SUPERBIKE*IDM Lausitzring Superpole: Reiterberger 1°, due Ducati in prima fila

SUPERBIKE*IDM Lausitzring Superpole: Reiterberger 1°, due Ducati in prima fila

Fores 2° con Neukirchner 3°

All’Eurospeedway di Lausitz è iniziata la stagione 2014 della “SUPERBIKE*IDM”, nuova denominazione ufficiale dell’Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft voluta dal promoter Motor Events HMP GmbH. Celebrando il 90° anniversario del motociclismo in Germania, la giornata di sabato 3 maggio ha espresso i primi verdetti della stagione 2014 nel corso della Superpole, tra le principali novità del regolamento sportivo riservata ai migliori 9 piloti emersi dal doppio turno di qualifiche ufficiali. Con l’asfalto finalmente asciutto dopo prove bagnate dalla pioggia, il Campione in carica Markus Reiterberger, rimasto nell’IDM con la BMW S1000RR di alpha Technik iscritta sotto le insegne del team Van Zon Remeha BMW, in 1’37″922 si è aggiudicato la prima pole position stagionale sfruttando al meglio gli pneumatici Pirelli. Una grande prestazione per “Reiti” in una giornata che ha riproposto ai vertici dell’IDM la Ducati: al via con due 1199 Panigale R seguite con un occhio di riguardo da Ducati Corse e schierate dal 3C-Racing Team, il Campione Europeo Superstock 1000 e CEV Stock Extreme in carica Xavi Forés si è garantito un posto in prima fila, secondo a 286/1000 dal poleman Reiterberger e davanti al compagno di squadra Max Neukirchner, terzo in una giornata da ricordare per la casa di Borgo Panigale. Max Neukirchner in prima fila Inizio convincente per il sodalizio Ducati 3C-Racing Team nell’IDM con le due Panigale R le uniche in grado di impensierire Reiterberger distanziando gli altri attesi protagonisti di oltre 1″. Quarto assoluto al terzo anno con Yamaha Motor Deutschland figura Matej Smrz, seguito nell’ordine da Michael Ranseder (5° con la nuova Honda CBR 1000RR Fireblade SP dell’Holzhauer Racing Promotion) ed il Campione 2012 Erwan Nigon, convocato da HPC Power Suzuki in sostituzione dell’infortunato pluri-iridato Endurance Vincent Philippe, già sesto assoluto con la Suzuki GSX-R 1000 #77 Dunlop davanti al Campione IDM Superstock 2013 Bastien Mackels (alpha Technik BMW). Sempre a proposito della classe Superstock, il 17enne austriaco Marco Nekvasil, all’esordio assoluto nell’IDM Superbike, è stato l’unico a qualificarsi per la Superpole staccando l’ottavo crono con la BMW S1000RR preparata da Fritze Tuning, meglio rispetto alle due BMW HP4 del Wilbers Racing affidate al pluri-Campione Stefan Nebel e la velocissima Lucy Glockner, decima e a sua volta iscritta nell’IDM Superstock. SUPERBIKE*IDM 2014 Eurospeedway Lausitz, Classifica Superpole 01- Markus Reiterberger – Van Zon Remeha BMW – BMW S1000RR – 1’37.922 02- Xavi Forés – 3C Racing Team – Ducati 1199 Panigale R – + 0.286 03- Max Neukirchner – 3C Racing Team – Ducati 1199 Panigale R – + 0.605 04- Matej Smrz – Team Yamaha Motor Deutschland – Yamaha YZF R1 – + 1.110 05- Michael Ranseder – Holzhauer Racing Promotion – Honda CBR 1000RR SP – + 1.169 06- Erwan Nigon – HPC Power Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 1.618 07- Bastien Mackels – Van Zon Remeha BMW – BMW S1000RR – + 1.948 08- Marco Nekvasil – Interwetten Racing by Fritze Tuning – BMW S1000RR – + 2.037 (SST) 09- Stefan Nebel – Wilbers BMW Racing Team – BMW HP4 – + 2.290 Vittorio Iannuzzo al via dell'IDM SupersportIDM Supersport Passando alla classe Supersport, l’ex pilota dell’Europeo Superstock 600 Marvin Fritz (Yamaha R6 del Bayer-Bikerbox Racing) in 1’42″824 si è aggiudicato una sorprendente pole position davanti a tre piloti di comprovata esperienza nella categoria come il finlandese Tatu Lauslehto (Team Suzuki Stoneline Mayer), Roman Stamm (Kawasaki Schnock Team Shell Advance) e Stefan Kerschbaumer (Langenscheidt Racing by Fast Bike Service Yamaha). All’esordio nella categoria, il nostro Vittorio Iannuzzo, unico pilota italiano al via dell’Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft, ha staccato l’ottavo riferimento cronometrico in 1’44″617 ai comandi della Suzuki GSX-R 600 preparata dall’HPC Power Suzuki Racing Team, penalizzato da una caduta nel suo ultimo “time attack”. Il Campione Europeo Superstock 1000 2002 se l’è cavata con diverse escoriazioni, ma sarà regolarmente in pista nelle due gare di domenica con l’obiettivo di iniziare al meglio questa avventura nell’IDM Supersport.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy