FSBK: la sfortuna del pilota Ducati, Thomas Metro

FSBK: la sfortuna del pilota Ducati, Thomas Metro

Gare difficili a Le Vigeant con zero punti raccolti nelle due manche

Commenta per primo!

La Ducati nel Championnat de France Superbike è rappresentata da due piloti. David Muscat, con esperienze anche nell’Endurance e mondiale di categoria, e Thomas Metro, che è stato capace di vincere addirittura la seconda manche di Ledenon, non ritenuta successivamente valida per la classifica. Con una privata 1198s (la 1098R non è ammessa dal regolamento), Metro è risultato finora velocissimo ma, allo stesso tempo, parecchio sfortunato.

La dimostrazione è arrivata dall’ultimo appuntamento al circuito Le Vigeant di Val de Vienne, dove la Ducati #32 è stata in lizza per la vittoria nella prima manche e per un piazzamento a podio nella seconda. Il risultato finale, tuttavia, è stato davvero… deludente: zero punti.

In Gara 1 Metro è giunto al contatto proprio con il compagno di marca Muscat, per una corsa conclusa anzitempo dopo una buona partenza dalla quinta posizione in griglia. Medesimo epilogo anche nella seconda manche, per un weekend che non ha così portato punti utili per la classifica, ma con la parziale consolazione di aver dimostrato di poter ambire a risultati di vertice nel FSBK nonostante una Ducati 1198s praticamente “Stock” in confronto ai missili di Suzuki LMS e Yamaha GMT94.

Nella prossima gara di Ledenon l’obiettivo sarà pertanto quello di risalire la classifica, puntando al podio e, se possibile, stupire nel panorama motociclistico transalpino.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy