MotoGP Sachensering Kevin Schwantz duro: “Andrea Iannone datti ai kart!”

MotoGP Sachensering Kevin Schwantz duro: “Andrea Iannone datti ai kart!”

L’ex iridato e uomo immagine Suzuki ridicolizza il pilota abruzzese in crisi di risultati: che sta succedendo nel box di Davide Brivio?

1 Commento

Dopo la qualifica del Sachsenring Kevin Schwantz ha tuonato contro Andrea Iannone. “Con questa moto dovremmo lottare per i podi, non arrivare ultimo in due sessioni. Se non se la sente di rischiare, dovrebbe andare a girare in go kart. I giapponesi sono educati e si scusano per i risultati, invece dovrebbe scusarsi lui.” Lo riporta la Gazzetta dello Sport in edicola domenica 2 luglio, nel pezzo d’apertura di Paolo Ianieri.

Sono parole dure come pietre. Perchè Kevin Schwantz, 53 anni, non è solo il campione del Mondo 500GP nel 1993, personaggio ancora amatissimo dagli appassionati. Il texano è, da sempre, uomo Suzuki: gira il mondo come ambasciatore del Marchio e uomo immagine. Quindi non è un commentatore qualsiasi, ma una voce aziendale. Quindi viene da chiedersi se sia stata l’uscita estemporanea di un ex campione che ha sempre parlato fuori dai denti, oppure se  Schwantz non abbia dato voce pubblicamente al fortissimo malumore della Suzuki per i risultati di Andrea Iannone. E’ un dato di fatto che nella scorsa stagione, con Maverick Vinales e Aleix Espargaro, la GSX-RR volasse e fosse costantemente in lotta per le posizioni da podio. Adesso invece è relegata nei bassifondi: l’abruzzese ha chiuso all’ultimo posto (!?) le due sessioni del venerdi e nel GP Germania scatterà 16°, cioè in sesta fila.

Iannone in Suzuki  ha due anni di contratto (più un’opzione sul terzo) e si parla di un ingaggio di tre milioni di € a stagione.

MotoGP Sachsenring Warm Up Spunta Jonas Folger, 8° Rossi

MotoGP Sachsering Qualifica Cronaca e classifica completa

MotoGP Sachsering Jorge Lorenzo risorge: 6° sul bagnato

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. andreattfan - 3 settimane fa

    Leggendo l’intero articolo, non si può non essere d’accordo col “texano dagli occhi di ghiaccio”. Si parla tanto di Belen, ma il problema è solo Iannone che ha preso la “balotellite”: il fondo lo ha toccato finendo la gara di Barcellona davanti a Guintoli di poco più di un secondo. Come ha detto K.Schwantz, l’unica speranza per la Suzuki è la maturazione di Rins.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy