MotoGP: Hervè Poncharal “Zarco usa un motore aggiornato”

Il team principal di Yamaha Tech3 spiega anche perchè Johann nel terzo giorno di Sepang è tornato al telaio 2016

Ancora una volta, Hervé Poncharal è stato così gentile da condividere la sua visione con noi dopo un evento MotoGP. Questa volta, come ha fatto regolarmente per quasi due anni, il capo del team Tech3 ci guida verso la stagione 2018 … e fa delle importanti promesse.

Puoi fare un commento su Yonny Hernández che si è ritrovato a fare i test con Tech3 dopo la defezione di Jonas Folger?

Lo conoscevo molto poco, ma ho scoperto un ragazzo affascinante, davvero affascinante, con cui vuoi fare la stagione perché è davvero una bella persona. Mi ha raccontato un po ‘della sua vita ed è sempre interessante parlare con le persone. Vive in Spagna durante la stagione, ma viene dalla Colombia, da Medellín, di solito non abbiamo una bella immagine di questa città. Al contrario, mi ha detto che è un bel posto in cui vivere e che non c’è questa violenza sistematica di cui sentiamo parlare. Quindi ci siamo divertiti molto dal punto di vista umano, e penso anche  in pista. Spesso mi accusano di essere troppo ottimista, ma  quando sai che è passato più di un anno dall’ultima volta che hai guidato una MotoGP e durante questo   periodo l’elettronica, le gomme e le moto in generale si sono davvero evolute, e che hai fatto la Moto2 l’anno scorso, che hai girato poco Sepang e con la pressione, quando prendi tutto ciò in considerazione e . fai 2’01.2 facendo pochi giri nell’ultimo giorno perché gli abbiamo chiesto di mollare un pò, questo è esattamente quello che ci aspettavamo da lui.  Ha fatto il suo lavoro. È ovvio, ma non avremmo mai pensato che Yonny sarebbe stata in grado di lottare per fare i tempi di Johann (Zarco, ndr).  Ma neanche i tre piloti di sostituzione che abbiamo preso nel 2017 (Nozane, Parkes e van der Mark, ndr) quando Jonas non era disponibile,si sono avvicinati alle prestazioni di Johann e  nessuno di loro è andato a punti. Questo dimostra ancora una volta il livello della MotoGP, la difficoltà di trovare piloti al di fuori di quelli che sono sulla griglia, e per me, quello che ha fatto Yonny è stato molto buono.  Ha fatto davvero il suo lavoro. D’altra parte, la decisione sul proseguimento del nostro raporto non è stata ancora presa e penso che tra qualche giorno decideremo,  perché è necessario che lui lo sappia, e anche noi. Perché ha un programma sul team Kawasaki Superbike Pedercini che lo attende nel caso in cui non lo prendessimo. “

Abbiamo seguito Johann durante i test, ovviamente attraverso i suoi tempi ma anche i suoi debriefing quotidiani. Sappiamo che lavora con  metodo e senza preoccuparsi degli altri. Quando ha deciso di tornare al telaio 2016 il terzo giorno, alcuni lettori hanno scritto che potrebbe aver parlato un pò troppo presto dicendo che il telaio del 2017 era migliore del 2016.

“Sì. In ogni caso, Johann ha una caratteristica che è molto impressionante è che è qualcuno che, quando prende una decisione, non torna rapidamente indietro. Ha terminato la sua stagione 2017 a Valencia e tutti ricordiamo come, sfiorando la vittoria dopo una prestazione fantastica. Poi ha cominciato i test e voleva vedere come andasse il telaio Yamaha usato dagli ufficiali (Rossi e Vinales, ndr) nel 2017. Era il logico passo successivo dopo aver corso con il 2016 per l’intera stagionee, in un modo molto normale e logico, aveva avuto la sensazione che il 207 fosse migliore. Ha scoperto che magari poteva dare vantaggi sulla distanza gara. Ma non necessariamente essere più veloce in un giro. Non si è arreso e ha fatto tutti i test di Valencia con quello e ha fatto tutti i test a Sepang a novembre con quello. E anche a fine gennaio  ha fatto i primi due giorni con quello. Ad un certo punto, è bello avere coerenza e andare fino in fondo, ma quando sai che ci sono tre piloti Yamaha per puntare alle posizioni di vertice della MotoGP e che gli altri due girano con materiale  diverso, capisce  che potrebbe essere utile fare un nuovo test per verificare la situazione. Ecco a cosa servono i test e se non lo fai ora, non lo farai mai. Se ricordi, ha avuto un fantastico weekend al Gran Premio della Malesia a Sepang. Era stato in pole fino all’ultimo secondo, quando Dani Pedrosa lo ha battuto per tre volte e ci ha detto che aveva una sensazione fantastica sull’ asciutto, poi ha fatto podio  sul bagnato, risultando il miglior pilota Yamaha in pista. Stavolta, specialmente in modalità Time Attack, non ha trovato quella sensazione, quindi si chiedeva se fosse lui ad essere un pò arrugginito dalla sosta invernale  durante l’inverno, oppure fosse una questione tecnica. In questi casi, è normale, vuoi sapere. E così, ad un certo punto e in un modo completamente logico, ti dici che prenderai il vecchio telaio per vedere come ti senti sulla moto. Per questo ha voluto girare di nuovo con il telaio 2016 con cui ha corso lo scorso Mondiale. Ha fatto alcune brevi uscite  durante il pomeriggio del terzo giorno e la differenza non era molto significativa, ma ha preso la decisione di tenerlo. È tutto aperto. Ovviamente non è buono cambiare idea tre volte nel weekend, ma sarebbe un peccato non permettersi di provare di nuovo. Per il momento, le ultime sensazioni che ha avuto con la moto  2016 sono quelle che preferiva in questi tre giorni trascorsi a Sepang, ed è con questa moto che inizierà questi test a Buriram. E ancora, non c’è un divario tra le due moto, né il cronometro, né nel campo delle sensazioni. Non è un altro mondo. Questo è anche ciò che succede in Ducati, ed è proprio qui che la Ducati era molto forte: il 2018 ha subito cambiamenti molto piccoli rispetto al 2017. Si chiama anche “lavoro” alla Yamaha “. Da un anno all’altro, questi sono miglioramenti molto piccoli. “
 
Si è anche notato che, per la prima volta, la Tech3 aveva anche le stesse appendici aerodinamiche della squadra ufficiale. Dovremmo vedere lì uno sforzo speciale della fabbrica forse motivato dalle ambizioni di Johann?
 
“La Yamaha ci ha detto che riguardo l’aerodinamica Johann avrebbe avuto lo stesso materiale del team ufficiale. Questa è davvero la prima volta. Yamaha vuole davvero aiutare Johann come possono e lo fanno con ciò che hanno a loro disposizione. Dopo Valencia, ci avevano già detto che c’erano cose che non potevano fare, ma che avrebbero fatto tutto il possibile. Anche se non sono convinto che le pinne diano tutto questo vantaggio. Comunque, è chiaro che con il ritiro di Jonas Folger,  ci saranno tre piloti Yamaha molto forti quest’anno. Quindi, anche se non disponiamo dello stesso materiale, abbiamo un ottimo supporto e Johann avrà la stessa aerodinamica dei piloti ufficiali,  una volta definitivamente congelato per regolamento. “

Un altro punto interrogativo:  Johann ha parlato di un miglioramento delle prestazioni del motore, ma abbiamo pensato che avrebbe fatto la stagione 2018 con lo stesso motore del 2017. Puoi chiarire?
“Johann usa lo stesso motore dell’anno scorso, è vero, probabilmente solo un pò aggiornato in alcuni componenti. Siamo contenti di ciò che abbiamo, ma sai, non mi soffermo mai su questi argomenti tecnici. “

Dopo questi primi test a Sepang, in quale stato mentale ti avvicini a quelli seguenti a Buriram?

“Come ti ho detto, il lavoro a Sepang è stato  duro e intenso. Johann ha finito privo di forza, tutti i piloti erano così e anche i tecnici. Dopo la mezzanotte c’era ancora la luce in molti box, e  la mattina alle sette erano tutti di nuovo al lavoro. E ‘stato così intenso e lui dovrà essere forte nella sua testa e forte fisicamente, dobbiamo non fare errori, e penso che sarà un grande campionato, ma molto difficile per tutti. Anno dopo anno, grazie alle persone che gestiscono questo campionato, la griglia è sempre più competitiva. Vedremo grandi battaglie.”

Nessun team MotoGP conosce davvero il circuito di Buriram. Forse il divario lì sarà più evidente?

“Quello che sarà interessante è vedere se i lavori saranno  vicine su un circuito come Buriram, che è un circuito abbastanza diverso da Sepang.  Guy Coulon ha studiato la planimetria ed è convito che assomigli un pò a Motegi. Sylvain Guintoli sostiene che si tratti di una piccola Losail. Quindi vedremo.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy