8h Oschersleben Niccolò Canepa con GMT94 vince ancora!

8h Oschersleben Niccolò Canepa con GMT94 vince ancora!

Dopo la 24h Le Mans, GMT94 Yamaha in trionfo anche alla 8h Oschersleben con il nostro Niccolò Canepa, David Checa e Mike Di Meglio.

Il momento d’oro di GMT94 Yamaha e del nostro Niccolò Canepa continua. Dopo la storica affermazione alla 24 ore di Le Mans, il pilota genovese e la compagine di Christophe Guyot si sono aggiudicati la vittoria anche alla 8 ore di Oschersleben, terzo di cinque eventi del Mondiale Endurance FIM EWC 2016/2017, al culmine di una corsa votata all’attacco e con una strategia aggressiva che ha permesso allo squadrone #94 di uscire vincitore dal ‘Derby‘ dei Tre Diapason con YART. Insieme a David Checa (autore del nuovo primato sul giro in gara in 1’27″814) e Mike Di Meglio (in pista soltanto per 1 stint), Canepa ha ribadito il perfetto affiatamento con la R1 #94 gommata Dunlop rendendosi protagonista di una corsa-capolavoro.

Il più veloce in assoluto nelle qualifiche (l’unico a scendere sotto il muro dell’1’27”), Niccolò si è reso protagonista di una corsa priva di sbavature, rispettando alla lettera alla strategia definita dal box GMT94: forzare il più possibile, guadagnare un consistente margine (indicativamente di 1 minuto) in pista rispetto a YART al fine di effettuare una sosta ai box in più nei confronti del rivale. Canepa, insieme ad un superlativo Checa ed un Mike Di Meglio “risparmiato” dalla squadra negli avvicendamenti in sella (non confermatosi ai livelli eccellenti di Le mans), sono riusciti a completare l’opera nonostante uno Stop and Go di 30″ (ma effettivi 51″ persi comprensivi del passaggio in pit-lane a 60 km/h) comminato dalla direzione gara per l’unica ingenuità al box della squadra due volte Campione del Mondo EWC: in una sosta un meccanico ha inavvertitamente azionato il comando dei fari, rimasti accesi in fase di rifornimento e cambio gomme. Come una furia Canepa ha effettuato una serie di tornate da… Superpole, con David Checa in grado di completare l’opera con un ritmo forsennato ed il giro record della contesa.

Da sinistra David Checa, Mike Di Meglio, Christophe Guyot e Niccolò Canepa
Da sinistra David Checa, Mike Di Meglio, Christophe Guyot e Niccolò Canepa
Per GMT94 Yamaha si tratta così della seconda vittoria consecutiva ed in tre round del FIM EWC 2016/2017, la terza di fila alla 8 ore di Oschersleben dopo le affermazioni del precedente biennio, la quinta alla Motorsport Arena considerando i due successi alle 24 ore del 2003 e 2004. Un trionfo totale (vittoria, giro più veloce, record sulla distanza e pole position) che attesta GMT94 in campionato a soli 7 punti dalla Suzuki S.E.R.T., penalizzata da una scivolata dopo soli 6 minuti del 10 volte iridato Vincent Philippe alla ‘Zeppelin‘ quando si ritrova in testa dopo un brillante avvio. Con la S.E.R.T. in grado di rimontare fino alla top-10 senza usufruire di Alex Cudlin (rimasto “in panchina” per tempi nelle prove non a livello di Philippe e Masson), la 8 ore di Oschersleben 2017 è stata un’edizione memorabile per la Yamaha: oltre al successo di GMT94, il podio è tutto dei Tre Diapason con YART (Broc Parkes, Kohta Nozane ed il rientrante Marvin Fritz) e Maco Racing (Anthony Dos Santos, Gregory Junod e Marko Jerman) con quest’ordine rispettivamente in seconda e terza posizione. Inoltre il team Moto Ain con l’ex Moto3 Alexis Masbou, Robin Mulhauser e Hugo Clere si è aggiudicato la vittoria della classe Superstock, conquistando in solitaria il comando della classifica di campionato.

Proprio nella classe Stock, in qualità di unica squadra al via con la nuova Suzuki GSX-R 1000, il No Limits Motor Team di Moreno Codeluppi ha concluso in 15° posizione assoluta e 7° di classe confermando il potenziale di tutta la squadra e del trio di piloti formato da Kevin Manfredi, Andrea Boscoscuro e Niccolò Rosso. Per la formazione tricolore e per il FIM EWC prossimo round sabato 24 giugno con l’inedita 8 ore dello Slovakia Ring.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy