Max Biaggi, un’altra settimana in terapia intensiva

Max Biaggi, un’altra settimana in terapia intensiva

Il sei volte campione del mondo operato per la seconda volta per liberare il polmone destro dalle costole fratturate e sovrapposte

Commenta per primo!

La guarigione di Max Biaggi procede nei modi stabiliti, con tutta la cautela dovuta verso un paziente che ha comunque riportato la frattura di undici costole e di una clavicola, e permane ricorverato nel reparto di terapia intensiva.

Nei giorni scorsi era trapelata la possibilità che il sei volte campione del Mondo potesse lasciare la rianimazione, invece la degenza è stata allungata di almeno un’altra settimana. Max resta quindi ricoverato di terapia CR1 del San Camillo di Roma, dov’è arrivato nel pomeriggio dell’otto giugno scorso dopo l’incidente al Sagittario di Latina mentre si allenava con la Supermotard.

Nei giorni scorsi Biaggi ha subìto un secondo intervento chirurgico, in anestesia totale, necessario per liberare il polmone destro che era rimasto “pizzicato” dalla frattura scomposta di due costole che, sovrapponendosi, hanno agito come una grossa pinza. L’intervento, perfettamente riuscito, ha sbloccato la cassa toracica, agevolando Max nella respirazione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy