Daytona SportBike: Hacking concentrato sul campionato

Daytona SportBike: Hacking concentrato sul campionato

Il pilota Attack Kawasaki guarda soltanto alla classifica

A Barber qualcuno ha detto di lui di aver disputato un weekend remissivo, senza voler cercare uno “sprazzo” velocistico per poter conseguire una vittoria. Jamie Hacking, d’altronde, non poteva far altrimenti: a Birmingham la sua Kawasaki Ninja ZX-6R non era al livello delle GSX-R 600 del team M4 Suzuki, con Martin Cardenas che pareva davvero irraggiungibile.

Per questo che Jamie Hacking non si fa più di tanti problemi nell’ammettere, candidamente, di aver pensato al campionato, specie in Gara 2 dove ha chiuso in terza posizione. “Naturalmente tutti all’inizio pensano di poter vincere“, afferma Hacking, “ma se devo esser sincero non ho preso rischi inutili rischiando di cadere. Il mio obiettivo primario è il titolo e non posso commetter banali errori che mi possano pregiudicare questa possibilità“.

Il pilota del Monster Energy Attack Kawasaki, complimentandosi con Martin Cardenas per l’eccezionale weekend, è rimasto comunque soddisfatto per aver conquistato la leader di campionato nei confronti di Danny Eslick, pilota della Buell.

E’ bello esser in testa alla classifica di campionato. Ogni punto è importante e a fine stagione faremo i conti, anche se per il momento sono ben piazzato“. Sebbene Danny Eslick e, adesso, anche Martin Cardenas gli sono molto vicino in classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy