12h Portimao: Kawasaki SRC in pole, Miguel Oliveira impressiona

12h Portimao: Kawasaki SRC in pole, Miguel Oliveira impressiona

Kawasaki SRC si assicura la pole position della 12 Horas de Portimao del Mondiale Endurance, ma stupisce Miguel Oliveira: dalla Moto2 debutta con il miglior tempo assoluto.

Dopo la vittoria alla 24 Heures Moto Le Mans il Team Kawasaki SRC prosegue il suo momento d’oro con la pole position della 12 Horas de Portimão a precedere YART Yamaha, F.C.C. TSR Honda e GMT94 Yamaha (con il nostro Niccolò Canepa in sella), ma chi stupisce è Miguel Oliveira: al debutto nella specialità stacca il miglior tempo assoluto in 1’45″157 con la R1 del Parkalgar Racing Team. Questo il responso delle qualifiche ufficiali andate in scena all’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão, teatro del secondo di quattro appuntamenti stagionali del FIM Endurance World Championship 2016 dai giusti presupposti in termini di spettacolarità e di tematiche d’interesse. A punteggio pieno al comando della classifica di campionato frutto dei 60 punti raccolti a Le Mans (40 per la vittoria, 20 addizionali al termine delle prime 8 e 16 ore di gara), il Team Kawasaki SRC diretto da Gilles Stafler ha monopolizzato la scena nelle decisive seconde qualifiche con una media sul giro di 1’46″257 frutto dei tempi, conseguiti con specifiche Pirelli da qualifica, di Gregory Leblanc (1’46″508), Matthieu Lagrive (1’45″992) e di Fabien Foret (1’46″271). Con questo forsennato passo velocistico la compagine che dal 1993 rappresenta Kawasaki France ha avuto la meglio rispetto ad un’altra squadra Pirelli, nello specifico YART Yamaha con una media di 1’46″307 grazie ai tempi di Broc Parkes (1’45″921), Marvin Fritz (da rookie 1’46″028 in sostituzione dell’infortunato Max Neukirchner) e del rientrante Ivan Silva (1’46″972).

Senza le gomme da qualifica per decisione Dunlop, non hanno vissuto una qualifica esaltante i Campioni del Mondo in carica di Suzuki S.E.R.T. (6° con un influenzato Vincent Philippe in 1’46″912, caduto alla curva 5 Anthony Delhalle ha girato in 1’46″933 mentre Etienne Masson in 1’47″114) e Honda Racing, addirittura 14° complice una scivolata di Julien Da Costa al tornantino in discesa della Torre VIP. Chi ha invece impressionato, confermando l’alto livello di performance dopo il podio di Le Mans (3°,) sono i tre volte vincitori della 8 ore di Suzuka del team F.C.C. TSR Honda: con la Fireblade #5 equipaggiata da gomme Bridgestone la media sul giro di 1’46″416 ha permesso a Kazuma Watanabe (1’46″974), un velocissimo vice-Campione del Mondo Supersport in carica PJ Jacobsen (il secondo in assoluto più veloce in 1’45″456 all’esordio nell’EWC) e Damian Cudlin (1’46″819) di qualificarsi con il terzo tempo davanti a GMT94 Yamaha, quarto e con il nostro Niccolò Canepa in 1’46″243 il più veloce dell’equipaggio a scapito di David Checa (1’46″999) e del suo nuovo teammate Lucas Mahias (1’46″383).

Niccolò Canepa il più veloce dell'equipaggio Yamaha GMT94
Niccolò Canepa il più veloce dell’equipaggio Yamaha GMT94

Reduce dal podio a Donington Park nella Superstock 1000 FIM Cup e da un positivo test con la R1 ufficiale del Mondiale Superbike a Misano con Pata Yamaha, Canepa è il migliore tra i nostri portabandiera, ma non l’unico nella top-10: Gianluca Vizziello con la Kawasaki Bolliger #8 è infatti ottavo con un best lap personale di 1’48″109, scatterà ventiquattresimo (e sarà lui ad affrontare il primo stint di gara) invece Emiliano Bellucci con la Kawasaki #46 del Flembbo Leader Team. Se la classe Superstock ha esaltato i vincitori di Le Mans di 3ART Yam’Avenue (addirittura 7° assoluti con Louis Bulle, Lukas Trautmann e Alex Plancassagne) mentre la Yamaha R1 #14 del Maco Racing Team (Gregory Junod, Marko Jerman, Anthony Dos Santos) primeggia nella graduatoria Dunlop Independent Trophy (60.000 euro di montepremi complessivo per questo evento), il nome del giorno risponde al nome di Miguel Oliveira che merita (doverosamente) un capitolo a parte.

Vice-Campione del Mondo Moto3 in carica, attuale protagonista del Mondiale Moto2 con i colori Leopard Racing, in qualità di ‘guest star‘ dell’evento (la sua partecipazione è finanziata direttamente dall’organizzatore) il giovane pilota portoghese al debutto assoluto nell’Endurance e con una 1000cc è stato il più veloce in assoluto con un fantastico 1’45″157 conseguito nelle Qualifiche 2 in sella alla Yamaha YZF R1 #44 Pirelli preparata da YART, schierata sotto le insegne del Parkalgar Racing Team e condivisa in equipaggio con Miguel Praia (1’48″437) e Matthieu Lussiana (1’47″323, caduto oggi senza conseguenze). Se la prestazione ha lasciato molti addetti ai lavori senza parole, lo è ancor di più pensando che ieri pomeriggio si era ritrovato in Ospedale per una rovinosa caduta nelle prove libere: dolore alla mano destra, botta alla testa, ma non abbastanza per costringerlo alla resa.

Sensazionale debutto nell'Endurance di Miguel Oliveira
Sensazionale debutto nell’Endurance di Miguel Oliveira

Il Mondiale Endurance scopre così un protagonista in più aspettando il via della gara in programma domani alle 9:30 locali, le 10:30 italiane con 12 ore che potrebbero risultare decisive nella corsa al titolo iridato.

La 12 ore di Portimao del FIM EWC in DIRETTA TV su Eurosport 2

FIM Endurance World Championship 2016
12 Horas de Portimão
Classifica Qualifiche

01- Team Kawasaki SRC – Kawasaki ZX-10R – 1’46.257 (EWC)
01- YART Yamaha Official EWC Team – Yamaha YZF R1 – 1’46.307 (EWC)
03- F.C.C. TSR Honda – Honda CBR 1000RR SP – 1’46.416 (EWC)
04- GMT94 Yamaha – Yamaha YZF R1 – 1’46.542 (EWC)
05- Parkalgar Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’46.972 (EWC)
06- Suzuki Endurance Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – 1’46.986 (EWC)
07- Team 3ART Yam’Avenue – Yamaha YZF R1 – 1’47.337 (SST)
08- Team Bolliger Switzerland – Kawasaki ZX-10R – 1’47.560 (EWC)
09- Team April Moto Motors Events – Suzuki GSX-R 1000 – 1’47.565 (EWC)
10- Maco Racing Team – Yamaha YZF R1 – 1’47.783 (EWC)
11- Team Louit Moto 33 Traquer – Kawasaki ZX-10R – 1’47.807 (SST)
12- Yamaha Viltaïs Experience – Yamaha YZF R1 – 1’47.877 (SST)
13- Junior Team LMS Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – 1’47.877 (SST)
14- Honda Endurance Racing – Honda CBR 1000RR SP – 1’48.080 (EWC)
15- Volpker NRT48 by Schubert Motors – BMW S1000RR – 1’48.161 (SST)
16- Lukoil BMW Motorrad CSEU – BMW S1000RR – 1’48.264 (EWC)
17- Team 18 Sapeurs Pompiers – Kawasaki ZX-10R – 1’48.567 (SST)
18- Tati Team Beaujolais Racing – Kawasaki ZX-10R – 1’48.785 (SST)
19- Team R2CL – Suzuki GSX-R 1000 – 1’49.334 (EWC)
20- AM Moto Racing Competition – Kawasaki ZX-10R – 1’49.422 (SST)
21- Starteam PAM Racing – Suzuki GSX-R 1000 – 1’50.023 (SST)
22- Slider Endurance – Yamaha YZF R1 – 1’50.501 (SST)
23- Team Sport Moteur Actif – Suzuki GSX-R 1000 – 1’50.531 (SST)
24- Flembbo Leader Team – Kawasaki ZX-10R – 1’50.660 (EWC)
25- Ecurie Chrono Sport – Kawasaki ZX-10R – 1’50.867 (SST)
26- GERT 56 HMT by rs speedbikes – BMW S1000RR – 1’50.970 (SST)
27- Zuff Racing Team – Honda CBR 1000RR SP – 1’51.217 (SST)
28- Team LRP Poland – BMW S1000RR – 1’51.287 (EWC)
29- Tecmas Racing Team – BMW S1000RR – 1’51.483 (EWC)
30- Motos Actives Sport 14 – Kawasaki ZX-10R – 1’54.265 (SST)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy