MotoGP Caso gomme, torna l’anteriore dura. A maggioranza…

MotoGP Caso gomme, torna l’anteriore dura. A maggioranza…

MotoGP Caso gomme, torna l’anteriore dura. A maggioranza…Michelin tirata per il bavero costretta a riportare la 070 scartata nei test. Lorenzo e Ducati non volevano.

1 Commento

Adesso, in MotoGP, i piloti decidono a maggioranza se in un GP debba essere disponibile una gomma o l’altra. Dopo i test di Jerez, il 66% ha deciso che dal Mugello la Michelin dovrà rimettere a disposizione, l’anteriore 070, quella con carcassa più dura scartata nei test invernali. Chissà come sarà felice quel 34% di piloti che non la voleva….

BRUTTA BEGA – Fare il fornitore unico è un brutto affare, perchè realizzare coperture che si adattino a sette moto tecnicamente tanto diverse è assai difficile. Ma affidare la decisione ai piloti è il modo più semplice per creare polemiche. Adesso la Michelin diventerà l’alibi di chi perde, correndo il rischio (che è quasi certezza…) di essere accusata di favorire questo o quello. Non è un mistero, per esempio, che a spingere verso l’anteriore dura sia stato Valentino Rossi e che Jorge Lorenzo non la volesse. Ma in Ducati dovranno farsene una ragione, perchè dal Mugello (4 giugno) si torna all’antico.

DIREZIONE INCERTA – Piero Taramasso, l’ingegnere francese cui è demandato il difficile compito di mediare tra le esigenze di piloti e squadre (nella foto d’apertura con il team manager Yamaha Massimo Meregalli), ha fatto sapere che fosse stato per loro la “070” non sarebbe uscita dalla selezione, perchè Michelin ritiene che un anteriore di solida costruzione sia più adattabile a circuiti, condizioni, moto e stili di guida diversi. Ma, ci tiene a far sapere Taramasso, “i piloti nei test invernali ci hanno portato verso soluzioni più soffici.” Adesso si torna indietro, con tutte le implicazioni tecniche del caso: gestire il monogomma non è come portare due gomme “evo” sfornate a tempo di record nella notte, implica dover costruire il numero di esemplari necessario per dotare tutti i piloti della griglia del quantitativo necessario. Per cui sono in gioco tempi e strutture produttive che non si possono mobilitare in due ore, servono giorni. Ecco perchè la “070” ci sarà al Mugello (4 giugno) ma non nel prossimo round di Le Mans (21 maggio).

MotoGP Jerez Test Maverick Vinales risolve i problemi, Valentino Rossi no

MotoGP Jerez Test Valentino Rossi boccia il nuovo telaio Yamaha

MotoGP Jerez Test Jorge Lorenzo “Sono sempre più soddisfatto”

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. allyounee_636 - 2 settimane fa

    La sua domanda é chissà come sarà felice il 34%…e le dico chissà come sarebbe stato felice il 66% se non fosse stata messa a disposizione? Si è troppo sibillini su queste gomme se non si volesse influenzare le gare dovrebbero esserci più mescole e carcasse meno performanti o mantenere le caratteristiche delle gomme per almeno un biennio. Fanno provare le gomme quando le moto sono oramai già definite. Un calendario più intenso pre pausa Valencia non basta troppo poco e una pista da kart con temperature non sempre indicative

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy