Rimini abbraccia Marco Bezzecchi, è festa al Museo della città

Le immagini della festa realizzata per Marco Bezzecchi, che ha vissuto una straordinaria stagione da protagonista nel Campionato del Mondo.

Il Comune di Rimini ed il Nuovo Motoclub Renzo Pasolini hanno voluto festeggiare nel migliore dei modi Marco Bezzecchi, reduce da un 2018 da protagonista nella categoria minore del Motomondiale, nella quale ha lottato fino alla fine con il poi campione Jorge Martín prima di classificarsi terzo. La Sala del Giudizio del Museo della città è stato il luogo scelto per omaggiare il pilota, davanti a tanti tifosi, al sindaco Andrea Gnassi e ad altri ospiti illustri. (foto: Marzio Bondi)

La serata si è aperta con qualche parola di rito, prima che il sindaco consegnasse a ‘Bez’ una formella d’argento con lo scorpione (il segno zodiacale del pilota, nonché il simbolo sempre presente sul suo casco). Dopo questa introduzione, è Bezzecchi a prendere la parola, raccontando la sua emozionante stagione tra gli applausi dei presenti: un’annata conclusa con nove podi complessivi, dei quali tre successi, oltre alle splendide battaglie in pista, soprattutto con il maggior rivale, Martín. “All’inizio nessuno mi avrebbe dato una lira” ha raccontato sorridendo, “invece ho lottato fino alla fine per il mondiale. Mi sono emozionato tanto e vi ho fatto emozionare. Questo è per me molto importante.”

Emozione che traspare anche negli occhi del padre Vito, sempre presente accanto al figlio in giro per il mondo “finché mi vuole”, ha aggiunto scherzosamente ricordando poi gli inizi nonché le tensioni ad ogni GP vissuto così da vicino. Fierezza espressa da parte di Sergio Rastelli, presidente del Motoclub Pasolini, che sottolinea anche la passione di ‘Bez’: “Le gesta di Marco, che partecipa attivamente alla vita del club, trasmettono entusiasmo nelle nuove leve.” Ma una nuova sfida attende il pilota, vale a dire la Moto2: Bezzecchi ha già realizzato i primi test a Jerez con la KTM del rivoluzionato team Red Bull KTM Tech 3, prima della pausa invernale. “Ci ho pensato a lungo. Inizialmente l’idea era rimanere in Moto3 e cercare di vincere il titolo, ma la moto iniziava a starmi stretta. Mi hanno cercato anche altre case, ma ho preferito la KTM.”

Come detto inizialmente, molti ospiti illustri non hanno voluto mancare a questa festa, come il direttore del circuito di Misano Alberto Albani o l’ex campione riminese Pierpaolo Bianchi. Presente anche Massimo Roccoli, campione italiano Supersport 600 nonché parte attiva per la crescita dei giovani talenti azzurri, così come Matteo Ferrari (all’esordio in MotoE nel 2019), che ha riservato solo applausi a Bezzecchi, od anche il giovanissimo Alessandro Zanca (classe 2004), campione tricolore in carica OHVALE GP-0 190. Sul finale, taglio della torta e brindisi con tutti i presenti, con l’augurio di un 2019 ricco di successi per il riminese.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy