8h Suzuka Test Yoshimura Suzuki al top, OK HARC-PRO Honda (e Miller)

8h Suzuka Test Yoshimura Suzuki al top, OK HARC-PRO Honda (e Miller)

Conclusi i Manufacturer/Tyre Test della 8 ore di Suzuka 2017 con Yoshimura in testa con la nuova GSX-R condotta da Tsuda (e Guintoli), ma la Honda con Jack Miller è competitiva…

Per il primo effettivo confronto diretto con tutte le squadre (Yamaha Factory Racing Team compresa) bisognerà attendere l’11-13 luglio prossimi, ma la due-giorni di Manufacturer/Tyre Test della 8 ore di Suzuka 2017 ha offerto i primi valori in campo in vista della “gara delle gare” in programma il 30 luglio prossimo. Incontrando, in controtendenza a quanto registratosi ieri, condizioni meteorologiche favorevoli con temperature al di sopra dei 30°, Yoshimura Suzuki nella conclusiva sessione di attività si è assicurata il miglior riferimento cronometrico in 2’07″232 a firma Takuya Tsuda, confermando il potenziale velocistico della nuova GSX-R 1000R condotta anche da Sylvain Guintoli. Non da meno la CBR 1000RR Fireblade SP2 che vola grazie al team HARC-PRO Honda: Takumi Takahashi e Jack Miller, l’unico pilota della MotoGP al via dell’edizione del quarantennale della 8 ore, hanno girato senza particolari problematiche sul 2’08” di passo…

Sylvain Guintoli con la nuova Suzuki GSX-R 1000 di Yoshimura
Sylvain Guintoli con la nuova Suzuki GSX-R 1000 di Yoshimura
YOSHIMURA PUNTA AL POKERISSIMO – Presente sin dall’inaugurale edizione (vinta) del 1978, Yoshimura Suzuki per celebrare il prestigioso 40esimo anniversario della 8 ore punta alla quinta vittoria, traguardo che manca ormai dal 2009. Per farlo ha sviluppato sin dal gennaio scorso la nuova GSX-R 1000 dal potenziale esasperato, chiarito dal rimarchevole 2’07″232 fatto registrare nel turno pomeridiano di attività da Takuya Tsuda, in pista omaggiando nella prima sessione con il casco replica di Satoshi Tsujimoto, leggenda Yoshimura degli anni ’80. Dal 2012 nei piani Yoshimura nell’All Japan e già poleman alla 8 ore nel 2014, il collaudatore Suzuki MotoGP con disinvoltura ha spiccato riferimenti cronometrici degni di nota coadiuvato da Sylvain Guintoli, al suo esordio assoluto alla 8 ore. L’iridato Superbike 2014, oggi impegnato nel BSB con Bennetts Suzuki, ha badato più sulla sostanza e trovare il miglior feeling con il “pacchetto tecnico” a disposizione (moto dalle specifiche differenti rispetto al British Superbike, pneumatici Bridgestone) vantando un miglior riferimento cronometrico in 2’08″333.

Jack Miller in piega con la Honda CBR 1000RR Fireblade SP2 di HARC-PRO
Jack Miller in piega con la Honda CBR 1000RR Fireblade SP2 di HARC-PRO
OCCHIO ALLA NUOVA FIREBLADE CON IL TEAM HARC-PRO E MILLER – Se Yoshimura ha spiccato il miglior tempo, sotto il 2’09” si è confermato il team HARC-PRO Honda, al comando ieri con Takumi Takahashi. Nella giornata odierna tanto il tre-volte vincitore (2010, 2013, 2014) della 8 ore quanto Jack Miller (in 2’08″023) sono stati in grado di ottenere riferimenti di rilievo, avvicinati da Takaaki Nakagami di ritorno a Suzuka dopo la trionfale esperienza (da “riserva”) del 2010. Il protagonista della Moto2 già nei piani MotoGP 2018 ha macinato tanti chilometri con la seconda Fireblade a disposizione riuscendo a sua volta ad infrangere il muro del 2’09, compito affidato ieri a “Jackass” al debutto alla 8 ore e destinato a tornare in sella soltanto per il weekend di gara del 27-30 luglio prossimi.

Randy De Puniet con F.C.C. TSR Honda
Randy De Puniet con F.C.C. TSR Honda
GLI ALTRI PROTAGONISTI – Scorrendo la classifica, Kawasaki Team Green (inusitatamente con il #11 storico di Kawasaki France: il #87 è occupato dal team Hanshin del leggendario Akira Yanagawa…) si è confermato competitivo con Leon Haslam e Kazuka Watanabe sul 2’08” basso, più distante l’ex Moto2 Azlan Shah Kamaruzaman, pilota Kawasaki BEET Racing nell’Asia SuperSports 600cc. In netta risalita Randy De Puniet, unico pilota F.C.C. TSR Honda presente con la nuova Fireblade: aspettando Dominique Aegerter e Stefan Bradl, il transalpino è passato dal 2’12” di ieri all’odierno 2’08″811, preceduto dallo squadrone YART Yamaha con Broc Parkes (affiancato da Kohta Nozane e Marvin Fritz) in 2’08″795. Nelle posizioni che contano menziona doverosa per il rientrante team Sakurai con Ryo Mizuno e Jamie Stauffer (con Jason O’Halloran convocato dal BSB, ci sarà nei prossimi test), così come per il Team Kagayama dello stesso Yukio Kagayama e Suzuki S-Pulse, due squadre che porteranno in pista piloti dal Mondiale Moto2, rispettivamente Hafizh Syahrin e Marcel Schrotter.

PROSSIMI TEST – Archiviata la due-giorni di Manufacturer/Tyre Test, l’appuntamento è ora fissato per l’11-13 luglio prossimi con i Test ufficiali. In questa circostanza sarà presente lo squadrone Yamaha Factory Racing Team al gran completo, ma anche tutte le squadre di punta del FIM EWC: d’altronde, vivendo sul duello tra Suzuki S.E.R.T. e GMT94 Yamaha (con il nostro Niccolò Canepa), sul mitico tracciato dell’ottovolante verrà assegnato il titolo Mondiale Endurance 2016/2017…

THE 40TH COCA-COLA SUZUKA 8 HOURS ENDURANCE RACE

Classifica Tyre/Manufacturer Test (giovedì 6 luglio) Top-15

01- Yoshimura Suzuki Motul Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 2’07.232

02- MuSASHi RT HARC-PRO Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’08.023

03- Kawasaki Team Green – Kawasaki ZX-10RR – 2’08.352

04- YART Yamaha – Yamaha YZF R1 – 2’08.795

05- F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’08.811

06- Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’08.938

07- Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – 2’09.177

08- Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’09.410

09- S-Pulse Dream Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 2’09.661

10- Honda Dream Racing – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’10.388

11- SatuHATI Honda Team Asia – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’10.742

12- EVA RT Webike Trick Star – Kawasaki ZX-10R – 2’10.749

13- MotoMap Supply FutureAccess – Suzuki GSX-R 1000 – 2’10.878

14- au & Teluru Kohara RT – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’10.882

15- Team SuP Dream Honda – Honda CBR 1000RR SP2 – 2’11.035

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy