MotoGP: Maverick Viñales e il capotecnico Ramon Forcada al capolinea?

MotoGP: Maverick Viñales e il capotecnico Ramon Forcada al capolinea?

Il pilota spagnolo ha puntato l’indice sul suo tecnico di riferimento. E ha già sondato due possibili sostituti…

di Massimiliano Garavini
Ramon Forcada whit Maverick Viñales during of race day of the Gran Premio Movistar de Aragon, Circuit of Motorland, Alcañiz, Spain. Sunday, 24th september, 2017. (Photo by Jose Breton/NurPhoto via Getty Images)

Al termine del GP di Francia, Maverick Viñales non le ha certamente mandate a dire: «all’interno del box non stiamo lavorando bene, dovremo sicuramente cambiare le cose. Sembra che io sia l’unico a soffrire in questo momento sulla Yamaha. Oggi ho cercato di spingere al massimo in ogni curva, e non mi importava se rischiavo di cadere». Il pilota di Roses ha manifestato una palese insofferenza nei confronti della sua squadra.

SOTTO ACCUSA – Pare che le ragioni della frustrazione vadano ricercate nel metodo di lavoro: il capotecnico di Viñales è un maniaco dei dettagli, abituato a lavorare per piccole modifiche. Il catalano invece preferirebbe invece un approccio meno soft. Per questo Il giornalista spagnolo Diego Lacave afferma che il pilota ufficiale del Team factory Yamaha avrebbe “esaminato” in questa settimana almeno due noti tecnici, destinati – perlomeno nelle intenzioni – a rimpiazzare l’esperto Ramòn Forcada. Secondo quanto riporta motofan.com i due candidati a prendere il posto del veterano ingegnere, avrebbero risposto: «no, grazie». Forcada a Le Mans sarebbe stato criticato anche da persone considerate vicine al pilota.  Lacave sostiene inoltre che il capotecnico della M1 ufficiale di Viñales ignorasse, fino a questa settimana, quali fossero le vere intenzioni del #25. Di certo, chiosa il giornalista spagnolo, quel che accadrà al Mugello rappresenterà un’(ulteriore) incognita e una potenziale grana per Meregalli e Jarvis. A questo proposito è bene ricordare che Forcada, assieme al suo staff, – plurivittorioso con Jorge Lorenzo – decise di rimanere in Yamaha quando il maiorchino si trasferì in Ducati, manifestando lealtà alla Casa di Iwata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy