AMA Superbike: si corre a Sonoma con il duello Hayes Vs Young

AMA Superbike: si corre a Sonoma con il duello Hayes Vs Young

Yamaha Vs Suzuki, ma occhio a BMW, EBR e KTM

Commenta per primo!

Il duello dell’ultimo biennio nell’American Superbike, un confronto senza fine che ha dato vita in questo primo scorcio di campionato a due gare da antologia del motociclismo. Il prossimo fine settimana all’Infineon Raceway di Sears Point in Sonoma (California) torna in azione il campionato di riferimento del panorama AMA Pro Road Racing, proponendo l’ennesimo capitolo della saga “Josh Hayes Vs Blake Young”, rispettivamente campione e vice-campione in carica, portacolori dei due team più blasonati e decorati del motociclismo a stelle e strisce: Graves Yamaha e Yoshimura Suzuki. A confronto a Daytona con una spettacolare volata finale valsa la vittoria in Gara 2 per soli 2 millesimi a vantaggio di Blake Young, i due migliori interpreti della Superbike made in USA si sono ritrovati a confronto anche in una spettacolare prima manche di Road Atlanta: una serie infinita di sorpassi, un contatto fratricida al 13° giro con conseguente caduta del giovane pupillo di Kevin Schwantz, non sufficiente per tenerlo fuori gioco al restart celebrando una sensazionale vittoria quasi senza precedenti nella categoria in una gara, a tutti gli effetti, “epica”. Per potenziale e valori in campo, sarà ancora questo confronto a caratterizzare il fine settimana di Sonoma con Josh Hayes legittimo favorito (vittorie nell’ultimo triennio su questo tracciato) e capo-classifica di campionato con la Yamaha YZF R1 ufficiale del Monster Energy Graves Yamaha. L’esperto pilota del Mississipi ha finora raccolto 2 successi (Gara 2 a Daytona e Braselton), lo stesso numero di Blake Young, indietro di soli 6 punticini in campionato, motivato come non mai a riportare in casa Yoshimura R&D of America un titolo che manca ormai dal 2009, eventualmente il primo dell’era post-Mat Mladin. Sarà un duello avvincente da seguire sui saliscendi dell’Infineon Raceway dove non sono escluse potenziali incursioni al comando di Josh Herrin, l’unico a tenere il passo dei scatenati duellanti a Braselton, quarto in classifica in questa sua stagione d’esordio nell’American Superbike con Graves Yamaha. Vice-campione SportBike in carica e vincitore della 200 miglia di Daytona 2010, Herrin ha trovato in poco tempo il feeling con la Yamaha YZF R1 Superbike tanto da superare nelle gerarchie di campionato Roger Hayden, dal rendimento costante in questo primo scorcio di 2012 con due podi a Daytona e due quarti posti a Road Atlanta con la Suzuki GSX-R 1000 del Michael Jordan Motorsports. Se l’American Superbike ha ritrovato un protagonista come RLH, rischia di perdere (definitivamente o quasi) Ben Bostrom, fin qui protagonista di un terribile inizio di campionato con 3 cadute su 4 gare e pochi punti raggranellati con la seconda Jordan Suzuki contraddistinta dal mitico #23 della leggenda del Basket NBA. Per “BB”, tuttora alla ricerca della prima vittoria da pilota Suzuki, Sonoma rappresenta quasi l’ultima chiamata per risalire la china, con tutte le prospettive per riscattarsi sul tracciato di casa dove ha vinto e ben figurato nel recente passato tra Supersport e Superbike. Aspettando di ritrovare il “Re del Cavatappi” nelle posizioni che contano, nell’American Superbike al di fuori del dualismo tra Yamaha e Suzuki si sono intromessi anche i piloti delle altre case costruttrici presenti nel campionato. Il sempreverde Larry Pegram a quasi 40 anni è quinto in classifica con la propria BMW S1000RR, mentre la EBR 1190RS, Superbike nata dal genio di Erik Buell, ha raccolto la prima top-5 in gara a Braselton grazie a Geoff May senza scordarci del bi-campione DSB in carica Danny Eslick, in crescita con la seconda EBR iscritta ufficialmente dall’Erik Buell Racing sotto le insegne del “Team Hero”. Se in casa Attack Performance con la Kawasaki Ninja ZX-10R ridenominata “Black Ops AP10” ci si prepara con Steve Rapp all’esordio in MotoGP come wild card da “CRT” tra Laguna Seca e Indianapolis, in KTM/HMC Racing procede lo sviluppo della RC8R Superbike con Chris Fillmore 6° e 7° a Road Atlanta, 8° in campionato e dal prossimo fine settimana affiancato in pista da Stefan Nebel, bi-campione IDM Superbike, dal 2007 sotto contratto KTM come tester e pilota ufficiale del progetto RC8, pronto all’esordio Oltreoceano sempre e rigorosamente di “Orange” vestito.. AMA Pro National Guard SuperBike 2012 La classifica dopo i primi 2 round 01- Josh Hayes – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 116 02- Blake Young – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 110 03- Roger Hayden – National Guard Jordan Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 78 04- Josh Herrin – Monster Energy Graves Yamaha – Yamaha YZF R1 – 60 05- Larry Pegram – Foremost Insurance Pegram Racing – BMW S1000RR – 59 06- Steve Rapp – Attack Performance – Kawasaki ZX-10R – 58 07- Chris Clark – Yoshimura Suzuki Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 49 08- Chris Fillmore – KTM/HMC Racing – KTM RC8R – 45 09- Robertino Pietri – Team Venezuela – Suzuki GSX-R 1000 – 42 10- Geoff May – Team Amsoil/Hero – EBR 1190RS – 40 11- Danny Eslick – Team Hero – EBR 1190RS – 35 12- Jake Holden – Evan Steel Performance – BMW S1000RR – 34 13- Taylor Knapp – Riders Discount Vesrah Suzuki Team – Suzuki GSX-R 1000 – 44 14- David Anthony – Kneedraggers.com Motul FLY Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 31 15- Chris Ulrich – M4 Broaster Chicken Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 28

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy