IDM Superbike Assen Gara 1: prima vittoria per van Ginhoven, Muggeridge.. a fuoco!

IDM Superbike Assen Gara 1: prima vittoria per van Ginhoven, Muggeridge.. a fuoco!

Nigon 2° nuovo leader

Commenta per primo!

Incredibile Gara 1 dell’IDM Superbike al TT Circuit Van Drenthe di Assen. Ghisbert van Ginhoven, idolo di casa e portacolori della formazione olandese RAC Racing, si è aggiudicato la prima vittoria in carriera nell’Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft dando seguito ad una strepitosa pole conquistata ieri con un tempo da… MotoGP (tra le CRT meglio di Colin Edwards, a 2 decimi da Ivan Silva, a mezzo secondo dalla ART di James Ellison). Già protagonista dell’ONK Dutch Superbike e vincitore nel recente passato proprio ad Assen dei “Rizla Racing Days”, van Ginhoven è uscito fuori sulla distanza di gara aggiudicandosi una preziosa prima vittoria nella categoria per sè e per il team RAC Racing BMW, formazione supportata da BMW Motorrad Nederland. Se van Ginhoven ha celebrato questo successo, Erwan Nigon con la BMW S1000RR gommata Michelin preparata da alpha Technik ha concluso al secondo posto ritrovandosi come nuovo capo-classifica di campionato sfruttando la disavventura occorsa a Michael Ranseder, soltanto tredicesimo sul traguardo con la BMW del Technogym Racing Austria Fritze Tuning, lasciando il terzo posto al secondo alfiere di RAC Racing Troy Herfoss, già campione AMA Supermoto e Australian Supersport nel recente passato. Va detto che questa gara è stata interrotta nelle prime fasi di gara per la scivolata che ha visto protagonista l’ex iridato Supersport Karl Muggeridge. Caduto all’altezza della prima curva, la propria Honda CBR 1000RR Fireblade 2012 ha letteralmente preso fuoco, tanto da dover ricorrere lui stesso all’estintore (strappato dalle mani dei commissari di percorso) per scongiurare danni peggiori. Con “Muggas” KO e ormai fuori dai giochi campionato, recupera qualche punticino Matej Smrz, 4° e primo dei piloti non-BMW (la casa dell’Elica da 5 gare monopolizza il podio…) con la R1 di Yamaha Motor Deutschland, seguito da Dario Giuseppetti che porta la Ducati 1199 Panigale dell’Hertrampf Racing al miglior risultato in questa stagione d’esordio del progetto seguito con interesse da Ducati Corse e Pirelli. Nelle posizioni che contano si sgnala in 6° piazza l’ex iridato Supersport e bi-campione IDM Superbike Jorg Teuchert, 6° con la BMW del Wilbers Racing davanti all’altro idolo di casa e pluri-campione ONK Dutch Superbike Arie Vos, mentre Lukas Pesek, già protagonista del mondiale 125 GP, all’esordio con la Suzuki GSX-R 1000 di HPC Power chiude in quindicesima posizione da sostituto dell’infortunato Sascha Hommel. Nel pomeriggio Gara 2. Internationale Deutsche Motorradmeisterschaft 2012 Assen, Classifica Gara 1 01- Ghisbert van Ginhoven – RAC Racing BMW – BMW S1000RR – 17 giri in 27’57.933 02- Erwan Nigon – Van Zon alpha Technik BMW – BMW S1000RR – + 3.343 03- Troy Herfoss – RAC Racing BMW – BMW S1000RR – + 7.043 04- Matej Smrz – Yamaha Motor Deutschland by Monster Energy – Yamaha YZF R1 – + 7.226 05- Dario Giuseppetti – Hertrampf Racing by 3C Carbon – Ducati 1199 Panigale – + 13.359 06- Jorg Teuchert – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – + 13.537 07- Arie Vos – Van Zon alpha Technik BMW – BMW S1000RR – + 22.873 08- Kevin Valk – Serco Willems Racing Team – Honda CBR 1000RR – + 25.828 09- Gareth Jones – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – + 30.630 10- Lucy Glockner – Wilbers BMW Racing – BMW S1000RR – + 32.789 11- Roland Resch – Team Reitwagen Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 33.071 12- Luca Hansen – Yamaha Motor Deutschland by Monster Energy – Yamaha YZF R1 – + 35.045 13- Michael Ranseder – Technogym Racing Austria Fritze Tuning – BMW S1000RR – + 40.263 14- Filip Backlund – Backlund Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 44.371 15- Lukas Pesek – HPC Power Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – + 44.462 16- Branko Srdanov – B&R Racing – BMW S1000RR – + 1’02.806 17- Peter Preussler – AGR Preussler Racing Team – BMW S1000RR – + 1’32.521

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy