ASBK: l’esordio (ritorno) della 250 Production Class a Phillip Island

ASBK: l’esordio (ritorno) della 250 Production Class a Phillip Island

Primo round in archivio

di Redazione Corsedimoto

Fortemente voluta dal promoter IEG (International Entertainment Group), a Phillip Island insieme all’Australian Superbike è tornata protagonista la “250 Production Class“, categoria riservata alle 250cc 4 tempi derivate dalla serie, una sorta di “Sport Production” riportata in auge dopo che nei primi anni ’90 ha promosso al motociclismo che conta piloti del calibro di Mat Mladin e Troy Corser. Seguita in prima persona dalla federazione motociclistica australiana MA (Motorcycling Australia) oltre che dagli importatori nazionali di Honda e Kawasaki (dando vita ad un “Contigency Program” con un ricco montepremi per il vincitore), la 250 Production Class ha disputato la prima gara con una griglia di partenza di 15 moto tra Honda CBR250R, Kawasaki Ninja 250R, Hyosung GT250R, Megelli 250R/250SE e Daelim VJF250, tutte equipaggiate con le stesse specifiche Dunlop con costi calmierati per gli pneumatici Sportmax Alpha 12H (130 dollari l’anteriore, 160 posteriore) e Arrowmax GT501 (da 100 a 120 dollari australiani). La tragica scomparsa di Oscar McIntyre ha imposto agli organizzatori di rivedere il programma del week-end, consentendo ai giovani piloti di disputare soltanto una gara nella giornata di venerdì nel segno del dominio delle Kawasaki Ninja 250R. Luke Burgess, coinvolto sabato incolpevolmente nel drammatico crash di McIntyre nell’Australian Supersport/Superstock 600, ha conquistato la vittoria ai comandi della propria Ninja 250R preparata da Mackay Kawasaki per soli 91 millesimi rispetto a Olly Simpson, talento emergente del motociclismo australiano (14 anni) che ha tentato di passare le selezioni della Red Bull MotoGP Rookies Cup 2012 lo scorso mese di ottobre al Motorland Aragon. Con la Kawasaki a concretizzare una doppietta, in terza posizione ha concluso una Honda CBR250R affidata a Zac Levy (Victorian Motorcycle Wreckers), vincendo una volata a tre con Nathan Simpson e Corey Turner. Per tutti ci sarà la possibilità di riscatto tra poco più di 2 mesi per il secondo round, mentre resta da definire quando sarà recuperata la seconda manche non disputata a Phillip Island. Australian 250 Production Class 2012 Phillip Island, Classifica Gara 01- Luke Burgess – Kawasaki Ninja 250R – 7 giri in 14’38.082 02- Olly Simpson – Kawasaki Ninja 250R – + 0.091 03- Zac Levy – Honda CBR250R – + 24.460 04- Nathan Simpson – Kawasaki Ninja 250R – + 24.680 05- Corey TUrner – Kawasaki Ninja 250R – + 24.699 06- Zac Zanesco – Kawasaki Ninja 250R – + 33.233 07- Peter Mizzi – Kawasaki Ninja 250R – + 34.728 08- Brian Bezzina – Honda CBR250R – + 42.868 09- Mark Watt – Kawasaki Ninja 250R – + 53.650 10- Evan Byles – Kawasaki Ninja 250R – + 58.739 11- Albert Tehennepe – Kawasaki Ninja 250R – + 1’02.940 12- Brandon Demmery – Megelli 250SE – + 1’11.557 13- Bronwyn Sorensen – Honda CBR250R – + 1’36.782 14- Tony Sims – Hyosung GT250R – a 3 giri

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy