MotoGP: Marc Marquez promuove Jorge Lorenzo e le ombrelline

Il campione del Mondo in carica ospite d’onore al gala della Federazione Moto Spagnola parla di avversari e…grid girl

Marc Marquez ritorna in Spagna dopo la prima sessione di test a Sepang. Al vaglio del campione in carica due motori, uno più potente l’altro con più coppia; una carena aerodinamica che non soddisfa ancora in pieno; un’elettronica da perfezionare per addolcire l’aggressività del V4. Giusto il tempo di tornare in patria, è l’ospite d’ onore al Gala della Federazione motociclistica spagnola che si è tenuto stamane a Madrid

MALESIA – L’8° crono nella classifica combinata malesiana non causa nessun malumore nel box #93. I punti iniziano ad essere assegnati con il primo Gran Premio del Qatar e iniziare con il piede giusto non significa necessariamente vincere il Mondiale. La stagione 2017 docet. Il motore della RC213V 2018 ha dato una buona impressione, ma bisogna addomesticarlo con l’elettronica entro l’ultimo test di Losail agli inizi di marzo, dopo cui si dovrà congelare lo sviluppo… e arrivederci al prossimo anno. “Ci sono cose da affinare e migliorare, ma sembra buono. Quando arriva un nuovo motore ci sono molte cose da gestire e mettere in atto”. Ma il punto fermo è che la Honda si è dimostrata costante e competitiva sia sul bagnato che sull’asciutto, in attesa di proseguire lo sviluppo in Thailandia dal 16 al 18 febbraio.

RIVALI – Marc Marquez non riparte con la convinzione di essere il più forte. Ducati ha dato una gran prova di forza, Yamaha ha impressionato nei primi due giorni, Suzuki ha fatto un passo avanti, Aprilia e KTM sono al lavoro per avvicinarsi al gruppo di testa e certamente ridurranno il loro gap. “A partire dal 1 gennaio non sono più un campione, ero un campione. Sono uno qualunque sulla griglia di partenza, un altro che proverà a lottare per il titolo. In Qatar partiremo tutti da zero punti, proprio come i favoriti”. Eppure quel crono record di Jorge Lorenzo non può non destare un minimo di preoccupazione. “Sappiamo che Lorenzo è capace di tutto, così ha vinto cinque mondiali, non c’è nulla di nuovo, ha finito la stagione molto bene. Ha comandato per grande parte della gara  in Malesia, a Valencia era da podio fino a quando non è caduto… sarà un rivale per il titolo”.

GRID GIRLS – L’argomento del giorno è l’addio delle grid girls dal mondo della Formula 1… “E’ qualcosa che non decidono i piloti. È un altro lavoro a cui molti ragazzi e ragazze si dedicano, molto rispettabili e che molti di loro fanno come professione. Non dico che sono né a favore né contro, ma con un vestito adatto è un lavoro in più, rispettabile al 100% e che lo fanno ragazzi e ragazze che lo fanno con gioia e passione.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy