200 Miglia Mugello: Trionfa il team Avio Bike

200 Miglia Mugello: Trionfa il team Avio Bike

Sulla pista toscana piloti di rango, sfide e colpi di scena: un gran finale di stagione. Nell’Endurance GP vince la Ducati V4

di Redazione Corsedimoto
200 Miglia Migello 2018

Il gran finale di stagione del motociclismo su pista, si è consumato con la storica 200 Miglia del Mugello. Lo show come da copione non è mancato. I piloti, a differenza delle due passate edizioni, hanno corso su pista asciutta imprimendo alle gare in programma un bel ritmo e regalando diversi colpi di scena.

200 MIGLIA –  Al via è scattata subito la lotta tra gli equipaggi Goi- Ferrari- Marchetti e La Marra- Castellarin- Dovesi, con questi ultimi subito davanti. Dopo poco l’equipaggio 69, con La Marra alla guida, ha avuto un problema tecnico che li ha costretti al box per poi ripartire e chiudere in rimonta al quarto posto. Intanto davanti la Ducati numero 5 ha menato le danze fino al penultimo cambio quando l’equipaggio Baggi- Spatari ha preso le redini della gara, recuperando il gap dagli avversari.  Nel forcing finale con Ferrari, prossimo pilota del team Gresini MotoE, l’equipaggio del team Ap Racing ha cercato di colmare il gap nei confronti di Baggi, ma alla fine è stato proprio il team Avio Bike a festeggiare la vittoria assoluta. Il podio è stato completato dall’equipaggio inglese Edgerest Racing 1 con Edgeley Nick e Neeves Michael.

SEMI PRO – Nella classifica Semi pro, per piloti che hanno partecipato a trofei nazionali, vittoria gli inglesi del Edgeley Racing 2 davanti all’unica 600 in gara guidata da Cherubini- Picco Botta del team K5. Terza piazza per Poggi- Sorrentino, rallentati da una scivolata nelle prime battute.

La Ducati V4 di Alberti vince la Endurance GP
La Ducati V4 di Alberti vince la Endurance GP

ENDURANCE GP – Ad aprire il programma di gare era stata la Endurance GP disputata sulla distanza di 23 giri.  Partenza a razzo per l’autore della pole position, Pellizzoni, che ha subito cercato la fuga, ma una breve pioggerella caduta dopo tre tornate lo ha fatto rallentare, lasciando così la testa ad Alberti, seguito da Menchetti. Finita la pioggia, Pellizzoni ha ripreso ritmo riportandosi terzo. Dopo il pit stop obbligatorio la classifica è rimasta invariata con Alberti, primo, seguito da Menchetti e Pellizzoni. La gara è stata ravvivata dallo scambio di posizioni nella parte centrale della classifica. A quattro giri dal termine bandiera rossa per pioggia e dunque vittoria meritata a Dario Alberti in sella alla Ducati del team RR, che ha preceduto Pellizzoni e Menchetti, primo della 600.

LE ALTRE –  Nella classifica della 1000 è salito terzo, dietro Alberti e Pellizzoni, Luca Fontanelli autore di una bella seconda parte di gara che gli ha consentito di battere la concorrenza di Nasato. Nella 600 affermazione per Menchetti davanti alla coppia Nari- Vigilucci e il team FCC.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy