ASBK: scatta la stagione 2011 a Phillip Island, tante novità

ASBK: scatta la stagione 2011 a Phillip Island, tante novità

Caccia all’erede di Staring

Commenta per primo!

Scatta questo fine settimana a Phillip Island, insieme al mondiale di categoria, la 23° stagione dell’Australian Superbike. Una delle più attese, la terza sotto la gestione dell’International Entertainment Group, società capeggiata da Yarrive Konsky che ha ridato smalto alla categoria dopo aver incontrato una situazione disastrosa nel 2008. Apporto di sponsor importanti, eccellenti ritorni delle case ufficiali, copertura televisiva sono gli elementi che hanno consentito il rilancio dell’ASBK ed in generale del motociclismo australiano. C’è voluto del tempo, ma alla fine l’Australian Superbike ha ritrovato lo spazio che merita dando a giovani talenti la possibilità da esprimersi a livello internazionale. Già, perchè dopo un solo biennio si è concluso il periodo di totale rinnovamento nello schieramento di partenza, con un cambio generazionale che ha consentito ai “classe 87” Josh Waters e Bryan Staring (gli ultimi due campioni, eredi nell’albo d’oro di Corser, Mladin e Slight) di guadagnarsi una chances importante a livello internazionale. Entrambi correranno sì a Phillip Island, ma nel mondiale di categoria come wild card: Waters con Yoshimura Suzuki, Staring con Kawasaki Pedercini, gara-premio aspettando di competere nella Superstock 1000 FIM Cup. Con l’approdo dei due maggiori interpreti dell’ASBK di questi anni nel palcoscenico internazionale (anche se Waters disputerà qualche round nel 2011), si cercano “nuovi” e “vecchi” protagonisti in grado di ereditare la tabella #1. Di certo, scorgendo l’elenco iscritti, non mancano. Questa d’altronde è la stagione del ritorno ufficiale di Honda, che ha dato in gestione al Motologic Racing di Paul Free (già campione nel 2008 con una CBR affidata a Glenn Allerton) il “Team Honda Racing“, con schierate due Fireblade rosse secondo la tradizione di Honda Australia. Wayne Maxwell è il grande favorito, già contendente al titolo nelle ultime tre stagioni, rimasto in Madrepatria rifiutando offerte dal BSB per centrare l’obiettivo inseguito da un lustro. Il pilota di Victoria è risultato imprendibile nei test invernali tra Eastern Creek e Phillip Island, anche a scapito del team-mate Jamie Stauffer, campione 2006 e 2007, all’esordio con Honda e di ritorno con una 4 cilindri dopo la parentesi (sempre insieme a Motologic) con Ducati dello scorso anno. Se la coppia Honda Racing ha effettivamente dominato la giornata di test pre-campionato a Phillip Island, la concorrenza (agguerrita) ha ridotto il distacco a pochi decimi. Suzuki Australia farà affidamento su Troy Herfoss, pilota dalla storia particolare, da raccondare. Pluri-campione del dirt track (secondo filosofia motociclistica nazionale), da giovanissimo si è trasferito in America vincendo subito il prestigioso titolo AMA Supermoto, salvo poi decider di tornare nella terra natia per correr… su pista. Ingaggiato dal team ufficiale Suzuki di Phil Tainton, Herfoss nel 2010 ha conquistato l’Australian Supersport, guadagnandosi l’immediata promozione in Superbike viaggiando su tempi sorprendenti subito alla prima presa di contatto con la potente GSX-R 1000. Con Shawn Giles che ha deciso di appendere il casco al chiodo dopo 3 titoli e oltre 20 anni di carriera, Josh Waters impegnato “part-time” nell’ASBK (non correrà a Phillip Island per la concomitanza con il WSBK), sarà proprio Troy Herfoss il pilota di punta Suzuki Australia affiancato da Robert Bugden che, nel frattempo, ha conquistato quest’inverno l’ennesimo titolo neozelandese Superbike. Tra gli ex-campioni della categoria c’è Craig Coxhell, vincitore nel 2003, scelto dal Demolition Plus G.A.S. Racing per sostituire Wayne Maxwell passato al Team Honda Racing: sarà indubbiamente tra i candidati al titolo dopo aver dominato, con il proprio team CJC Racing ed una BMW S1000RR, lo scorso anno tra le Superstock vincendo 10 gare su 10 in calendario. A proposito di BMW, debutta in forma ufficiale la casa di Monaco affidandosi all’Hepburn Motorsport, ex-struttura di riferimento KTM nell’ASBK. Pilota scelto Glenn Allerton, campione 2008, che si presenterà a Phillip Island con soltanto due giorni di test in sella alla S1000RR. Conoscendo il potenziale di pilota e moto sarà un credibile contendente alla vittoria in una stagione dove si correrà nuovamente nel Northern Territory a Hidden Valley (nel 2010 il ritorno dopo 11 anni di assenza), in Tasmania a Symmons Plains, ma anche nel Western Australia (Barbagallo) e nel Queensland per un campionato che, a tutti gli effetti, ha allargato i confini nazionali completando il processo/programma triennale di rinnovamento. E di rilancio, riuscito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy