MotoGP: Andrea Dovizioso, il fascino sottile della sconfitta

MotoGP: Andrea Dovizioso, il fascino sottile della sconfitta

Gran finale, ma c’è poco da festeggiare. Perchè sarà difficile che ricapiti…

1 Commento
Andrea Dovizioso nel box Ducati, Valencia 12 novembre 2017

C’è un fascino sottile in ogni grande sconfitta.  Andrea Dovizioso non ha ribaltato il Mondiale, però  ha insegnato agli italiani come si perde. Se hai dato tutto, se sei andato oltre i tuoi limiti, e magari hai trovato per strada avversari più forti e fortunati, non c’è niente da recriminare. Davanti a grandi sconfitte anche il pianto può diventa dolce.

Il Dovi non ha nulla da recriminare. Ha compiuto un salto di qualità enorme, doveva essere  il valletto di Jorge Lorenzo e invece per due terzi di Mondiale è stato lui a tracciare la strada Ducati. Ma “normalizzare” la sconfitta è un errore. E’ una atroce banalità sostenere che “Dovi ha aperto un ciclo, ci può riprovare nel 2018.” Nello sport, e anche nella vità, ci sono sconfitte che non si rimarginano e occasioni che non ritornano.

Purtroppo per Andrea, pilota di grande talento e uomo gentile, ho l’impressione che sia questo il caso. E’ impossibile non constatare che nell’ultimo scorcio di stagione, diciamo da Misano in avanti, Lorenzo è andato più forte. Nel 2018 il maiorchino partirà conoscendo bene la moto, non rifarà gli stessi errori e partirà sparato. La Ducati lo paga 12 milioni l’anno per vederlo vincere. Ammesso che la Desmosedici resti in vantaggio tecnico, come per gran parte è stato in questa stagione, contro un cinque volte campione del Mondo per il Dovi sarà difficilissimo in pista. Forse ancora più arduo districarsi fra le trame “politiche” delle strategie della marca del gruppo Audi.

Inoltre ci sarà da fare di nuovo i conti con Marc Marquez, che in cinque anni di MotoGP ha vinto quattro Mondiali. Se la Honda reggerà in qualche modo l’urto della concorrenza italiana, sarà un’impresa scalfire la supremazia del vero Fenomeno di quest’epoca.

Dovizioso non è stato ora. E forse non ci sarà un quando…

MotoGP Jorge Lorenzo, così non si fa

MotoGP Valencia Cronaca e classifica del GP

MotoGP 2018 Acquista i biglietti sul nostro shop, 40% di sconto per Misano

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossiterredicuccagn_984 - 2 settimane fa

    EGR. Sigh. Gozzi, a volte mi chiedo che gare guarda… Lorenzo quest’anno è arrivato davanti a Dovizioso due volte… E da Misano in poi solo ad Aragon… In Malesia momenti cade per cercare di stare davanti… E ce l’hanno fatta passare come una manovra dovuta a ordini di scuderia… Oggi erano sullo stesso livello, forse andava più forte Dovizioso nei primi giri e Lorenzo nella seconda metà gara… Ma come ha scritto su questo sito il suo collega… Oggi Lorenzo non ha fatto una gran figura… È così sicuro che l’anno prossimo starà davanti a Dovizioso facilmente?
    Corrado Rossi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy