Superbike: Davide Giugliano: “Sono a piedi perchè non corro gratis”

Superbike: Davide Giugliano: “Sono a piedi perchè non corro gratis”

Uno dei top rider rischia di rimanere fuori dal Mondiale 2017. La moda dei piloti gratis o con la valigia ormai condiziona le scelte anche dei team importanti

Davide Giugliano a piedi è un paradosso. La sua non conferma come secondo pilota Ducati Aruba per l’arrivo di Marco Melandri è anche comprensibile, ma il fatto che con i giochi quasi chiusi non abbia ancora una sella, è un’assurdità.

Il rider romano non nasconde nulla in occasione della chiacchierata di giovedi mattina, durante il suo viaggio in direzione Magny Cours.

“Poche storie: non ho notizie, non ho trattative in corso, insomma sono a piedi. Sembra che il trend attuale, che vede i piloti Superbike correre gratis o a pochi spiccioli, se non addirittura a pagamento, stia avendo la meglio sulla situazione. Ormai anche ex top rider si offrono a zero. Tutti quelli con cui parlo mi vorrebbero, ma nessuno ha i soldi per pagarmi, e io ho fatto un punto d’onore del fatto che nessun pilota che fa il mondiale debba correre gratuitamente o a cifre irrisorie. Rischiamo troppo, ci facciamo male, abbiamo famiglia, non è giusto buttarci via.”

Che si riferisca a Giampiero Sacchi che Giugliano lo vorrebbe anche ma che col suo team sta ancora cercando conferme di moto e di budget, non è dato sapere, ma di fatto il numero 34 ha già perso il treno Puccetti, che per il suo debutto in Superbike gli ha preferito un Krummenacher con valigia da mettere sulla sua Kawasaki.

Finisce così, la breve chiacchierata. Nella speranza che non finisca così anche la vicenda. Il campionato ha bisogno di Giugliano e anche di cambiare questa brutta abitudine di non retribuire i suoi protagonisti.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sbulbor - 2 mesi fa

    Sarà anche che non è proprio garanzia di vittoria per usare un eufemismo, di certo un buon pilota che avrebbe bisogno di un progetto costruito attorno, ma poteva andare peggio, se non era romano o romagnolo manco aveva sponsor sui giornali…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy