Parla Giampiero Sacchi “Vi spiego perchè Ioda è ancora senza piloti”

Parla Giampiero Sacchi “Vi spiego perchè Ioda è ancora senza piloti”

La squadra ternana ha perso in pochi giorni Giugliano e Guintoli. E adesso deve riorganizzare il 2017 con Mercado e De Angelis in cima alla lista

Siamo Ioda e non una Casa e quindi a volte paghiamo pegno.

Comincia così l’intervista con Giampiero Sacchi, che in breve tempo si è visto sfuggire sia Giugliano che Guintoli, emigrati, va detto, verso un campionato nazionale, seppur prestigioso, ma solo per motivi di budget e per essere stati chiamati a raccolta da Case ufficiali.

Tutto quello che diciamo potrebbe essere usato contro di noi ma vorrei comunicare, sia la nostra vitalità, sia il nostro spirito di appassionati professionisti. Abbiamo comunque dei limiti e dei conti da far quadrare, per prendere un impegno di qualità e soprattutto per mantenerlo…

Oltre alla Superbike si parlava di impegno anche nella SSP300…

Ci siamo iscritti alla classe 300 con Armando Pontone, che è un nostro pilota, che con noi ha vinto il campionato Italiano, con l’idea di schierare una Yamaha. E’ tutto in divenire ma ci siamo iscritti. Le iscrizioni erano in scadenza e non volevamo perdere il treno; contiamo di partecipare. Questo non vuol dire che non faremo la Superbike. Abbiamo una moto da garantire a De Angelis e ci stiamo lavorando”.

La differenza è quindi fra una moto o due…

E’ chiaro che vorremmo fare due moto. Il nostro ostacolo è questo: non tanto schierare due moto, quanto schierare due moto di qualità e fare un campionato di qualità con due piloti di qualità. A volte sembrare rinunciatari per mantenere dei buoni standard è  necessario… anche se è sicuramente più facile spararla grossa e mantenersi lontani dalle promesse”

Le voci delle trattative con Leandro Mercado, come secondo pilota, sono fondate?

“Non faccio alcun commento ma non nascondo che consideriamo Leandro Mercado un ottimo pilota ed un bravo professionista. Non ci dispiacerebbe schierarlo…”

Aprilia supporta già ufficialmente una squadra, come sono i vostri rapporti con Noale?

“C’è totale apertura e disponibilità da parte di Aprilia. Definire ottimo il nostro rapporto con l’azienda è riduttivo.Con Romano Albesiano e i vertici  di Noale è tutto a posto e c’è reciproca fiducia reciproca e la volontà di fare il meglio possibile.”

Ioda è interessata anche all’Endurance?

“Altro tema appassionante, che però, questo sì, presenta temi concreti. Una moto per l’Endurance deve essere preparata molto diversamente. Servono i fari (ride ndr)… i cablaggi. E’ un desiderio di cui ci potremmo occupare quando sarà tutto a posto…”

I lettori si staranno chiedendo: ma alla fine Ioda in concreto cosa farà?

“Sono molte le cose concrete che ci riguardano. Ci sono i test prenotati per l’Australia, la benzina già acquistata per Australia e Thailandia (ride ndr), ci sono le iscrizioni fatte, le trattative già a buon fine e i rapporti solidi con Aprilia. E a monte c’è la sicurezza che tutto quello che faremo, lo faremo al meglio. C’è anche un burget da completare, ma del resto, chi ha tutti i soldi che vorrebbe? Ti rendo le cose facili e ti dico io cosa manca: mancano i proclami e le super promesse in uno scenario idilliaco, ma quello non fa parte del nostro DNA, non fa parte dello stile Ioda Racing”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sbulbor - 2 settimane fa

    prendete Zanetti che è a piedi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy