La MotoGP al Mugello evento a rischio ma è meglio non dirlo

La MotoGP al Mugello evento a rischio ma è meglio non dirlo

Le nostre considerazioni sulle tensioni del Mugello: piloti sotto scorta, divieti vari, la Polizia che potrà “daspare”. Il motociclismo sta diventando come il calcio?

6 commenti

Jorge Lorenzo e Marc Marquez avranno una guardia del corpo al seguito per tutto il weekend del Mugello. La misura preventiva è stata decisa direttamente dal Direttore degli eventi di Dorna Sports. Quindi l’organizzatore della MotoGP è preoccupato per la situazione e si premunisce per evitare che possibili tensioni coinvolgano due piloti che si giocano il titolo Mondiale.

Considerazioni sparse.

1- Per chi diceva che “il problema in termini di sicurezza non sussiste“, questa è la risposta.

2- Il problema persiste da mesi ed è stato sottovalutato da chi di dovere e soprattutto dai media. In pochi hanno parlato di questa situazione. E si continua imperterriti su questa linea: tra mercoledi pomeriggio e giovedi mattina i siti stranieri tracimano di notizie e commenti su questo argomento, in Italia…niente. Chi ha interesse a nascondere notizie e possibili problemi?

3- C’è  chi puntualizza che  “Beh, era già successo con Simoncelli a Barcellona nel 2011”. Infatti. Trascorso un lustro siamo allo stesso punto di partenza. Non c’è stato in cinque anni modo di trasmettere al pubblico occasionale/appassionato cosa dovrebbe rappresentare il motociclismo (o, banalmente, lo sport in generale). Se nel 2011 si puntava il dito contro il pubblico spagnolo, vediamo adesso di fare un mea culpa e di renderci conto della situazione una volta per tutte.

4- In base all’ordinanza di settimana scorsa della Prefettura, il motociclismo in italia è ufficialmente  visto come il calcio. Attenzione: le ordinanze (vietata la vendita degli alcoolici, no bottiglie di vetro, aumentate le misure di sicurezza) sono le stesse di una partita di calcio o basket, c’è anche la possibilità di comminare  daspo per chi dovesse compiere intemperanze. Significa il divieto di poter assistere ad altri eventi.  Il GP d’Italia al Mugello  è ritenuto dalle autorità di pubblica sicurezza evento a rischio. Il motociclismo come Roma-Napoli. Rendiamoci conto.

5- Ricordo che il “clima di terrore” di questi mesi ha “convinto” il Fans Club ufficiale italiano di Marc Marquez a disertare il Mugello (se n’è parlato nei mesi scorsi). Il Fans Club ufficiale italiano di Jorge Lorenzo invece ci sarà (presenza lodevole a dir poco), speriamo vada tutto per il meglio.

6- Il pubblico va “educato”. La mancanza di cultura verso il motociclismo ha prodotto questo risultato. Le raccomandazioni last minute non servono a nulla.

7- Le ordinanze della prefettura testimoniano come il problema non siano soltanto “i fischi rivolti al pilota X“. Il problema è più grave ed importante che non può assolutamente esser sottovalutato.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. manes - 1 anno fa

    Yotex, parli di politici poi tifi uno dei più grandi evasori d’Italia. L’idiota sei te, quello che vale meno di una c**ata di colomba sei te, vai al Mugello a tifare il tuo idiolo sapientone, l’unica nota positiva è che “esperti” della domenica come te tra un paio di anni non ci saranno più. Altro che disprezzare i meno fortunati, ma ritirati va sei ridicolo, accoglili in casa tua santone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. manes - 1 anno fa

    Yotex, l’Italia va male in quanto gentaglia come te dal cervello minuscolo ha ancora la possibilità di respirare. Parli di meno fortunati, se ti stanno tanto a cuore accoglili in casa tua o vallo a dire a quelli che si son trovati un figlio morto o una figlia violentata da tali esseri, magari ti faranno un grosso favore rifacendoti i connotati. Parli di politici? Ladri? Continua a parteggiare per uno dei più grossi evasori d’Italia, complimenti. L’Italia va male a causa di personaggi della domenica come te, vergognati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. c.elleun_79 - 1 anno fa

    Dopo anni in cui giornali e TV non fanno altro che coprire le scorrettezze del pilota italiano, demolire tutti i suoi avversari, esaltando questi poveretti verso un incompetente ed acritico tifo da stadio inadatto al motociclismo pur di accrescere l’affare commerciale che Valentino rappresenta per gli sponsor, per i gommisti e per loro stessi, ci si meraviglia che migliaia di idioti reclamino “vendetta” per il loro idolo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. manes - 1 anno fa

    Ma sei impazzito o cosa? Ho più rispetto di un africano appena sbarcato che di uno che riesce a scrivere certe stupidate. Da reparto pscihiatrico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Yotex888 - 1 anno fa

      dal suo commento razzista e poco intelligente direi che lei ha grossi problemi psichiatrici oltre al fatto di dimostrare di valere meno di una cac*ta di colomba.E poi diciamo che la colpa c’è l’ha il governo, ma italioti come lei che sanno solo disprezzare i meno fortunati c’è n’è purtroppo molti e quindi l’italia continua ad essere il cesso del mondo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. cromaad9_256 - 1 anno fa

    Io credo che nessuno avrà comportamenti delinquenziali da stadio. Ci saranno una marea di fischi ed imprecazioni verso due persone che, se pur campioni, hanno avuto un comportamento così antisportivo mai registrato nella storio dal motociclismo mondiale. Devono imparare e memorizzare che quei comportamenti sono IMPERDONABILI. E pensare alle dichiarazioni ipocrite-bugiarde di MM che dopo la sua caduta (volontaria) di Sepang 2015, piagnucolava sulla pericolosità delle sua cadute (la sua avvenuta a 50-60 Km/h appoggiato a VR nella speranza che anche VR cadesse) e a JL che protestava in direzione gare reclamando la squalifica di VR ed al comportamento di JL che, mentre Valentino era sul podio, aizzava il pubblico a fischiarlo- Comportamenti inamissibili. E ora quei due pretenderebbero che VR facesse annunci solenni di “rispettare gli avversari”, persone che il rispetto l’hanno perso da tempo e che non lo meritano, nè come persone, nè come piloti. Pernacchie, fischi ed urla se li meritano tutti. Lanci di oggetti da stadio certamente no, ci posizioneremmo un gradino ancor più basso di loro. E per finire : se hanno la scorta i casi sono due o sono “vittime” o il loro comportamento è stato “delinquenziale” e le conseguenze le pagano perchè milioni di persone anno cos’hanno fatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy