24h Le Mans: Kawasaki SRC in pole provvisoria, ma che lotta al vertice!

24h Le Mans: Kawasaki SRC in pole provvisoria, ma che lotta al vertice!

Distacchi contenuti per l’assalto alla pole: le prime qualifiche della 24 Heures Moto Le Mans proiettano al top Kawasaki SRC davanti a F.C.C. TSR Honda, Tecmas BMW e YART Yamaha.

di Alessio Piana, @alessiopiana130
Kawasaki SRC in pole provvisoria alla 24 ore di Le Mans

Una prima qualifica della 24 Heures Moto Le Mans che sancisce un definitivo cambiamento della specialità. La crescita esponenziale in termini di competitività assoluta dei partenti, frutto di un innalzamento qualitativo sul piano tecnico (ottime moto e team) e sportivo (piloti sempre più professionisti e “velocisti” al via), hanno prodotto un primo turno di qualifiche ufficiali dove la pole provvisoria si è giocata sul filo dei millesimi. L’omogeneità degli equipaggi di punta, con il conseguente calcolo del tempo medio di ciascuna squadra in virtù dei migliori crono siglati da ciascun pilota, ha proiettato in cima alla graduatoria il Team Kawasaki SRC, in pole provvisoria in 1’37″545 grazie ai tempi di Randy De Puniet (1’37″181), Jeremy Guarnoni (1’37″529) e Mathieu Gines (1’37″925).

LA COSTANZA PAGA – In una qualifica al Circuit Bugatti inusitatamente caratterizzata da elevate temperature (non così distanti dai 30°, quasi 40° dell’asfalto!), viene premiata la costanza di rendimento dello squadrone di Gilles Stafler. Con la Ninja ZX-10RR #11 gommata Pirelli tutti e tre i piloti titolari sono scesi sotto il muro dell’1’38”, per quanto non siano stati i più veloci nel loro stesso gruppo di appartenenza. In virtù del regolamento vigente Kawasaki SRC, in trionfo in 5 delle ultime 8 edizioni disputate della 24 ore della Sarthe, si ritrova così davanti per l’inezia di 58 millesimi (!) rispetto al tempo medio del trio F.C.C. TSR Honda con la vecchia CBR 1000RR Fireblade in configurazione 2016 condotta da Freddy Foray, Alan Techer e Josh Hook. Distacchi contenuti anche per gli altri inseguitori: Tecmas BMW, al top nelle qualifiche del gruppo blu con Julien Da Costa (1’37″013, il più veloce in assoluto oggi) e del gruppo rosso con David Perret (1’37″427), complice un crono abbastanza alto di Camille Hedelin si ritrova terza a 150 millesimi dalla vetta di un soffio davanti a YART Yamaha. La compagine supportata direttamente da Yamaha Factory e Bridgestone primeggia nelle qualifiche del gruppo giallo con Marvin Fritz (1’37″043), ben figura anche con il veterano Broc Parkes (1’37″124), ma paga dazio con il neo-acquisto Takuya Fujita (1’39″360) che di strada ne dovrà percorrere per non far rimpiangere Kohta Nozane…

GMT94 YAMAHA CON CANEPA 6° – Tra gli altri squadroni del FIM EWC il rinnovato Team NRT48, nuova compagine di riferimento BMW Motorrad Motorsport, conquista provvisoriamente il quinto tempo con la S1000RR #48 condotta da Kenny Foray (1’37″283), la stella del BSB e delle road races Peter Hickman (1’38″265) e la velocissima Lucy Glockner (1’38″053) a precedere i Campioni del Mondo in carica di GMT94 Yamaha. Detentori del trofeo della 24 ore, secondo consuetudine per i team gommati Dunlop sono stati risparmiati degli “stickers” senza usufruire di gomme da tempo, ritrovando pertanto il nostro Niccolò Canepa provvisoriamente sesto in equipaggio con David Checa e Mike Di Meglio, quest’ultimo incappato in una scivolata alla Garage Vert. Nessun inconveniente per Suzuki S.E.R.T. con la nuova GSX-R 1000 condotta da Vincent Philippe, Etienne Masson e Gregg Black attualmente settima ritrovando Dominique Meliand al muretto box, tutt’altra vita per le altre due squadre inseguitrici: Honda Endurance Racing (8°) sconta due (!) cadute di Gregory Leblanc nel proprio turno di appartenenza, una scivolata invece per Christian Iddon con la BMW Penz13 classificatasi nona annoverando nel trio titolare anche Michael Laverty e Danny Webb.

CHE LOTTA IN SUPERSTOCK – La grande bagarre del Mondiale Endurance si estende anche alla classe Superstock. Campioni del Mondo in carica, Yamaha Viltais (passata da pneumatici Michelin a Dunlop) si assicura la pole provvisoria, ma in assoluto il più veloce di giornata della categoria è il nostro Kevin Manfredi. Ingaggiato dallo squadrone Kawasaki Louit Moto e reduce dal trionfale weekend nel CIV Supersport a Misano, con la Ninja ZX-10RR #33 gommata Pirelli ha fermato i cronometri sull’1’38″021, pole “personale” del giovedì a Le Mans. Bene, molto bene anche Roberto Rolfo alla prima con la Yamaha Moto Ain viaggiando in 1’38″234, ritrovandosi davanti a tutti nelle qualifiche del gruppo blu. Sempre in “Casa Italia”, il No Limits Motor Team di Moreno Codeluppi inizia la sua tredicesima 24 ore di Le Mans con la GSX-R 1000 #44 attualmente 11° di classe (28° assoluta) con il trio titolare formato da Luca Scassa (1’39″793), Christian Gamarino (1’39″806) e Michael Mazzina (1’41″631). Proseguendo nella trafila delle squadre italiane, il team AvioBike di-e-con Giovanni Baggi affiancato dai fratelli Christian e Federico Napoli più Stefano Fugardi “riserva” si ritrova 17° di classe (35° assoluto) alla prima esperienza di squadra a Le Mans, a seguire lo Special Team Ducati by Z Racing con la Panigale R #57 condotta da Ricardo Saseta, Lionel Ancelin e Jacopo Zizza “riserva” più il rientrante bi-Campione del Mondo Manuel Poggiali, il quale non ha preso parte alle prime qualifiche per una caduta questa mattina nelle libere alla chicane Dunlop.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy