Supersport: Cortese-Cluzel, l’incidente che può cambiare la storia

La fotosequenza del fattaccio che può decidere il Mondiale: le scuse rifiutate, poi la stretta di mano

Il fotografo Silvio Tosseghini ha scattato la sequenza dell’episodio che rischia di aver deciso le sorti del Mondiale Supersport 2018. Al primo giro del round portoghese il tedesco Sandro Cortese ha perso l’anteriore, travolgendo l’avversario diretto nella corsa al titolo, il francese Jules Cluzel. A complicare le cose, il fatto che dopo l’incidente Cortese sia riuscito a riprendere la gara, concludendola al quinto posto (11 punti) mentre Cluzel non è ripartito, incassando un pesante zero.

Il vantaggio di Cortese su Cluzel è salito a sedici punti, distanza non irrimediabile visto che  mancano ancora tre round (Francia, Argentina e Qatar), con 75 punti in palio. Ma l’episodio ha scatenato forti tensioni nel dopo gara. Sandro Cortese è andato subito a porgere le scuse, ma ha trovato la porta del box sbarrata da Eric Mahe, connazionale e manager di Jules Cluzel. Una circostanza che ha richiamato alla mente le scuse di Marc Marquez dopo il GP d’Argentina, “respinte” sulla soglia del garage da Uccio Salucci, braccio destro di Valentino Rossi.

Per fortuna la tensione in Supersport è sbollita in pochi minuti. Una mezz’ora dopo Cortese e Cluzel si sono parlati e stretti la mano. Meglio così. “Mi è partito l’anteriore all’improvviso, non mi era mai successo da quando corro in Supersport” (da questa stagione, ndr) ha commentato Cortese, ex di Moto3 e Moto2. Le tre sfide finali delle medie cilindrate saranno assai infuocate.

Supersport Portimao: cronaca e classifica finale

Fotosequenza: Silvio Tosseghini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy