sul fatto che c’è bisogno di una piattaforma adeguata per far crescere i talenti e per aiutare l’industria a crescere. Ad esempio, gli sport motoristici si stanno sviluppando in ogni paese asiatico a un ritmo molto più rapido man mano che diventiamo una società senza confini, con l’avvento dell’era di internet. L’obiettivo è lanciare piloti che diventino gli personaggi nei singoli Paese partecipante. Proprio come le Olimpiadi, i piloti diventano eroi nei rispettivi paesi e ambasciatori dei prodotti che sostengono. Siamo ancora molto lontani dall’Europa, specialmente in termini di strutture, ma dobbiamo iniziare da qualche parte. I problemi dell’Asia, o piuttosto il più grande problema dell’Asia, sono le dimensioni del continente. A parte forse un amore condiviso per mangiare il riso, i paesi non hanno quasi nulla in comune l’uno con l’altro.”

Nel 2019 lancerete per la prima volta la categoria Superbike: perchè?

“La categoria Superbike è stata nel nostri piani per anni, volevamo aggiungere la categoria top delle derivate dalla produzione al format dell’ARRC. Abbiamo promosso questa idea nel 2010 ma il mercato e le squadre non erano neanche lontanamente pronti. Abbiamo sollevato nuovamente l’argomento nel 2014 e, dopo anni di discussioni in corso, abbiamo deciso di iniziare nel 2018. Tuttavia, i produttori hanno richiesto con fermezza un anno di ritardo, quindi la classe è stata programmata per il debutto nel 2019. Dal 2000 la 600cc è stata la categoria top del campionato. A suo modo, ha avuto molto successo. Senza una classe da 1000 cc nella serie asiatica, i piloti che aspirano a passare al livello successivo non hanno la possibilità di correre su una moto di massime prestazioni. Ad eccezione dei giapponesi, i piloti asiatici non avevano la possibilità di mettersi alla prova guidando il massimo. Adesso avranno la possibilità”

Nel mondo ci sono molti regolamenti Superbike differenti. In Asia quale adotterete?

“La classe ASB1000 adotterà regole molto simili alle specifiche alla Superstock FIM, ma verrà ottimizzata leggermente per soddisfare i requisiti in Asia e Australia”.

Quando farete l’annuncio ufficiale?

Questo weekend (1-3 giugno, ndr) lanceremo ufficialmente l’ASB1000 a Suzuka. Speriamo di avere le regole confermate entro un mese e il calendario ufficiale entro ottobre.”

Ci sarà un fornitore unico di pneumatici?

“Sì, abbiamo un accordo con Dunlop che fornisce anche il resto delle classi nell’ARRC”.
 
I quattro giganti giapponesi schiereranno squadre ufficiali? 

“Questa è una domanda difficile cui rispondere. La maggior parte delle squadre che partecipano all’ARRC sono squadre factory schierate dagli importatori dei singoli Paesi. Di solito, i produttori giapponesi si appoggiano a questo tipo di strutture. Tuttavia, siamo sicuri che le factory saranno rappresentate nella nuova classe”. 

Ci sarà un coinvolgimenti di produttori europei come Ducati, Aprilia, BMW e MV Agusta?

“Questo sarà uno dei nostri principali obiettivi, per rendere il campionato più esaltante. Stiamo già discutendo con alcuni team che utilizzano moto di queste marche, intenzionati a partecipare al campionato. In questo momento, parlando di racing, i produttori europei non sono presenti nell’arena asiatica”.

Le  categorie attuali UB150, AP250, SS600 per il 2019 sono confermate?

“UB150 e AP250 sono confermate. Speriamo di decidere presto sul 600cc. Vorremmo continuare, ma dipenderà da tanti elementi. Al momento, stiamo proponendo di trasformare la classe 600 in una categoria con limite d’età in modo che che i piloti più esperti passino alla 1000cc.”

Perché l’ARRC è sbarcato quest’anno in Australia, che non è un paese asiatico?

“Se guardate il calcio, a livello FIFA (la Federazione Mondiale, ndr) l’Australia fa parte dell’Asia. In realtà è più vicino a noi rispetto ai paesi del Medio Oriente asiatico come il Qatar, il Bahrein, ecc. Inoltre, l’espansione in Australia è qualcosa su cui stiamo lavorando da molto tempo. C’è uno scambio di esperienze, anche a livello regolamentare, che va avanti da parecchio tempo. Abbiamo avuto molti piloti australiani impegnati nell’ARRC, e viceversa. Un certo numero di piloti asiatici ha fatto esperienza nelle gare in Australia”.

Al momento nel calendario ARRC ci sono sei round ospitati in Thailandia, Australia, Giappone, Indonesia e India. Nel 2019 quanti saranno?
 
“Un minimo di 7 round per il 2019, ma siamo ancora in fase di finalizzazione del calendario”.

Entreranno nuovi paesi come Vietnam, Cina, Corea e altri giganti asiatici?

“Assolutamente, ma ci sono altri fattori da prendere in considerazione. Ad esempio, ci sono molti circuiti in Cina, ma mancano commissari addestrati per organizzare eventi. Anche in altri paesi il nostro sport è popolare, ma non ci sono strutture per le corse. Quindi stiamo valutando alcune opzioni in questo momento”.

Può parlarci di Two Wheels Motor Racing, la società malese  che promuove l’ARRC?

La nostra azienda organizza gare motociclistiche in Malesia sin dagli anni ’80. Nel 1994, con il sostegno di Philip Morris, la nostra casa madre ha iniziato a promuovere il Malaysian Cub Prix Championship, che quest’anno celebra il suo 25 ° anniversario. Alcuni anni dopo il Prix Cub, ci siamo resi conto che non c’erano campionati continentali nei  quali i nostri piloti malesi potessero competere. Quindi, abbiamo creato l’ARRC. Un grand parte del nostro team di gestione è con noi sin dai primi anni e ognuno è esperto nelle rispettive aree”.

 Avete qualche collaborazione con Dorna, che gestisce MotoGP, Mondiale Superbike e Asia Talent Cup?

“No, lavoriamo a stretto contatto con le Federazioni e i produttori asiatici in forma diretta.”

Ron Hogg
Ron Hoggs, direttore di Asia Road Racing Championship

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy