SBK: Biaggi con IodaRacing eppure Aprilia ci pensa su

SBK: Biaggi con IodaRacing eppure Aprilia ci pensa su

Aprilia corteggiata da due team, piloti con la valigia e Max Biaggi che torna come ds di IodaRacing. Tutto fantastico. Eppure Aprilia ci sta pensando su

Per Aprilia sembrano non esserci vicende facili. Dopo le ultime stagioni travagliate in Superbike, con conferme dell’ultim’ora, partenze illustri e campionati arrangiati all’ultimo momento, il tutto incrociato con stagioni in Moto GP da dimenticare sia per il team ufficiale che per i clienti, la casa di Noale ha deciso di riportare in Superbike il suo potentissimo Ufficio Complicazioni Affari Semplici con il quale avrebbe aperto una succursale anche nella Stock 1000. Recenti sono le voci dell’ultimatum a M2 Racing che avrebbe due giorni per decidere se far fare o meno la Superbike a Savadori (pilota sotto contratto Aprilia). Due giorni sono un tempo ragionevole (solo per Aprilia) per capire se Savadori deve fare un ulteriore anno di purgatorio in Stock a casa M2 oppure passare in SBK pagato, magari girato a Ioda che potrebbe coprire il suo ingaggio come parte del compenso ad Aprilia. Il team ternano, che ha in dote la buonuscita offertagli da Ezpeleta per lasciare libero lo slot in MotoGP, è visto da Noale come un buon partito. Anche se Giampiero Sacchi vorrebbe evitare di girare alla casa veneta tutta la liquidazione di Don Carmelo. Per questo sono sotto esame le candidature di Vasquez e Badovini (entrambi muniti di valigie) oltre al confermatissimo De Angelis, ben contento di fare la SBK sull’Aprilia, diversamente da quanto messogli in bocca col nuovo sistema stile “Verissimo” della stampa motociclistica. Se da Noale negano tutto il meccanismo, nel paddock si conoscono persino le date e gli orari degli incontri. Compreso quello con il bluff dominicano JR Racing, incontrata e ascoltata nonostante la manifesta garanzia di inaffidabilità. Si conosce anche l’insoddisfazione manifesta (inspiegabile) di Aprilia… una situazione abbastanza emblematica. La casa veneta è in una win win situation eppure ne sembra infastidita. Due team di qualità a corteggiarla (M2 Racing e Ioda), piloti buoni in un paniere blindato (Savadori, De Angelis) più altri muniti di sponsor e tutt’altro che disprezzabili, una moto che in Stock fa paura e in Superbike potrebbe dire la sua, e un’organizzazione, Dorna, che sta facendo letteralmente carte false per averla in entrambi i campionati, spostando nelle derivate di serie una squadra seria e professionale. L’unico problema potrebbe essere la necessità di potenziare una struttura tecnica attualmente sottodimensionata per fare bene in due campionati, ma si sa, con i soldi si ottengono gli uomini e con gli uomini si ottengono i soldi. Soprattutto se il direttore sportivo, nelle derivate di serie, dovesse essere niente meno che Max Biaggi. Eh già. Aprilia si troverebbe, fra le varie “disgrazie”, anche quella di avere come DS il romano sei volte campione del Mondo. La presenza di Biaggi vorrebbe dire varie cose: link con Mediaset per il team Ioda, visibilità per Aprilia in TV (una sorta di binomio simile a quello che Yamaha ha con SKY in MotoGP), e un vagone di esperienza in SBK da uno che l’ha vinta, proprio con la casa del leone, due volte. A chi tutto… e a chi niente. Eppure ci si pensa ancora sopra.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy