Il Caso: AMG Mercedes sta per prendersi tutta MV Agusta?

Il Caso: AMG Mercedes sta per prendersi tutta MV Agusta?

Alla MV Agusta regna l’incertezza e i tedeschi minacciano di prendersi tutto

Per MV Agusta non sono giorni facili. La situazione è poco chiara dal punto di vista sportivo: il team Forward di Giovanni Cuzari pare si stia disimpegnando dal progetto SBK con ritorno dei pieni poteri al team manager Andrea Quadranti. Anche la  situazione aziendale è a dir poco problematica e le moto già vendute restano in fabbrica perchè mancano componenti.

La casa di Schiranna, modelli nuovi e proclami a parte, vive una situazione d’incertezza. Se l’entrata di AMG non ha sortito effetti evidenti è perchè ha messo piede nel capitale MV Agusta con il 25% ma ha deciso di aspettare per vedere cosa il management di Varese avrebbe fatto con i soldi. Non soddisfatta, secondo voci ben introdotte,  starebbe per  aumentare la partecipazione, in modo da avere il peso decisionale per fare le cose “alla tedesca” e dare una rimescolata ai piani alti. Dove evidentemente le cose da un po’ di tempo non vanno come dovrebbero.

I problemi di MV non sono tanto dal punto di vista progettuale, i modelli ci sono e sono anche stati graditi dal pubblico, quanto da quello operativo e logistico.  Sarebbero figli di una crisi che si protrae ormai da troppo tempo. In soldoni (termine azzeccato), i creditori sono molti, i debiti anche, e la fornitura di parti nuove sarebbe sbloccata solo con pagamenti immediati. Per le  corse è la stessa cosa: adesso avete capito perchè l’opzione Marco Melandri è sfumata nel nulla, insieme ai vantaggi promozionali che un simile abbinamento avrebbe garantito.

Quindi, se è pur vero che l’immagine di MV Agusta è ancora quella di una casa gloriosa, vincitrice di numerosi titoli con Agostini e leader in Supersport con l’efficientissima F3, l’altra faccia della medaglia parla di un Melandri non ingaggiabile in Superbike per mancanza di fondi, e di casi  come quello di Stradale e Turismo veloce, moto già vendute ma ferme nei piazzali per la mancanza di un faro, impossibile da montare in quanto il fornitore sarebbe nel frattempo fallito e avrebbe chiuso i battenti.

Se Ducati ha beneficiato dell’ingresso di Audi migliorando organizzazione e gestione, nel caso di MV un aumento dell’interesse di AMG, pronta a comandare davvero, avrebbe un esito ancora più provvidenziale. Sempre che i tedeschi non cambino idea e decidano per una exit stragegy. Del resto Mercedes queste cose le ha già fatte altre volte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy