MotoGP, Thai Test: alle 14.00 Marquez al comando su Dovizioso

Il campione del mondo in carica autore del miglior crono provvisorio davanti al rivale 2017 Andrea Dovizioso, a Johann Zarco ed a Valentino Rossi.

Il Chang International Circuit accoglie il primo dei tre giorni di test MotoGP, con i piloti chiamati a conoscere per la prima volta questa pista thailandese. Detta il passo fino a questo momento Marc Marquez, autore del miglior riferimento cronometrico in 1:30.912 (al di sotto del record in pole position realizzato in World Superbike, preso come tempo da seguire inizialmente in mancanza di riferimenti in MotoGP), seguito da Andrea Dovizioso e dalle Yamaha di Johann Zarco e Valentino Rossi.

Riprendono i lavori da dove si erano interrotti a Sepang, pista che ha ospitato i primi test del 2018. La novità maggiore, come accennato, è rappresentata dal circuito, entrato a far parte del calendario per la prima volta e che i piloti della categoria regina devono quindi conoscere, pur continuando a lavorare su novità tecniche. Una di queste è rappresentata dalle ‘alette’ presenti sulla M1 di Johann Zarco, nuovamente in azione col telaio 2016 e miglior pilota Yamaha al momento. La seconda novità in casa Tech 3 è rappresentata da Hafizh Syahrin, alla prima presa di contatto con una MotoGP. Nuovo profilo aerodinamico anche in casa Repsol Honda, come visto sulle RC213V di Marc Marquez e Dani Pedrosa (protagonista di una caduta senza conseguenze).

Nuovo chassis in casa Ducati, portato in pista sia da Andrea Dovizioso (secondo miglior crono momentaneo) che Jorge Lorenzo (13° ad un secondo da Marquez in testa), mentre continua il lavoro di sviluppo in casa Movistar Yamaha, con Valentino Rossi (39 anni oggi) e Maverick Vinales impegnati in quelli che secondo loro saranno dei test fondamentali per capire la direzione da seguire per ottenere la giusta competitività nel 2018. Registriamo già alcune cadute: oltre al già citato Pedrosa, finiscono a terra anche Cal Crutchlow, Alvaro Bautista, Tito Rabat e Xavier Simeon, senza conseguenze per i piloti anche se in alcuni casi le moto hanno riportato danni considerevoli.

La classifica alle 14.00 locali

Cattura

Foto: crash.net/twitter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy