Altre due vittime in un 2017 nero per il motociclismo

Altre due vittime in un 2017 nero per il motociclismo

Nel weekend del 7 e 8 ottobre 2017 hanno perso la vita l’inglese Fran Fletcher e l’indonesiano Muhammad Fadhil. Motociclismo nuovamente in lutto.

Commenta per primo!

La serie di incidenti mortali che sta purtroppo caratterizzando il 2017 del motociclismo si allunga ulteriormente e durante il weekend del 7 e 8 ottobre ci hanno lasciati altri due piloti.

In occasione dell’ultima tappa del campionato inglese Classic Racing Motorcycle Club (CRMC) a Brands Hatch ha perso la vita Fran Fletcher (nella foto in apertura), pilota della categoria Classic 350 cc Senior. Molto stimata nell’ambiente, Fletcher svolgeva l’incarico di consigliera nella sua Winterton, città di cui era stata anche sindaca, e coltivava la sua passione per il motociclismo partecipando al CRMC. Aveva 55 anni.

È invece morto a Nabire durante la gara della Motoprix Regent Cup KONI IMI 2017 il giovane Muhammad Fadhil, pilota seguito da Yamaha Indonesia. Secondo le informazioni che circolano, il 19enne indonesiano è caduto durante il giro di riscaldamento della gara della sua categoria e ha urtato il marciapiede procurandosi numerose fratture (tra cui quelle a collo e colonna vertebrale) risultate poi fatali.

22289883_2234786930082723_5680428554353966251_o
Muhammad Fadhil.

Fran Fletcher e Muhammad Fadhil vanno ad aggiungersi alla lista dei piloti morti in quello che è un 2017 davvero nero per il motociclismo. Ricordiamo che quest’anno ci hanno lasciati piloti famosi come Nicky Hayden e il campione dell’Endurance Anthony Delhalle così come una serie di volti meno noti: il francese figlio d’arte Adrien Protat, i nostri Dario Cecconi e Stefano Togni, la giovane promessa del motocross Igor Cuharciuc e i due britannici Mick Whalley e Mark Fincham.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy