All Japan Superbike Suzuka: Nakasuga pole e record in 2’04”, Ray 4°

All Japan Superbike Suzuka: Nakasuga pole e record in 2’04”, Ray 4°

Katsuyuki Nakasuga conquista una pole record per le due gare dell’All Japan Superbike a Suzuka, Bradley Ray quarto miglior pilota Yoshimura Suzuki.

di Alessio Piana, @alessiopiana130

A suon di giri record Katsuyuki Nakasuga sferra una serie ipoteca alla conquista del suo personale ottavo titolo All Japan Superbike. A Suzuka, teatro della 50esima edizione del MFJ Grand Prix che chiude la stagione del motociclismo del Sol Levante, il 37enne alfiere Yamaha Factory Racing Team si è garantito una pole position record con uno spaziale 2’04″571, sufficiente per regolare di 374 millesimi il Campione in carica Takumi Takahashi (Team HRC) in un infuocato turno di qualifiche ufficiali. Con la possibilità di chiudere i giochi già al termine della prima gara (sprint: 10 giri) in programma, il recordman del motociclismo All Japan ha risposto prontamente all’affronto del portacolori Honda HRC: al 2’04″945 del rivale, alla tornata seguente Nakasuga con un mostruoso 2’04″571 ha stabilito il nuovo primato assoluto di Suzuka per una Superbike, sotto al suo stesso 2’04″876 fatto registrare lo scorso mese di aprile in occasione della 2&4 Race. Una prestazione monstre del 4 volte vincitore della 8 ore di Suzuka, in pista con i colori celebrativi del 20esimo anniversario della R1 con prevista anche una parata di alcuni fieri possessori della moto stradale tra oggi e domani.

Nella grande festa dei Tre Diapason e di tutto il motociclismo All Japan, Takumi Takahashi con la Honda CBR 1000RRW schierata direttamente dalla HRC è riuscito a sua volta ad infrangere il muro del 2’05”, ma non abbastanza per impensierire Nakasuga nell’assalto alla pole. In una qualifica dei record, anche il 23enne Kohta Nozane (Yamaha Factory) ha viaggiato su rimarchevoli livelli di competitività con uno strepitoso 2’05″347, poco meglio della wild card di lusso Bradley Ray. Rivelazione quest’anno del BSB con i colori Buildbase Hawk Suzuki, il 21enne di Ashford in 2’05″438 ha siglato il quarto tempo che vale un posto in seconda fila da miglior pilota Yoshimura a scapito dei titolari Kazuki Watanabe (6°) e Takuya Tsuda (7°), entrambi preceduti dalla superstite Kawasaki condotta da Kazuma Watanabe (5°), l’unico alfiere del Team Green complice il forfait per infortunio di Toprak Razgatlioglu.

Bradley Ray
Bradley Ray si qualifica quarto con Yoshimura Suzuki
Ray, nel weekend seguito anche da tecnici Hawk Racing del BSB, continua a sorprendere con il podio che potrebbe rappresentare un obiettivo alla sua portata, entrando sempre più nelle grazie della casa madre: Suzuki lo ha blindato per il 2019 con previsto il programma British Superbike (per puntare al titolo), 8 ore di Suzuka ed un futuribile test-provino con la GSX-RR MotoGP. Nel frattempo Bradley Ray esalta e si esalta sul tracciato dell’ottovolante a scapito di veterani come Yukio Kagayama (ottavo con la Suzuki dell’omonimo Team Kagayama), di prospetti del Sol Levante come Ryo Mizuno (nono con HARC-PRO Honda) e delle due Honda Moriwaki gommate Pirelli condotte da Yuki Takahashi e Ryuichi Kiyonari, a braccetto in decima e undicesima posizione.

Aspettando le due gare in programma domani (la prima sprint di 10 giri, la seconda articolata sulla distanza di 20 tornate di Suzuka), da segnalare nel corso delle qualifiche la caduta senza conseguenze di Yuya Kondo ed un’interruzione con bandiera rossa resasi necessaria per un animale (!) che ha attraversato la pista.

2018 All Japan Road Race Championship
50th MFJ Grand Prix Suzuka
Classifica Qualifiche

01- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’04.571
02- Takumi Takahashi – Team HRC – Honda CBR 1000RRW – 2’04.945
03- Kohta Nozane – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 2’05.347
04- Bradley Ray – Yoshimura Suzuki Motul – Suzuki GSX-R 1000 – 2’05.438
05- Kazuma Watanabe – Kawasaki Team Green – Kawasaki ZX-10RR – 2’05.642
06- Kazuki Watanabe – Yoshimura Suzuki Motul – Suzuki GSX-R 1000 – 2’06.093
07- Takuya Tsuda – Yoshimura Suzuki Motul – Suzuki GSX-R 1000 – 2’06.153
08- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – 2’06.837
09- Ryo Mizuno – MuSASHi RT HARC-PRO Honda – Honda CBR 1000RR – 2’07.297
10- Yuki Takahashi – KYB Moriwaki Motul – Honda CBR 1000RR – 2’07.396
11- Ryuichi Kiyonari – KYB Moriwaki Motul – Honda CBR 1000RR – 2’07.523
12- Kosuke Akiyoshi – au & Teluru MotoUP RT – Honda CBR 1000RR – 2’07.788
13- Zaqhwan Zaidi – Honda Asia Dream Racing – Honda CBR 1000RR – 2’08.057
14- Hideyuki Ogata – S-Pulse Dream Racing IAI – Suzuki GSX-R 1000 – 2’08.080
15- Shinichi Nakatomi – Hitman Koshien Yamaha – Yamaha YZF R1 – 2’08.373
16- Daijiro Hiura – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR – 2’08.457
17- Sodo Hamahara – Honda Dream RT Sakurai – Honda CBR 1000RR – 2’08.581
18- Tatsuya Yamaguchi – Team SuP Dream Honda – Honda CBR 1000RR – 2’08.590
19- Tomoya Hoshino – TONE RT SYNCEDGE 4413 – BMW S1000RR – 2’09.008
20- Kazma Tsuda – Team Baby Face – Yamaha YZF R1 – 2’09.153
21- Yuya Kondo – JOYNET GBS Racing Yamaha – Yamaha YZF R1 – 2’10.695
22- Mitsunori Okamura – KRP Sanyokogyo & RS-ITOH – Kawasaki ZX-10RR – 2’10.963
23- Naohiro Nakatsuhara – ATJ Racing – Honda CBR 1000RR – 2’11.054
24- Naoki Kiyosue – Team Hanshin Riding School – Kawasaki ZX-10RR – 2’11.816

Toprak Razgatlioglu caduta e doppia frattura: weekend finito

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy