Supersport: Primi test di Héctor Barberá con la Kawasaki

Il neopilota Kawasaki Héctor Barberá ha affrontato due giornate di test tra Mugello e Imola. Ecco le parole del pilota e del team manager Manuel Puccetti.

Il round di Portimao si avvicina sempre di più e con questo anche l’attesissimo debutto di Héctor Barberá nel Mondiale Supersport, dove il pilota spagnolo correrà con la Kawasaki ufficiale affidata al team Puccetti Racing.

Barberá ha affrontato due giornate di test con la sua nuova squadra, girando prima al Mugello e poi a Imola. Questi test sono stati fondamentali per l’ex-MotoGP, che ha così potuto provare per la prima volta la Kawasaki ZX-6R. Team e pilota hanno lavorato duramente per trovare subito il giusto setup e alla fine il giudizio è stato molto positivo da entrambe le parti. Sotto riportiamo le parole che ci hanno rilasciato Héctor Barberá e Manuel Puccetti (titolare dell’omonimo team), entrambi soddisfatti e fiduciosi.

Héctor Barberá: “Sono molto contento di questi test. Prima siamo stati al Mugello, dove abbiamo verificato la nostra competitività e trovato un buon setup, e poi abbiamo passato una giornata all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola per poter macinare altri chilometri. Era la prima volta che giravo su questa pista, ma mi piace davvero molto e alla fine siamo andati forte anche lì. Sono davvero contento delle sensazioni che ho avuto e dell’ottimo lavoro svolto dal team. Inoltre, la Kawasaki ZX-6R è un’ottima moto e mi sono trovato bene fin da subito. Andiamo a Portimao con grande motivazione, speranzosi di poter far bene già lì.

Manuel Puccetti: “Abbiamo fatto due giornate di test, una al Mugello e l’altra a Imola, e siamo contenti di come sono andate. Abbiamo percorso circa 8oo km in totale, 100 giri solo a Imola, e alla fine abbiamo trovato un buon assetto. Héctor è un pilota fantastico, un vero professionista. Dal punto di vista umano è una brava persona e come pilota è veloce ed estremamente sensibile alle modifiche. Siamo partiti dalle basi che già avevamo, ma insieme a Hèctor abbiamo provato molte soluzioni e alla fine abbiamo trovato un assetto a lui congeniale. Non vediamo l’ora di andare a Portimao e vedere cosa possiamo fare!”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy