Caso Fenati: Parla Stefano Manzi “Sono pronto a perdonarlo”

Caso Fenati: Parla Stefano Manzi “Sono pronto a perdonarlo”

Il pilota riminese tende la mano all’avversario. “Non farò causa, voglio andare avanti”

di Redazione Corsedimoto
RIO HONDO, ARGENTINA - APRIL 05: Stefano Manzi of Italy and Forward Racing Team greets and walks in paddock during the MotoGp of Argentina - Previews on April 5, 2018 in Rio Hondo, Argentina. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Stefano Manzi tende la mano a Romano Fenati. Il pilota riminese che durante il GP San Marino della Moto2 ha rischiato di cadere per l’azionamento del suo freno anteriore da parte dell’avversario è stato intervistato da Mediaset.  “Quando Romano ha allungato il braccio ho avuto quel mezzo secondo di riflessione per capire che c’era qualcosa che non andava, ma sono convinto che non volesse farlo con cattiveria, nonostante il gesto sia brutto” ha commentato Manzi.

AZIONE LEGALE – “L’unica cosa che non mi è piaciuta è quando ha parlato di provocazioni: io non ho provocato nessuno, la bagarre e le sportellate fanno parte del nostro sport. A ogni modo, non ho avuto paura: è stata una ‘sbacchettata’, avrei preso paura se fosse andata peggio. Anche se, onestamente, dopo un fatto del genere non penso che avremmo potuto convivere nello stesso team, ma prima di Misano non ho mai avuto problemi con lui. Sono già pronto a perdonarlo, facciamo soltanto sbollire un attimo le cose: non gli ho fatto causa e non ho intenzione di farlo, preferisco metterci una pietra sopra e andare avanti”.

Intanto la famiglia di Romano Fenati è pronta a denunciare gli autori di minacce, anche di morte, arrivate via social. Leggi qui

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy