Moto Mercato 2017 Bombe inesplose che non esploderanno

Moto Mercato 2017 Bombe inesplose che non esploderanno

Melandri-Kawasaki? Ma quando mai, è già in Yamaha. E Pedrosa con Rossi? Ne ha scritto la Gazzetta dello Sport settimane fa, qualche sito si sveglia adesso.

Ci sono due tipi di bombe. Quelle esplose e quelle inesplose. Fra quelle inesplose ci sono quelle che esploderanno e quelle che non esploderanno mai. Le bombe recentemente lanciate sui siti di motociclismo sportivo corrispondono ai sogni o ai desideri: ecco quelli che molto probabilmente non si realizzeranno.

MELANDRI-KAWASAKI? – Il ravennate dovrebbe aver già firmato con Yamaha Pata.  Niente da fare per il binomio con il team Puccetti che però potrà comunque avere un’ottima Kawasaki e un top rider approfittando del dissidio Sykes – Rea. Ma servono condizioni molto particolari e un super supporto di S. Carlo. Il progetto di Puccetti per avere una moto ufficiale vedrebbe il sacrificio del team Provec. Non impossibile ma difficile.  Tornando a Yamaha, semmai è a rischio il binomio con il team che gestisce le moto. Il metodo di lavoro di Crescent, si dice, non soddisfa le esigenze di Yamaha Europe. Non è contento nessuno. Per cui facile ci sia una mezza rivoluzione. Della configurazione attuale rimarrebbero solo lo sponsor e Sylvain Guintoli, attualmente infortunato ma sempre caro a Mr Pata Remo Gobbi.

PEDROSA CON VALENTINO? – Più probabile che Pedrosa, uomo Redbull, piuttosto che andare in Yamaha, vada a sviluppare la KTM. Un investimento enorme (54 milioni di € solo lo stabilimento dedicato al progetto) richiede un pilota di estrema qualità. Per cui Dani potrebbe essere preferito a Dovizioso. Andare in un team completamente Monster per Pedrosa non è affatto semplice. Dell’operazione ha scritto la Gazzetta dello Sport il 23 aprile scorso e nelle ultime ore MCN. Non gli ultimi arrivati, quindi. Ma i dubbi restano.

GIUGLIANO A CASA SUBITO? – Non accadrà. Ducati ha investito sul romano e non ha deciso ancora niente. Se accadrà qualcosa di eclatante, sarà dovuto ad una stagione di Giugliano ancora più nera unita ad un altro top rider da acquistare a prezzo di saldo. Giugliano non crea problemi, non ha pretese e ha voglia di fare. E poi Ducati ha altri pensieri.  Per adesso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy