MotoGP: Fabio Quartararo, quanta strada per arrivare in top class

Paddock-GP, sito francese partner di Corsedimoto, ripercorre la carriera del talento 19enne appena approdato in top class

In Francia il personaggio Fabio Quartararo comincia a coinvolgere il grande pubblico. Così Paddock-GP, piattaforma transalpina partner di Corsedimoto, lo ha inserito nella barra menù principale, accanto a personaggi trainanti come Valentino Rossi e Johann Zarco. Ai lettori francesi basterà cliccare sull’icona “Quartararo” per tenersi aggiornati in permanenza sulle gesta del piccolo El Diablo appena approdato in MotoGP.

Per chi avesse sentito parlare di Fabio solo di recente, ripercorriamo la carriera con la gallery che vedete scorrere in alto. Fabio Quartararo è nato il 20 aprile 1999 a Nizza e anche suo padre, Etienne, era pilota da corsa. In un primo momento il soprannome era “Masquibush”, visto che  “El Diablo” arriverà solo molto più tardi. Ha iniziato a guidare moto a quattro  anni e dopo alcuni test molto promettenti in Francia, ha vinto il ‘Conti School’ nel 2006, prima trasferirsi in Spagna per correre quei campionati nazionali.

2007: A soli  otto anni  è Vice-Campione di Spagna a 50cc, con tanto rammarico.  “Avevo 33 punti di vantaggio sul secondo in campionato prima delle ultime due gare disputate nello stesso fine settimana” ricorda Fabio. “Vinsi entrambe le gare, ma venni squalificato senza una buona ragione perdendo il titolo per appena tre punti.”

2008: Campione di Spagna 50cc

2009: Campione di Spagna  su Conti 70cc

2010: pilota ufficiale Metrakit in  Spagna. 3 ° posto nel campionato 80cc

2011: Campione di Spagna   80 cm3

2012: Campione di Spagna pre-Moto 125 cm3 3, nonostante un anno difficile a causa di una caduta durante un allenamento di motocross con conseguente polso rotto e compressione vertebrale. Dopo due operazioni,  difficili recuperi e tanta sofferenza, il ragazzo di Nizza ribaltò la situazione all’ultima gara, approfittando della caduta del diretto avversario.

2013: Campione di Spagna  Moto3 (FTR-Honda, Wild-Wolf). A fine stagione gareggiò nel campionato francese, sempre in Moto3, con una KTM.

2014: Campione di Spagna Moto3 (Honda, Monlau). La FIM cambia le regole sull’età minima per consentirgli di accedere al Grand Prix a 15 anni.

2015: 10° classificato nel  campionato mondiale velocità Moto3 (Honda, Monlau)

2016: 13° classificato nel campionato mondiale velocità Moto3 (KTM, Leopard Racing)

2017: 13° classificato nel  campionato mondiale velocità Moto2 (Kalex, Pons Racing)

2018: Dopo una vittoria in Catalogna e un secondo posto di Assen, è decimo in Campionato Mondiale Moto2 Sprint (Speed ​​Up Racing). Sarebbe arrivato quinto senza  la squalifica di Motegi (Giappone), dove aveva vinto ma venne estromesso dall’ordine di arrivo  a causa la pressione dello pneumatico posteriore di  0,02 bar sotto il consentito.

2019: Debutterà in MotoGP con la YZR-M1 del team Petronas Yamaha Sepang Racing Team. Fabio Quartararo ha solo 19 anni ma ha già fatto tanta strada…

Leggi qui l’articolo originale su Paddock-GP

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcogurrier_911 - 2 settimane fa

    ….praticamente, “lunga strada” equivale a :gavetta 0
    In moto 2 16, 13esimo e 10imo.
    Moto 3 più o meno uguale
    Nei campionati spagnoli risultati di rilievo. Ok, ma per approdare in top class DEVI vincere un campionato mondiale…almeno uno.
    Allo stesso modo, sento talvolta piovere critiche verso Dovizioso, che campione de Mondo è stato.
    Petrucci allora? Che è pilota ufficiale senza passare dal via, come si suol dire…?cioe dalla superstock!
    E poi si viene a dire dei piloti superabile….ma dai…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy