Superbike Diario Usa: “Al party dopo gara i piloti bevono birre. Non poche…”

Dopo la gara Rea, Davies, Laverty e Camier si prendono in giro tra di loro e brindano con qualche birra. Come ai vecchi tempi…

Commenta per primo!

Ultima puntata del diario Usa che il team Puccetti Kawasaki Racing ha condiviso con i lettori di Corsedimoto. Il team manager Manuel Puccetti ci racconta l’ultimo giorno: la sfida finale, lo smontaggio del box e il party serale. Rivelando un retroscena interessante…

ATMOSFERA – Si conclude il nostro viaggio americano. E’ stato un week end stupendo, indescrivibile per l’atmosfera californiana. A Laguna Seca e nei centri circostanti abbiamo trovato gente super ospitale, sorridente, sempre disponibile.Sabato non eravamo andati bene, gara 2 è stata migliore. Randy Krummenacher ha concluso al quattordicesimo posto, conquistando due punti Mondiali. La cosa importante è che ha diminuito il suo gap dai migliori alla sua prima esperienza sul difficile circuito di Laguna Seca. Benone, sono piccoli progressi ma importanti.

RITORNO – Ricomposte le casse per la spedizione in Europa di tutto il materiale, il team si è diretto  a Monterey, cittadina costiera a venti chilometri dal circuito, per la cena finale. Stavolta abbiamo mangiato messicano. Poi c’è stato il party della Superbike. Lì abbiamo potuto ridere e scherzare insieme ai piloti e abbiamo visto cose d’altri tempi. Cioè Rea, Sykes, Camier, Davies, Laverty e anche l’ospite Tony Elias, che corre nel Motoamerica. Li abbiamo visti bere birre insieme (non poche….), scherzare tra di loro e tenere banco tutta la sera, tirandosi frecciatine tra di loro ma con rispetto e sportività,

RICORDI – Mi è tornato in mente quanto mi raccontava l’amico Doriano Romboni, delle sportellate che si davano in pista i campioni degli anni ’90 e poi la sera tutti a festeggiare al pub come fossero amici, e invece erano comunque avversari. Davvero è stata una trasferta magica, conto già adesso i giorni che mancano alla prossima edizione. Fra qualche ora saremo in Italia, via San Francisco. Un saluto e un abbraccio a tutti.

0 commenti

Recupera Password

accettazione privacy