Superbike: Lorenzo Zanetti “La Ducati V4? Un altro mondo!”

Parla Lorenzo Zanetti, tester della nuova Ducati Panigale V4: “Lo stile di guida del pilota cambia totalmente.”

A Misano si sta svolgendo il primo round stagionale del CIV, ma in realtà a tenere banco è il debutto in un weekend di gara della Ducati Panigale V4, moto che a partire dal 2019 prenderà il posto della 1199 Panigale nel Mondiale Superbike. Portata in pista nel National Trophy 1000, tra gli altri, dal team Barni (Ivan Goi e Luca Conforti), Eddi La Marra e Luca Pini, la nuova nata della casa di Borgo Panigale si è subito messa in evidenza nelle prove libere del venerdì, dove La Marra, Goi e Conforti l’hanno portata in top 10 ottenendo rispettivamente il 4°, 8° e 9° tempo.

Essendo impegnato nel CIV Superbike col team Motocorsa, a Misano è presente anche Lorenzo Zanetti, ingaggiato da Ducati come tester ufficiale della V4. Il pilota bresciano ha già avuto modo di provare la moto in più occasioni e questo gli ha permesso di farsi un’idea a riguardo. Ecco cosa ci ha detto.

Come ti sembra la V4?

È una moto nuova, ma sembra nata sotto una buona stella. Abbiamo girato a Jerez con tutti i piloti del Mondiale e già lì, con tutti gli occhi puntati addosso, siamo andati molto bene. Fortunatamente è filato tutto liscio: non abbiamo avuto problemi e abbiamo girato già con ottimi tempi. La bontà del progetto c’è e quest’anno cercheremo di provare il più possibile per sviluppare la moto in vista del Mondiale 2019.

Quali sono le peculiarità principali della moto?

È tutto un altro mondo. Il fatto che sia una quattro cilindri la rende una moto completamente diversa rispetto alla 1199 Panigale e il pilota deve cambiare totalmente il proprio stile di guida. Il motore ha un’ottima erogazione e un ottimo arco di utilizzo e il telaio è stato decisamente rivisitato. Le prime uscite ci stanno servendo per raccogliere dati, dopo di che inizieremo a lavorare sulla messa a punto.

Nel National Trophy 1000 la V4 è già nelle prime 10 posizioni. Te lo aspettavi?

Avendola provata sia in versione stradale, sia nella versione che vedremo in Superbike, so che questa moto ha un grande potenziale e può stare nelle primissime posizioni. Il problema è che i team che l’hanno scelta hanno avuto poco tempo per lavorarci sopra e non hanno praticamente dati. Adesso sono indietro, ma sono convinto che durante l’anno arriveranno grandi risultati.

Nel 2019, oltre che al debutto in Superbike della V4, assisteremo anche a quello del team Motocorsa?

Magari! Il team sta lavorando per approdare al Mondiale e quest’anno faranno la Superstock 1000 con Federico Sandi e T. J. Alberto al fine di fare esperienza e prepararsi. Mi farebbe piacere aiutarli ad arrivare al Mondiale e arrivarci con loro. Però bisogna fare le cose un passo alla volta e vedere se ci sono le condizioni per far bene, perché in caso contrario sarebbe meglio rimanere nel CIV.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy