Yamamoto, boss Honda Racing: “F1 e la 8 ore di Suzuka le nostre priorità”

Il numero 1 delle attività sportive Honda a 2 e 4 ruote rivela gli obiettivi per il 2019: nel motociclismo l’imperativo è tornare a vincere la gara di casa…

La 8 ore di Suzuka, si sa, per le case costruttrici giapponesi rappresenta la gara dell’onore, dell’orgoglio, da vincere a tutti i costi. “Più di un mondiale 500cc“, si diceva un tempo. Oggi realisticamente non è più così, ma per qualche marchio salire sul gradino più alto del podio nella maratona Endurance dell’ottovolante vale più rispetto che ad altri. Questo il caso della Honda, non soltanto perché si tratta della sua effettiva gara di casa (nel senso letterale del termine…), ma per una molteplice combinazione di fattori: non vince dal 2014, nell’ultimo quadriennio Yamaha ha fatto man bassa di successi, come se non bastasse l’onta della figuraccia vissuta nel 2015 con l’incidente di Casey Stoner è tuttora argomento di discussione.

Per queste ragioni lo scorso anno HRC è tornata ufficialmente a schierarsi al via della 8 ore di Suzuka con un proprio team (per esigenze di sponsor ribattezzato “Red Bull Honda with Japan Post“), cullando fino al penultimo stint la possibilità di aggiudicarsi la vittoria. “Abbiamo concluso al secondo posto: per noi è una sconfitta“, ammise Tohru Ukawa, ex-pilota recordman di successi (5) alla 8 ore, oggi Team Manager HRC nella gara-evento giunta quest’anno alla sua 42esima edizione.

Risulterebbe effimero ribadire l’importanza per Honda di tornare a vincere a Suzuka, ma ci ha pensato in questi giorni Masashi Yamamoto. Il numero 1 delle attività sportive a 2 e 4 ruote del colosso di Tokyo ha espresso a chiare lettere quali siano i propositi dell’azienda nel Motorsport per questa stagione. “Il 2018 per Honda è stato un anno positivo in termini di risultati“, ha ammesso in un’intervista ripresa da Motorsport Japan. “Pensando al 2019, mi piacerebbe vedere la nostra riconferma ai vertici nei campionati che abbiamo vinto lo scorso anno, ma non solo: vogliamo tornare a vincere in Formula 1 ed alla 8 ore di Suzuka“.

In Formula 1 quest’anno Honda giocherà “all-in” in virtù del matrimonio con Red Bull, tra l’altro main sponsor proprio del progetto 8 ore di Suzuka. “In F1 la collaborazione con Red Bull promette bene, inoltre daremo continuità allo sviluppo intrapreso con Toro Rosso“, ha proseguito Yamamoto. “Parlando delle due ruote, ci teniamo particolarmente a tornare vittoriosi alla 8 ore. Come sappiamo l’Endurance non è una specialità facile, bisogna combinare diversi aspetti per essere competitivi: squadra, moto, tre piloti nello stesso equipaggio. Siamo tornati a correre ufficialmente alla 8 ore di Suzuka lo scorso anno e abbiamo fatto tesoro di questa esperienza: adesso puntiamo a vincere“.

Chiaro? E chissà che sulla CBR 1000RRW ufficiale HRC il prossimo 28 luglio, accanto al pupillo Takaaki Nakagami, non possa esserci un altro pilota Honda MotoGP: d’altronde l’imperativo è vincere…

Honda HRC seconda alla 8 ore di Suzuka? “Una sconfitta”

FOTOGALLERY Le Honda ufficiali al via della 8 ore di Suzuka

 

Click here to read the full article in English on Bikeandrace.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy