ASC: conto alla rovescia per il fine settimana al Mallala Raceway

ASC: conto alla rovescia per il fine settimana al Mallala Raceway

Tante le novità al via

Trascorsi quasi due mesi dal primo round disputatisi al Wakefield Park Raceway, l’Australasian Superbike Championship si appresta ad affrontare al Mallala Raceway situato nell’Australia del Sud il segno appuntamento stagionale con tante tematiche d’interesse per la serie sotto egidia Australian Auto Sport Alliance (AASA) con l’Australian Road & Track Rider Promotions (ARTRP) in qualità di promoter.

Diventata ben presto serie di riferimento del motociclismo australia grazie all’apporto di sponsor importanti (non ultimo Swann Insurance, “title sponsor” della serie) e di una copertura televisiva garantita da SBS Speedweek e SPEED TV con costi esigui d’iscrizione comprensivi di “bonus” per i piloti “stranieri”, lo Swan Insurance Australasian Superbike Championship a Mallala affronterà un evento tra ritorni e assenze importanti.

Annunciato il ritiro dalle competizioni nelle scorse settimane, Kevin Curtain mancherà all’appello lasciando il team Yamaha Motor Australia senza il suo pilota più titolato, in difficoltà nel primo round a Wakefield (11° e due 15° posti nelle tre gare in programma). Senza il pluri-Campione Australiano FX, Superbike e Supersport, i colori del team YRT with Yamaha Motorcycle Insurance saranno così difesi da Rick Olson, Robert Bugden e Cru Halliday, terzetto che cercherà di bissare i trionfi conseguiti da Broc Parkes (oggi in MotoGP con Paul Bird Motorsport) nella passata stagione.

Non mancheranno all’appello i tre piloti del Team Honda Racing con Jamie Stauffer e Wayne Maxwell in trionfo nel primo round a Wakefield affiancati da Josh Hook, al rientro dopo l’infortunio rimediato al Phillip Island Championship. Incerta invece la partecipazione di Glenn Allerton (BMW Next Gen Motorsports) per una recente operazione al ginocchio sinistro per un precedente infortunio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy