All Japan Superbike Autopolis Gara: trionfo di Takumi Takahashi

All Japan Superbike Autopolis Gara: trionfo di Takumi Takahashi

Pareggia i conti in classifica

Due gare, due differenti vincitori nella stagione 2014 dell’All Japan Superbike. All’Autopolis International Racing Course, teatro del secondo appuntamento stagionale della JSB1000, Takumi Takahashi con autorità si aggiudica la prima affermazione 2014 in sella alla Honda CBR 1000RR Fireblade #634 del team HARC-PRO Honda al culmine di una sensazionale confronto-a-6 per la vittoria a tratti aperto anche a Katsuyuki Nakasuga, il poleman Kazuki Watanabe, Takuya Tsuda, Akira Yanagawa e Tatsuya Yamaguchi. In una soleggiata domenica di attività ad Autopolis, il due volte vincitore della 8 ore di Suzuka (2010 e 2013, sempre con HARC-PRO Honda) ed attuale tester Honda MotoGP è uscito fuori sulla distanza di gara al culmine di una contesa capolavoro. Rimasto parte integrante del gruppo di testa, nel corso del 10° giro Takahashi ha forzato l’attacco sull’allora leader (ed autore della pole position) Kazuki Watanabe iniziando una fuga in solitaria costruendo un vantaggio di 3″ sapientemente amministrato nella fase decisiva della contesa. Una vittoria preziosa per Takumi Takahashi, dal 2010 protagonista della JSB1000 e più volte (anche lo scorso anno) arrivato ad un soffio dalla conquista del titolo di categoria, in grado di porre la parola fine ad una sequenza di cinque affermazioni consecutive nell’All Japan Superbike del Campione in carica Katsuyuki Nakasuga, secondo sul traguardo riuscendo soltanto in volata a vincere il confronto con Kazuki Watanabe, terzo con la Kawasaki Ninja ZX-10R del Team Green sul tracciato di proprietà Kawasaki Heavy Industries. Secondo posto per Katsuyuki Nakasuga Con questi risultati ora Takahashi e Nakasuga comandano la classifica di campionato ad ex-aequo a quota 47 punti, distanziando i loro più diretti inseguitori già costretti ad una rimonta per puntare al massimo alloro del motociclismo del Sol Levante. Autore della pole position sabato e di un sensazionale record della pista (l’unico con una Superbike ad infrangere il muro dell’1’47”), Kazuki Watanabe con la prima Kawasaki Team Green si è dovuto accontentare del terzo gradino del podio, mostrandosi visivamente deluso sul podio per quest’occasione mancata. Il Campione All Japan J-GP2 2012 e pupillo della “Verdona” è così costretto a rimandare la prima gioia della prima vittoria in carriera nell’All Japan Superbike, risultando tuttavia già il pilota di punta del Team Green a scapito del leggendario Akira Yanagawa, soltanto quinto dopo aver fatto parte del gruppo in lizza per la vittoria per gran parte della corsa. A precedere il 42enne Akira chiude nuovamente giù dal podio con la Yoshimura Suzuki Takuya Tsuda, quarto con più distanziati Tatsuya Yamaguchi (6° con la Honda Fireblade preparata da Moriwaki Engineering ed iscritta dal TOHO Racing) e Yukio Kagayama, settimo con la Suzuki GSX-R 1000 dell’omonimo Team Kagayama e mai oggettivamente in corsa per un piazzamento importante. Prosegue invece il percorso di crescita per il Campione All Japan J-GP2 in carica Kohta Nozane, ottavo con la Yamaha R1 del NTS Team Norick Abe di Mitsu Abe (padre del compianto Norifumi) alla sua seconda presenza nella JSB1000 mentre Takuya Fujita (Dog Fight Racing Yamaha) e Yoshihiro Konno (MotoMap Supply Suzuki) completano la top-10. Le Kawasaki Team Green di Yanagawa e Watanabe Aspettando il terzo round 2014 in programma il 25 maggio prossimo al Twin Ring di Motegi, dopo il ritiro della “2&4 Race” di Suzuka Yoshiyuki Sugai porta la Ducati 1199 Panigale R del proprio Team Sugai Racing Japan in dodicesima posizione assoluta davanti ad un’altra leggenda del motociclismo giapponese come Koji Teramoto, tredicesimo con l’inedita (per il mercato del Sol Levante) BMW HP4 del Team Tras 135HP. All Japan Road Race Championship 2014 Autopolis International Racing Course, Classifica Gara 01- Takumi Takahashi – MuSASHi RT HARC-PRO – Honda CBR 1000RR – 19 giri in 34’40.408 02- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha YSP Racing Team – Yamaha YZF R1 – + 3.095 03- Kazuki Watanabe – Team Green – Kawasaki ZX-10R – + 3.489 04- Takuya Tsuda – Yoshimura Suzuki Shell Advance – Suzuki GSX-R 1000 – + 8.981 05- Akira Yanagawa – Team Green – Kawasaki ZX-10R – + 9.136 06- Tatsuya Yamaguchi – TOHO Racing with Moriwaki – Honda CBR 1000RR – + 10.115 07- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – + 30.831 08- Kohta Nozane – NTS Team Norick Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 34.579 09- Takuya Fujita – Dog Fight Racing Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 35.309 10- Yoshihiro Konno – MotoMap Supply – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’05.254 11- Mitsuhiro Yoshida – Honda Kunamoto Racing – Honda CBR 1000RR – + 1’08.469 12- Yoshiyuki Sugai – Team Sugai Racing Japan – Ducati 1199 Panigale R – + 1’16.832 13- Koji Teramoto – Team Tras 135HP – BMW HP4 – + 1’16.960 14- Masao Kuboyama – Honda Hamayukai Hamamatsu – Honda CBR 1000RR – + 1’33.972

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy