MotoGP, Thai Test: Cal Crutchlow al comando nella prima giornata

Nonostante una caduta, il pilota LCR Honda chiude al comando davanti ad Alex Rins, a Marc Marquez e ad Andrea Dovizioso.

Si chiude la prima giornata di test sul tracciato del Buriram con una Honda al comando: parliamo del pilota LCR Cal Crutchlow, che a fine giornata (nonostante una caduta) trova lo spunto vincente per stampare il miglior crono in 1:30.797. In seconda piazza c’è la Suzuki guidata da Alex Rins, staccato di appena 12 millesimi e che ha preceduto il campione ed il vice campione del mondo Marquez e Dovizioso. Si riprende domani (alle 4.00 ora italiana) per la seconda giornata di test.

Tanto lavoro da fare per i piloti della categoria regina del Motomondiale, chiamati ad un lavoro di adattamento ad una nuova pista ma anche al continuo sviluppo di quanto visto già a Sepang. Alcune novità sono rappresentate dalle carenature, un progresso per il duo Repsol Honda ma in particolare per i piloti ufficiali Ducati (in azione anche con un telaio differente) e Petrucci. Colpiscono anche le ‘alette’ comparse sull’anteriore di Johann Zarco, tornato in azione col telaio 2016 dopo i test a Sepang.

Si prova un nuovo hardware (già testato a Sepang) in casa Movistar Yamaha, con l’obiettivo di risolvere alcuni problemi accusati nel corso dei test ufficiali in Malesia. Tanto lavoro su diverse configurazioni del motore e del telaio in casa Suzuki, che oggi ha piazzato Rins in seconda posizione, mentre Iannone ha chiuso con il nono tempo. Poche novità invece per Aprilia, che porterà nuovo motore e forcellone solo a Losail, ma nel frattempo ha dotato entrambi i suoi piloti di una versione 2017 ed una 2018 (provvisoria) della RS-GP.

Tempi particolarmente ravvicinati su questa pista, con ben 20 piloti che sono racchiusi in meno di un secondo. Questa corta classifica vede Takaaki Nakagami miglior rookie in 17° posizione a otto decimi dal compagno di squadra in testa, seguito dal nostro Franco Morbidelli, da Thomas Luthi, da Xavier Simeon (protagonista di una rovinosa caduta fortunatamente senza conseguenze) e da Hafizh Syahrin, alla prima presa di contatto con la M1 del team Tech 3.

I tempi a fine giornata

Cattura

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy