MotoGP: “E se Jorge Lorenzo restasse in Ducati?” Il sogno televisivo di fine estate

MotoGP: “E se Jorge Lorenzo restasse in Ducati?” Il sogno televisivo di fine estate

In diretta Sky sollevano il dubbio, ma l’amministratore Ducati Claudio Domenicali spegne le illazioni: “Le cose ormai sono fatte”

di Paolo Gozzi, @paologozzi1
Claudio Domenicali

Il motociclismo in tv è un format come gli altri: ci si esalta, si piange, si scherza, e se qualcosa non piace più,  basta aggiustare il copione. Jorge Lorenzo che si è rimesso a fare il fenomeno ma  sul più bello lascerà la Ducati per la Honda,  televisivamente sembra funzionare poco. Perchè ogni  volta ci sarebbe da chiamare sul banco degli imputati i dirigenti Ducati e chiedere come abbiano potuto prendere un abbaglio simile, cioè consegnare un cinque volte campione del Mondo alla Honda che già aveva Marc Marquez a libro paga. I processi sono scomodi,  più facile aprire il libro dei sogni: “E se ci fosse un ripensamento?”

Durante la diretta del  warm up di Misano gli inviati Sky  hanno chiesto a Claudio Domenicali, l’amministratore delegato Ducati  che ha scaricato Jorge Lorenzo (leggi qui)  a cosa alludesse Davide Tardozzi dopo la pole del maiorchino con “per l’anno prossimo si vedrà”. Domenicali non si è sottratto. “Io credo che queste dichiarazioni riflettano lo stato delle cose, Stiamo bene insieme,  stiamo facendo tutto il possibile per vincere il maggior numero di gare e il campionato si chiude a Valencia. Il futuro è il futuro, le cose sono fatte.” Fine del sogno televisivo.

Domenicali poi ha cercato di dare una spiegazione. “Le decisioni sono frutto di un lavoro di squadra, si ragiona con tutti gli elementi che ci sono. Io sono sereno, facciamo il nostro lavoro con passione, cerchiamo di essere onesti, a volte facciamo un lavoro straordinario, a volte non tutte le scelte sono perfette. Prendeteci per come siamo. Spesso si devono prendere delle decisioni avendo in mano degli elementi che non sono sufficienti per prendere la decisione più adeguata per il futuro. C’è stato un tempismo non perfetto. Guardiamo il lato buono, nel 2019  avremo una squadra che invece che due punte avrà un Dovi come elemento fortissimo.” Quindi nel 2019, senza Jorge Lorenzo, la Ducati giocherà ad una punta sola. Danilo Petrucci sarà contento della fiducia ricevuta.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. James - 2 settimane fa

    Domenicali continua a non imbroccarne una a livello comunicativo. Prima con Lorenzo, ora con Petrucci.. mamma mia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcogurrier_911 - 2 settimane fa

    Complimenti, Manager. Bella dichiarazione….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy